Jobrapido

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
jobrapido
URL
Tipo di sitoMotore di ricerca
Proprietariojobrapido s.r.l.
Creato daVito Lomele
Stato attualeAttivo

Jobrapido è un motore di ricerca per la ricerca di offerte di lavoro, lanciato nel 2004.

L'azienda[modifica | modifica wikitesto]

L'azienda aiuta i consultatori a trovare un lavoro mediante l'utilizzo del web: raccoglie tutti gli annunci di ricerca lavoro, separatamente inseriti in migliaia di siti web, nelle varie bacheche di lavoro, negli annunci sui giornali, oppure diffusi dalle associazioni, e quelli esposti nelle pagine d'impiego delle singole società private, alla voce "Lavora con noi" o similare. La piattaforma riordina tutte queste offerte di lavoro, formulate in decine di diversi Paesi esteri. È, pertanto, una specie di motore di ricerca del reclutamento di lavoro.

Per individuare delle offerte di lavoro su Jobrapido è sufficiente che il consultatore risponda alle tre domande Che lavoro cerchi? Dove? A che distanza?: coloro che cercano lavoro ottengono una descrizione del testo completo dell'annuncio originale e, se risultano interessati, vengono indirizzati al sito dal quale l'annuncio stesso ha preso origine. I consultatori possono così inoltrare direttamente il proprio curriculum o la domanda di lavoro.[1]

L'azienda è divisa in tre reparti. Il primo è composto da ingegneri informatici che si occupano dello sviluppo del sito; cercano e creano nuove funzionalità operative. Il secondo è costituito da laureati che consultano i domini nei diversi Paesi esteri e "indicizzano" le singole offerte inserite nelle varie fonti. Il terzo settore ha compiti commerciali e mantiene i contatti con le società.

La tecnologia che supporta i singoli reparti è costituita dai “job search engine”, che - mediante un software automatico - trovano gli annunci, li interpretano e li classificano, li raccolgono, eliminano i doppioni, li aggregano in modo omogeneo e li rendono ricercabili da parte dei consultatori. Provvedono, inoltre, al miglioramento dell'interfaccia utente e della user experience.[2]

La ricerca si basa su alcune parole chiave: professione, ragione sociale dell'azienda, e sulla località (Nazione, Regione, Provincia, Comune). Infine il sito offre ai consultatori finali un sistema di aggiornamento via e-mail[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

“Cercare lavoro sul web è una rottura di scatole”. Nasce da questa considerazione in Vito Lomele (un ingegnere di Conversano vissuto in Gran Bretagna e Germania) l'idea di limitare allo stretto indispensabile questa fase indispensabile: “stavo cercando un nuovo lavoro e mi sono reso conto di come fosse difficile e complicato. Così mi sono detto: nessuno ha mai sviluppato un motore di ricerca per offerte di lavoro? Allora lo faccio io!”

Nasce in questo modo un aggregatore per riunire le offerte di lavoro, una piattaforma di job recruiting simile a Indeed (del New York Times). La start-up assume il primo nome di Jobespresso, società aperta a Londra, ma con sede reale a Milano, in uno scantinato in via Washington.

Nel 2007 si pensa di chiudere la piattaforma: gli inizi sono difficili, perché occorrono capitali per farla decollare. Allora Lomele inventa Jobrapido, società a responsabilità limitata con sede a Milano, con uffici dietro il castello sforzesco, grazie al capitale di 200.000€, messo insieme ai soci tedeschi (fratelli Samwer), a Giulio Valiante (il suo ex capo) ed agli amici italiani Alessandro Palmieri e Michele Casucci.

Nel 2009 l'azienda conta un organico di 32 persone, che provengono da sei nazioni e lavorano nella sede di Milano. Sono già dieci milioni gli utenti raggiunti in 16 Paesi, i rapporti commerciali sono stretti con 300 aziende, società di selezione e siti di recruitment. Diventa il primo sito internet in Italia nel mondo del lavoro.

Nel 2011 fattura 24 milioni di euro con 3 di utile netto[2]; è visitato da 660 milioni di utenti, con 80 dipendenti provenienti da tutto il mondo.

Nel 2012 la società Evenbase del gruppo editoriale Dmgt (Daily Mail and general trust, che pubblica il Daily Mail) ha acquisito il 49% del capitale (pare per 30 milioni di euro) dai soci tedeschi e Italiani e Lomele resta alla guida con il 51%.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fonte: Indeed International - Indeed.com International Jobs
  2. ^ a b L'incredibile, semplice, storia di Jobrapido: dalla Puglia a re del mondo Archiviato l'8 marzo 2013 in Internet Archive. di Gianluca Dettori per CheFuturo
  3. ^ Il grande network di Jobrapido, 1º ottobre 2009
  4. ^ Fonte:Massimo Sideri, Sette (Corriere della Sera) n. 17/2012 pag.52

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Internet Portale Internet: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di internet