Jody Hice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jody Hice
Jody Hice official portrait.jpg

Membro della Camera dei rappresentanti - Georgia, distretto n.10
Durata mandato 3 gennaio 2015 - In carica
Predecessore Paul Broun

Dati generali
Partito politico Repubblicano

Jody Brownlow Hice (Atlanta, 22 aprile 1960) è un politico, pastore protestante e conduttore radiofonico statunitense, membro della Camera dei Rappresentanti per lo stato della Georgia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato ad Atlanta, dopo gli studi in teologia Hice divenne un pastore e svolse questo compito affiancandovi un'intensa attività politica come membro del Partito Repubblicano.

Inoltre, all'inizio degli anni 2000 venne assunto da un'emittente radiofonica per condurre una trasmissione in onda una volta alla settimana; nel corso del tempo Hice ottenne la conduzione di una striscia quotidiana denominata The Jody Hice Show. In questo spazio, Hice si rese noto per le sue esternazioni estremamente conservatrici, che numerose volte fecero scalpore: oltre alle sue posizioni anti-Islam[1], parificò l'omosessualità a condotte peccaminose come l'alcolismo, la tossicodipendenza e la pedofilia[2], definì l'aborto un genocidio[3] e dichiarò che le donne necessitano del permesso del marito per candidarsi ad una carica pubblica[4].

Nel 2010 si candidò alla Camera dei Rappresentanti per il seggio lasciato vacante dal compagno di partito John Linder ma venne sconfitto nelle primarie da Rob Woodall. Quattro anni dopo si candidò per un altro seggio, quello lasciato da Paul Broun e questa volta riuscì ad essere eletto deputato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Jody Hice: 'Most People Think Islam Is A Religion, It's Not', The Huffington Post. URL consultato il 22 ottobre 2015.
  2. ^ (EN) Anti-Islam pastor Jody Hice wins Georgia primary, MSNBC. URL consultato il 22 ottobre 2015.
  3. ^ (EN) The 10 most outrageous Jody Hice quotes, MSNBC. URL consultato il 22 ottobre 2015.
  4. ^ (EN) Jody Hice: Mr. Bigot Goes to Washington?, The Daily Beast. URL consultato il 22 ottobre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]