Johann Jakob Heckel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Johann Jakob Heckel

Johann Jakob Heckel (Mannheim, 23 gennaio 1790Vienna, 1º marzo 1857) è stato uno zoologo austriaco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene non fosse un biologo formalmente istruito, lavorò lo stesso per diventare il direttore della Collezione dei Pesci presso il Naturhistorisches Museum di Vienna. Egli non era un viaggiatore o un esploratore come gli scienziati del tempo, faceva tutto da Vienna, dove gli esemplari gli venivano forniti da altri, come Karl Alexander Hügel, Joseph Russegger e Theodor Kotschy. I pesci era la sua specialità preferita, infatti lavorò a lungo con i più grandi ittiologi del suo tempo, tra cui Cuvier, Valenciennes, Bonaparte, Müller e Troschel.[1][2]

Nei settori della sistematica e della tassonomia, ha contribuito notevolmente nelle indagini sui ciprinidi, dove scrisse più di 60 opere, di cui la più notevole era "I pesci d'acqua dolce della monarchia danubiana austriaca". Ha lavorato su quest'opera per più di 24 anni ma morì prima della sua conclusione, molto probabilmente per essersi infettato con batteri da una balena morta.

Salmo dentex scoperto da Heckel

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Cyprinen, Scaphirhynchus und andere ichthyologica (1836–1840), con Johann Natterer.
  • Fische aus Caschmir, (1838), con Karl Alexander Hügel.
  • Die Süßwasserfische der österreichischen Monarchie, mit Rücksicht auf die angränzenden Länder bearbeitet (con 204 xilografie) con Rudolf Kner (1858).[3]
  • Beiträge zur kenntniss der fossilen fische Österreichs, (1856)
  • Neue Beiträge zur Kenntniss der fossilen Fische Österreichs, (1861), con Rudolf Kner.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Naturhistorisches Museum Wien History of the Fish Collection
  2. ^ de.
  3. ^ Google Books Die Süßwasserfische der österreichischen Monarchie
  4. ^ WorldCat Search publications

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN23303881 · ISNI (EN0000 0000 2257 5172 · CERL cnp01094757 · LCCN (ENno2019016982 · GND (DE132569167 · WorldCat Identities (ENlccn-no2019016982