Joey Styles

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Joey Styles
Joey Styles n friend.jpg
Joey Styles nel 2007.
NomeJoseph Carmine Bonsignore
Ring nameJoey Styles
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
NascitaThe Bronx, New York
14 giugno 1971
ResidenzaNewtown, Connecticut
Altezza dichiarata170 cm
Peso dichiarato91 kg
Debuttogiugno 1992
FederazioneWWE
Progetto Wrestling

Joseph Carmine Bonsignore, più conosciuto come Joey Styles (The Bronx, 14 giugno 1971), è un personaggio televisivo e commentatore sportivo statunitense. È conosciuto soprattutto per il ruolo di play-by-play commentator nella Extreme Championship Wrestling (ECW). Attualmente lavora come vicepresidente del contenuto media digitale per la WWE.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

North American Wrestling Alliance (1992–1993)[modifica | modifica wikitesto]

Joey Styles iniziò la sua carriera come commentatore di wrestling nella North American Wrestling Alliance (NAWA) di Tony Demura. Si divise il compito con il commentatore Craig DeGeorge o si univa insieme a DeGeorge per commentare insieme diversi show. Styles fu ospite anche di un segmento chiamato "NAWA Superstar Stats", dove si sarebbe parlato di vari wrestler e dei loro riconoscimenti. La NAWA andava in onda su SportsChannel America per un breve periodo.

Extreme Championship Wrestling (1993–2001)[modifica | modifica wikitesto]

Styles fu la voce della Extreme Championship Wrestling (ECW) dalla sua nascita nel 1993 fino alla chiusura per bancarotta nel 2001. Debuttò allo show Super Summer Sizzler Spectacular a Philadelphia, in Pennsylvania, il 19 giugno 1993. È stato il presentatore unico di ECW: Hardcore TV e passò la prima parte della sua carriera come unica voce della compagnia. In grado di ricoprire efficientemente entrambi i ruoli del commento del pro-wrestling, Styles è ricordato per aver portato tutto il suo bagaglio di conoscenza di questa disciplina e il suo amore per essa, uniti ad una buona dose di ironia, alla sua opera di commentatore. Al pay-per-view Barely Legal divenne il finora unico commentatore che abbia mai commentato da solo un evento in pay-per-view di wrestling professionistico, mentre successivamente fu affiancato tanto negli show in chiaro quanto in pay-per-view.

Major League Wrestling (2002–2004)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo un breve periodo di riposo, Styles tornò a lavorare come commentatore di wrestling nella Major League Wrestling (MLW) di Court Bauer, dal quale era stato preso in considerazione per questo ruolo sin dal lancio della compagnia nel 2002. Chiamato inizialmente a commentare gli show MLW solo per quanto riguarda il circuito home video, successivamente tornò alle sue radici di commentatore unico dei live show; molti sono i match che si ricordano in questo frangente, tra cui un Barbed Wire match tra Terry Funk e Steve Corino.

World Wrestling Entertainment/WWE[modifica | modifica wikitesto]

ECW One Night Stand (2005)[modifica | modifica wikitesto]

Styles venne inizialmente messo contratto dalla World Wrestling Entertainment (WWE) per un solo giorno, in occasione appunto del primo spettacolo One Night Stand della defunta ECW. In questa occasione viene affiancato al commento da Mick Foley, anch'esso in passato membro della compagnia di Paul Heyman.

Raw e roster ECW (2005–2008)[modifica | modifica wikitesto]

Styles firmò un contratto quinquennale con la federazione di Vince McMahon per essere la voce di Raw e debutta il 1º novembre 2005 al pay-per-view Taboo Tuesday, affiancato da Jonathan Coachman e Jerry Lawler. Nella puntata di Raw del 1º maggio 2006, Styles si rese protagonista di un worked shoot nel quale attaccò il mondo dello sport entertainment, che considerò offensivo nei confronti degli stessi wrestler (e non delle superstar, come gli è stato imposto di dire), e lo stesso McMahon; subito dopo l'attacco, Styles abbandonò la federazione. In realtà, Styles si comportò in questo modo poiché Jim Ross, storica voce della WWE, sarebbe tornato di lì a breve al suo posto, mentre lo stesso Styles sarebbe stato spostato al neonato brand ECW. Il 13 giugno 2006, insieme a Tazz, Styles tornò al commento, ma due anni dopo lasciò il posto a Mike Adamle, in quanto chiamato a ricoprire un ruolo dirigenziale con riferimento al sito web della federazione, WWE.com.

Piattaforma digitale della WWE (2008–presente)[modifica | modifica wikitesto]

Come vicepresidente del contenuto media digitale della WWE, Styles ha lavorato sulla scrittura e pubblicazione degli articoli sul sito della federazione e sulla app della WWE. Dal settembre al dicembre 2008 condusse lo show Oh My God! Moment of the Week e l'8 dicembre 2008, assieme ad Alicia Fox, presentò lo Slammy Award della categoria "OMG Moment of the Year", riproponendo la sua storica catchphrase: «Oh My God!».

Nel 2010 il suo contratto si concluse, ma è rimasto nella WWE come impiegato non sotto contratto, continuando a presentare lo show History of ECW sul canale a pagamento Classics on Demand fino al gennaio 2014, quando la programmazione è stata interrotta a causa del lancio del WWE Network.

YESNetwork.com (2012)[modifica | modifica wikitesto]

In aggiunta ai suoi impegni con la WWE, Styles diresse, durante la stagione del baseball 2012, un webshow settimanale chiamato "Pinstripe Plays of the Week" su YES Network.com, nel quale faceva un riassunto delle migliori giocate settimanali dei New York Yankees, squadra della MLB.

Nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

  • Soprannomi
    • "The Extreme Announcer"[1]
    • "The Unscripted, Uncensored, Loose Cannon of Commentary"
    • "The Voice of Extreme Championship Wrestling"
    • "Stocky Balboa"

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Wrestling Observer Newsletter
    • Best Television Announcer (1994–1996)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Joey Styles' WWE Alumni page, WWE. URL consultato il 12 agosto 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]