Johann Dzierzon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Johann Dzierzon

Johann Dzierzon (Łowkowice, 16 gennaio 1811Łowkowice, 26 ottobre 1906) è stato un entomologo e zoologo polacco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque nel villaggio di Łowkowice, nei pressi di Kluczbork, dove i suoi genitori possedevano una fattoria[1]. Nel 1833 si laureò presso l'Università di Breslavia, presso la facoltà di teologia cattolica[1]. Nel 1834 divenne cappellano a Siołkowice.

Carriera scientifica[modifica | modifica wikitesto]

Nel suo alveare, Dzierzon studiò la vita sociale delle api e costruì diversi alveari sperimentali. Nel 1838 ha ideato il primo pratico alveare mobile-pettine, che ha permesso la manipolazione dei singoli favi senza distruggere la struttura dell'alveare. Il suo progetto guadagnò rapidamente popolarità in Europa e Nord America.

Nel 1835 Dzierzon scoprì che i fuchi erano prodotti da uova non fecondate. I suoi risultati causarono una rivoluzione negli incroci delle ape e può aver influenzato Gregor Mendel nella ricerca genetica pionieristica[2]. La teoria rimase controversa fino al 1906, l'anno della morte di Dzierzon, quando fu finalmente accettata dagli scienziati in una conferenza a Marburgo[1]. Nel 1853 ha acquisito una colonia di api italiane da utilizzare come marcatori genetici nella sua ricerca, e inviò la loro progenie "in tutti i paesi d'Europa, e anche in America"[3]. Nel 1854 ha scoperto il meccanismo di secrezione della pappa reale e il suo ruolo nello sviluppo delle api regine. Con le sue scoperte e le innovazioni, Dzierzon divenne famoso in tutto il mondo.

Le sue scoperte relative alla riproduzione asessuata, così come il suo interrogatorio sull'infallibilità papale, vennero respinti dalla Chiesa[1], che nel 1869 lo ritirò dal sacerdozio[4]. Questo disaccordo, insieme al suo impegno pubblico nella politica locale, portarono, nel 1873[5], alla sua scomunica, ma nel mese di aprile 1905 si riconciliò con la Chiesa cattolica romana[1].

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Morì a Łowkowice, il 26 ottobre 1906 e viene sepolto nel cimitero locale[1].

È considerato il padre della moderna apicoltura[6]. La maggior parte degli alveari moderni derivano dalla sua progettazione. A causa di barriere linguistiche, Dzierzon non era a conoscenza delle conquiste del suo contemporaneo, Lorenzo Lorraine Langstroth[6], il "padre dell'apicoltura moderna"[7] americana, anche se Langstroth ha avuto accesso alle traduzioni delle opere di Dzierzon[8]. I manoscritti, le lettere, i diplomi e le copie originali delle sue opere sono stati date a un museo polacco dal nipote, Franciszek Dzierzon.

Nel 1936 i tedeschi ribattezzarono la città natale di Dzierzon, in Bienendorf ("Bee Village"), in riconoscimento del suo lavoro con l'apicoltura[9]. A quel tempo, il governo nazista stava cambiando molti nomi slavi. Dopo la regione passò sotto il controllo polacco dopo la Seconda Guerra Mondiale, il villaggio sarebbe stato rinominato Łowkowice.

Dopo l'invasione della Polonia, molti oggetti legati a Dzierzon vennero distrutti dai tedeschi, il 1 dicembre 1939, nel tentativo di nascondere le sue radici polacche.

Nel 1962 venne creato il Museo dell'Apicoltura nella sua casa[1].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze asburgiche[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine Imperiale di Francesco Giuseppe - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Imperiale di Francesco Giuseppe

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine al merito di San Michele - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine al merito di San Michele
Cavaliere dell'Ordine di Luigi - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Luigi
Cavaliere dell'Ordine di Sant'Anna - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Sant'Anna
Cavaliere dell'Ordine di Vasa - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Vasa
Cavaliere di IV classe dell'Ordine della Corona (Prussia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di IV classe dell'Ordine della Corona (Prussia)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g (DEPL) Teresa Kudyba, Prawda ponad wszystko (The Truth above All) (PDF) [collegamento interrotto], su deutsch-polnischer-journalistenpreis.de, 2008. URL consultato il 27 marzo 2010.
  2. ^ Alfred Henry Sturtevant, Edward B. Lewis, A history of genetics, CSHL Press, 2001, ISBN 978-0-87969-607-8.
  3. ^ Eva Crane, The world history of beekeeping and honey hunting, Taylor & Francis, ISBN 978-0-415-92467-2.
  4. ^ Meyers Konversations-Lexikon, 4th edition (Leipzig), vol. 5, 1885–89, p. 268. URL consultato il 6 febbraio 2007. (DE)
  5. ^ Wit Chmielewski, World-Famous Polish Beekeeper - Dr. Jan Dzierzon (1811-1906) and his work in the centenary year of his death (PDF), Journal of Apicultural Research, Volume 45, Number 3, 2006. URL consultato il 28 marzo 2010 (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2011).
  6. ^ a b Eva Crane, The world history of beekeeping and honey hunting, Taylor & Francis, 1999, p. 421, ISBN 978-0-415-92467-2.
  7. ^ Cincinnati Historical Society, Cincinnati Museum Center, Filson Historical Society, Ohio Valley history. The journal of the Cincinnati Historical Society, 5-6, Cincinnati Museum Center, 2005, p. 96.
  8. ^ Eva Crane, The world history of beekeeping and honey hunting, Taylor & Francis, 1999, pp. 421–422, ISBN 0-415-92467-7.
  9. ^ "Niemcy "przechrzcili” miejscowość znaną pod polską nazwą w całym świecie (Łowkowice = Bienendorf)", Ilustrowany Kuryer Codzienny, no. 280, 8 ottobre 1936.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN18019820 · ISNI (EN0000 0000 7146 1040 · LCCN (ENn85094530 · GND (DE118862553 · CERL cnp00540621 · WorldCat Identities (ENn85-094530