Miranda (calciatore 1984)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da João Miranda de Souza Filho)
Miranda
20141118 AUTBRA 5077.jpg
Miranda in Nazionale nel 2014.
Nome João Miranda de Souza Filho
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 186[1] cm
Peso 76[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Squadra Inter
Carriera
Giovanili
2002-2004 Coritiba
Squadre di club1
2004-2005 Coritiba 49 (2)
2005-2006 Sochaux 20 (0)
2006-2011 San Paolo 128 (4)[2]
2011-2015 Atlético Madrid 117 (8)
2015- Inter 32 (1)
Nazionale
2009- Brasile Brasile 29 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 7 maggio 2016

João Miranda de Souza Filho, noto come Miranda, (Paranavaí, 7 settembre 1984) è un calciatore brasiliano, difensore dell'Inter e della Nazionale brasiliana, della quale è capitano[3].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Miranda è un difensore centrale veloce e forte fisicamente.[4][5] Grintoso ma corretto, ha nel gioco aereo una delle sue doti migliori.[4]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Coritiba, Sochaux e San Paolo[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la carriera nelle giovanili del Coritiba, per poi approdare in prima squadra nel 2004. Dopo una stagione e mezza in cui colleziona 49 presenze nel campionato brasiliano, segnando anche 2 reti, viene notato da alcuni dirigenti del club francese del Sochaux, che nell'estate del 2005, decidono di acquistarlo per 2 milioni di euro. In Francia colleziona 24 presenze tra campionato e coppe nazionali e dopo una sola stagione, torna in Brasile nelle file del San Paolo, (la prima stagione in prestito), poi viene acquistato a titolo definitivo per 1,2 milioni di euro. Qui si impone come uno dei migliori giocatori del campionato brasiliano ed in 6 stagioni colleziona 128 presenze e 4 gol nella massima serie brasiliana.

Atlético Madrid[modifica | modifica wikitesto]

Miranda con la maglia dell'Atlético Madrid.

Si svincola dal San Paolo ed il 12 luglio 2011 firma con l'Atlético Madrid[6]. Il 31 agosto 2012 vince la Supercoppa UEFA siglando il gol del momentaneo 4-0 nella finale vinta contro il Chelsea per 4 a 1.

Il 17 maggio 2013 con un gol nei supplementari, regala la Coppa del Re all'Atlético Madrid.

Diventa vice-campione d'Europa con il suo Atlético Madrid nella finale di Champions League del 24 maggio 2014 persa per 4 a 1 contro il Real Madrid di Carlo Ancelotti. Nella stessa stagione vince il campionato spagnolo.

Il 4 ottobre 2014, in occasione della sconfitta per 3-1 rimediata col Valencia, Miranda gioca la sua 150ª partita ufficiale con l'Atlético[7].

Inter[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 giugno 2015 l'Inter e l'Atlético Madrid annunciano di aver trovato l'accordo per il prestito oneroso per 3 milioni di euro con un riscatto obbligatorio fissato a 9,5 milioni più 2 di eventuali bonus, per un totale di 14,5 milioni di euro. Il giocatore firma un contratto triennale da 2,5 milioni annui e sceglie di vestire la maglia numero 25. Non prende parte subito al ritiro della prima squadra bensì a quello della Primavera aggregandosi infine al gruppo di mister Roberto Mancini a Brunico ad agosto.

Fa il suo esordio ufficiale in nerazzurro il 23 agosto nella partita di campionato dove l'Inter batte l'Atalanta 1-0 con il gol di Jovetić propiziato proprio da un assist di Miranda. Il 20 febbraio 2016 con un colpo di testa segna il suo primo gol con la maglia nerazzurra portando l'Inter sul 2-0 contro la Sampdoria; la partita finirà poi 3-1.[8] La settimana seguente in Juventus-Inter 2-0 con l'uscita dal campo di Icardi indossa per la prima volta la fascia da capitano.[9]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce con la Nazionale brasiliana il 1º aprile 2009, venendo convocato in seguito per la Confederations Cup. Il 14 ottobre successivo viene espulso contro il Venezuela.[10]

Partecipa anche alla Copa América 2015, con i verdeoro eliminati dal Paraguay nei quarti di finale.

