Johan Theorin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Johan Theorin nel 2011

Johan Theorin (Göteborg, 3 settembre 1963) è uno scrittore e giornalista svedese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel 1963 a Göteborg, ha iniziato la sua carriera come giornalista e autore di racconti[1].

Ha vissuto per molti anni sull'isola di Öland, terra dei suoi avi impregnata di folklore e mistero che farà da location a molti dei suoi romanzi gialli[2].

È autore di numerose crime novel ed è stato insignito di alcuni tra i più importanti riconoscimenti nella narrativa di genere come il Premio Glasnyckeln e il CWA International Dagger per La stanza più buia[3].

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Serie Isola di Öland[modifica | modifica wikitesto]

  • L'ora delle tenebre (Skumtimmen, 2007), Milano, Mondadori, 2008 traduzione di Laura Cangemi ISBN 978-88-04-57979-3.
  • La stanza più buia (Nattfåk, 2008), Milano, Mondadori, 2011 traduzione di Laura Cangemi ISBN 978-88-04-61025-0.
  • Blodläge (2010)
  • Rörgast (2013)

Le Cronache di Jarmaland[modifica | modifica wikitesto]

  • Slaget om Salajak (2018)

Altri romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • Sankta Psyko (2011)

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • På stort alvar (2012)

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Best Swedish Crime Novel Award: 2008 per La stanza più buia
  • Glasnyckeln: 2009 per La stanza più buia
  • CWA New Blood Dagger: 2009 per L'ora delle tenebre
  • CWA International Dagger: 2010 per La stanza più buia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Biografia e bibliografia, su salomonssonagency.se. URL consultato il 25 aprile 2018.
  2. ^ (EN) Pagina dedicata allo scrittore, su fantasticfiction.com. URL consultato il 25 aprile 2018.
  3. ^ (EN) Alison Flood, Johan Theorin beats Stieg Larsson to crime writing award, su theguardian.com. URL consultato il 25 aprile 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN79221935 · ISNI (EN0000 0001 1678 4311 · LCCN (ENno2007090116 · GND (DE134087100 · BNF (FRcb15961969b (data) · BNE (ESXX4970986 (data) · NDL (ENJA01227859 · WorldCat Identities (ENlccn-no2007090116