Joey Batey

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Joey Batey nel 2019

Joey Batey (Newcastle upon Tyne, 1º gennaio 1989) è un attore britannico, attivo in campo teatrale, televisivo e cinematografico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Joey Batey è nato e cresciuto a Newcastle upon Tyne e si è laureato al Robinson College dell'Università di Cambridge prima di studiare recitazione all'École Internationale de Théâtre Jacques Lecoq di Parigi.[1] Nel 2014 ha fatto il suo debutto sul grande schermo con il film Posh e nello stesso anno si è unito alla Royal Shakespeare Company, con la quale ha interpretato il ruolo di Mark Smeaton nell'adattamento teatrale del romanzo di Hilary Mantel Wolf Hall. Batey ha interpretato il ruolo di Smeaton nella prima della pièce a Stratford-upon-Avon, per poi tornare a ricoprire la parte nella prima londinese all'Aldwych Theatre del West End e poi anche a Broadway nel 2015.[2]

Parallelamente alla carriera teatrale, Batey ha continuato a recitare anche in numerose serie televisive britanniche, tra cui The White Queen, In the Dark e Shakespeare & Hathaway, per poi ottenere una maggiore visibilità nel 2019 quando ha interpretato il bardo Ranuncolo nella serie di Netflix The Witcher.[3]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano delle opere in cui ha recitato, Joey Batey è stato doppiato da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Aiden Mason, 10 Things You Didn't KNow About Joey Batey, su TVOvermind, 28 dicembre 2019. URL consultato il 17 gennaio 2020.
  2. ^ (EN) Playbill Staff, The Verdict: Read Reviews of Broadway's Wolf Hall, su Playbill, Thu Apr 09 18:10:01 EDT 2015. URL consultato il 17 gennaio 2020.
  3. ^ (EN) Denise Petski, Denise Petski, ‘The Witcher’: First Look At Henry Cavill As Geralt Of Rivia; Netflix Rounds Out Cast As Production Begins, su Deadline, 31 ottobre 2018. URL consultato il 17 gennaio 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]