Johannes Dieckmann

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Johannes Dieckmann
Johannes Dieckmann nel 1967

Johannes Dieckmann nel 1967


Presidente della Volkskammer
Durata mandato 7 ottobre 1949 –
22 febbraio 1969
Predecessore carica istituita
Successore Gerald Götting

Presidente della Società per l'amicizia tedesco-sovietica
Durata mandato 1963 –
1968
Predecessore Georg Handke
Successore Lothar Bolz

Ministro della Giustizia della Sassonia
Durata mandato 1948 –
1949
Predecessore Hermann Kastner
Successore -

Dati generali
Partito politico Partito Popolare Tedesco
Partito Liberal-Democratico di Germania
Alma mater Università Humboldt di Berlino
Università di Gießen
Università Georg-August di Gottinga
Professione Giornalista

Johannes Dieckmann (Ottersberg, 19 gennaio 1893Berlino Est, 22 febbraio 1969) è stato un giornalista e politico tedesco.

È stato membro del Partito Liberal-Democratico di Germania e Presidente della Volkskammer dal 1949 al giorno della sua morte nel 1969, carica in virtù della quale dovette agire per alcuni giorni come vicario della presidenza statale sia nel 1949 che nel 1960.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Johannes Dieckmann Presidente della Volkskmmer, in una foto nel 1950
Johannes Dieckmann a Berlino, al 14º Incontro della Volkskammer

Dieckmann era figlio di un pastore. Ha studiato economia e filosofia all'Università Humboldt di Berlino, all'Università di Gießen e all'Università Georg-August di Gottinga. A Berlino è diventato un membro della VDST di Berlino. Nel 1916 fu chiamato alle armi. Nel novembre 1918 è stato Presidente del Consiglio dei lavoratori e dei soldati.

Dopo la fine della prima guerra mondiale Dieckmann ha aderito al DVP ed è stato uno dei più stretti collaboratori di Gustav Stresemann. Dieckmann è stato successivamente Segretario del DVP nei distretti di Weser-Ems, Basso Reno e Sassonia. Dal 1929 al 1930 e dal 1933 apparteneva al Landtag della Sassonia. Dal 1933 al 1939 ha lavorato come amministratore delegato di diverse associazioni di categoria di carbone. Nell'agosto del 1939 venne convocato dalla Wehrmacht, uscì a gennaio 1941 come capitano di riserva. Successivamente è stato fino al 1945 direttore del sindacato del carbone della Slesia. Nel 1944 Dieckmann era collegato con l'attentato del 20 luglio 1944, quando suo cugino Albrecht Mertz von Quirnheim venne coinvolto, chiesto sotto osservazione rigorosa della Gestapo.

Dopo la fine della seconda guerra mondiale Dieckmann ha fondato il "Commercio del carbone Sassone" e la casa editrice "Sassone Tageblatt". È stato anche co-fondatore del Partito liberal-democratico in Sassonia. Dal 1946 è stato membro del Partito Liberal-Democratico al parlamento della Sassonia ed ha sostenuto l'inclusione del suo partito nel sistema del blocco di partito nella RDT. Dal 1948 ha lavorato come Ministro della Giustizia e Vice Primo Ministro della Sassonia. Dal 1949 al 1969 è stato Vice presidente del Partito Liberal-Democratico e Presidente di sezione della Volkskammer della RDT. Nel suo ruolo di vice presidente del Partito Liberal-Democratico, è stato dal 1960 fino alla sua morte nel 1969, uno dei Vicepresidenti del Consiglio di Stato della Repubblica Democratica Tedesca. Nel 1947 è tra i fondatori della Società per lo Studio della Cultura dell'Unione Sovietica, dal 1949 della Società per l'amicizia tedesco-sovietico (DSF), ed è stato membro del Comitato Centrale. Dal 1963 al 1968 è stato Presidente della DSF.

Lo scrittore Friedrich Dieckmann (1937) è suo figlio.

La tenuta di Dieckmann è entrata nell'Archivio Centrale del LDPD a Berlino, e da lì, nel 1991 nell'Archivio del liberalismo dopo Gummersbach.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ordine al Merito per la Patria in Oro - nastrino per uniforme ordinaria Ordine al Merito per la Patria in Oro
— 1954, 1965

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente della Volkskammer Successore Flag of East Germany.svg
carica istituita 7 ottobre 1949 - 22 febbraio 1969 Gerald Götting
Predecessore Presidente della Società per l'amicizia tedesco-sovietica Successore Flagge Gesellschaft Deutsch-Sowj-Freundschaft.svg
Georg Handke 1963 - 1968 Lothar Bolz
Predecessore Ministro della Giustizia della Sassonia Successore Coat of arms of Saxony.svg
Hermann Kastner 1948 - 1949 -
Controllo di autorità VIAF: (EN8181496 · LCCN: (ENn84035341 · ISNI: (EN0000 0001 1037 4178 · GND: (DE118678248 · CERL: cnp01296042