Juan Prim

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Joan Prim)
Juan Prim
Ritratto del Generale Juan Prim (incisione)

Ritratto del Generale Juan Prim (incisione)


Governatore di Porto Rico
Durata mandato 1847 –
1848
Monarca Isabella II
Predecessore Rafael Arístegui
Successore Juan González de la Pezuela y Ceballos

Presidente del Consiglio dei ministri
Durata mandato 18 giugno 1869 –
27 dicembre 1870
Monarca Amedeo I
Predecessore Francisco Serrano
Successore Juan Bautista Topete

Dati generali
Partito politico Partito Progressista
Unión Liberal
Partito Progressista
Firma Firma di Juan Prim

Juan Prim y Prats (Reus, 16 dicembre 1814Madrid, 30 dicembre 1870) è stato un generale e politico spagnolo e influente politico liberale progressista. Fece parte del Governo provvisorio del 1868 come Presidente del Consiglio dei ministri.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era il figlio di Pablo Prim, e di sua moglie, Teresa Prats. Suo padre era un notaio, ma le circostanze di guerra del tempo lo portarono a essere capitano catalano della I legione durante la guerra d'indipendenza e, anni dopo, capo del battaglione fucilieri di Isabella II, nella prima guerra carlista.

Trascorse la sua infanzia e l'adolescenza sotto l'influenza dal forte carattere di suo padre e della sua carriera militare.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

È entrato nell'esercito nel 1834 per mano di suo padre, che era al comando di una dei battaglioni durante le guerre carliste.

La sua carriera iniziò a piccoli passi. Come semplice combattente, dal primo incontro con i cartisti, dimostrò l'audacia e il coraggio che lo ha portato a scontrarsi con il nemico. Pochi mesi dopo venne promosso a ufficiale e a tenente il 2 agosto 1835, dopo aver conquistato Vilamajor del Valles, una città difesa dalle forze carliste e dove fu ferito.

Nel 1838 è stato promosso a capitano "di commissione", che gli ha permesso di inviare truppe regolari. Grazie alla conquista di Solsona è stato promosso a comandante.

Alla fine della guerra raggiunse il grado di colonnello. Ebbe anche un ruolo importante durante il cosiddetto Sessennio democratico.

Dopo la pacificazione del 1839, come un progressista contrasto con la dittatura del generale Espartero, fu mandato in esilio. Tuttavia, nel 1843 è stato eletto deputato per Tarragona, e dopo aver sconfitto Espartero a Bruch entrò a Madrid, in trionfo, con il generale Serrano. Il reggente Maria Cristina lo ha promosso maggior generale, e lo ha nominato conte de Reus e visconte di El Bruch.

Ritratto equestre di Juan Prim iPrats (1814-1870) di Antonio Maria Esquivel Museo Romantico Madrid.

Il generale Narváez, il primo ministro, non riuscì a capire che cosa significasse libertà costituzionale, e il generale Prim, mostrò segni di opposizione e perciò fu condannato a sei anni di reclusione nelle Filippine. Poi tornò in Spagna, e fu impiegato come Governatore di Porto Rico e in seguito come rappresentante militare con il sultano durante la guerra di Crimea. Nel 1854 è stato eletto alla Cortes, e ha dato il suo appoggio al generale O'Donnell, che lo ha promosso a luogotenente generale nel 1856.

Nella guerra contro il Marocco, nel 1860, è stato marchese di Los Castillejos e Grande di Spagna.

Fu Presidente della Giunta Superiore Rivoluzionaria del 1868, Presidente del Consiglio dei ministri nel Governo provvisorio del 1869. Fu il generale Juan Prim a offrire, per la seconda volta, la corona di Spagna a Amedeo di Savoia, duca d'Aosta e figlio del primo re d'Italia Vittorio Emanuele II, che sarà così re di Spagna con il nome di Amedeo I

Fu membro della Massoneria[1] dal 1871 al 1873.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze spagnole[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine di San Ferdinando - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di San Ferdinando

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1 (ES) Breve storia della massoneria spagnola

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN32040070 · LCCN: (ENn84026255 · ISNI: (EN0000 0000 7729 1601 · GND: (DE116290498 · BNF: (FRcb121806614 (data) · CERL: cnp00590055