Viene convocato per la Copa América Centenario negli Stati Uniti.[11]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 7 maggio 2016.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2004 Brasile Coritiba A 40 2 CB 0 0 CL+CS 6+2 0 - - - 48 2
2005 A 9 0 CB 0 0 - - - - - - 9 0
Totale Coritiba 49 2 0 0 8 0 - - 57 2
2005-2006 Francia Sochaux L1 20 0 CF+CdL 3+1 0 - - - - - - 24 0
2006 Brasile San Paolo A 14 1 CB 0 0 - - - - - - 14 1
2007 A1/SP+A 18+35 0+2 CB 0 0 CL+CS 8+3 2+0 - - - 64 4
2008 A1/SP+A 19+24 0 CB 0 0 CL 10 1 - - - 53 1
2009 A1/SP+A 15+28 1+0 CB 0 0 CL 6 0 - - - 49 1
2010 A1/SP+A 19+27 1+1 CB 0 0 CL 11 0 - - - 57 2
2011 A1/SP+A 17+0 1 CB 6 0 - - - - - - 23 1
Totale San Paolo 88+128 3+4 6 0 38 3 - - 260 10
2011-2012 Spagna Atlético Madrid PD 27 1 CR 2 0 UEL 15[12] 1 - - - 44 2
2012-2013 PD 35 2 CR 7 1 UEL 3 0 SU 1 1 46 4
2013-2014 PD 32 2 CR 5 0 UCL 13 2 SS 2 0 52 4
2014-2015 PD 23 3 CR 3 0 UCL 8 0 SS 2 0 36 3
Totale Atlético Madrid 117 8 17 1 39 3 5 1 178 13
2015-2016 Italia Inter A 32 1 CI 2 0 - - - - - - 34 1
Totale carriera 88+346 3+15 29 1 85 6 5 1 553 26

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Brasile Brasile
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
02-04-2009 Porto Alegre Brasile Brasile 3 – 0 Perù Perù Qual. Mondiali 2010 - Ingresso al 12’ 12’
18-06-2009 Pretoria Stati Uniti Stati Uniti 0 – 3 Brasile Brasile Conf. Cup 2009 - 1º turno -
12-08-2009 Tallinn Estonia Estonia 0 – 1 Brasile Brasile Amichevole - Ingresso al 68’ 68’
10-09-2009 Salvador Brasile Brasile 4 – 2 Cile Cile Qual. Mondiali 2010 -
11-10-2009 La Paz Bolivia Bolivia 2 – 1 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2010 -
14-10-2009 Campo Grande Brasile Brasile 0 – 0 Venezuela Venezuela Qual. Mondiali 2010 - Red card.svg 58’
06-02-2013 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 1 Brasile Brasile Amichevole - Ingresso al 79’ 79’
06-09-2014 Miami Brasile Brasile 1 – 0 Colombia Colombia Amichevole -
10-09-2014 East Rutherford Brasile Brasile 1 – 0 Ecuador Ecuador Amichevole -
11-10-2014 Pechino Brasile Brasile 2 – 0 Argentina Argentina Amichevole -
14-10-2014 Singapore Giappone Giappone 0 – 4 Brasile Brasile Amichevole -
12-11-2014 Istanbul Turchia Turchia 0 – 4 Brasile Brasile Amichevole -
18-11-2014 Vienna Austria Austria 1 – 2 Brasile Brasile Amichevole - Uscita al 27’ 27’
26-03-2015 Saint-Denis Francia Francia 1 – 3 Brasile Brasile Amichevole -
29-03-2015 Londra Brasile Brasile 1 – 0 Cile Cile Amichevole - Ammonizione al 63’ 63’
07-06-2015 San Paolo Brasile Brasile 2 – 0 Messico Messico Amichevole -
11-06-2015 Porto Alegre Brasile Brasile 1 – 0 Honduras Honduras Amichevole -
14-06-2015 Temuco Brasile Brasile 2 – 1 Perù Perù Coppa America 2015 - 1º turno -
18-06-2015 Santiago del Cile Brasile Brasile 0 – 1 Colombia Colombia Coppa America 2015 - 1º turno -
21-06-2015 Santiago del Cile Brasile Brasile 2 – 1 Venezuela Venezuela Coppa America 2015 - 1º turno - cap.
27-06-2015 Concepción Brasile Brasile 1 – 1
(3–4 dcr)
Paraguay Paraguay Coppa America 2015 - Quarti - cap.
05-09-2015 Harrison Brasile Brasile 1 – 0 Costa Rica Costa Rica Amichevole - cap.
09-09-2015 Foxborough Stati Uniti Stati Uniti 1 – 4 Brasile Brasile Amichevole - cap. Uscita al 23’ 23’
09-10-2015 Santiago del Cile Cile Cile 2 – 0 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2018 - cap.
14-10-2015 Fortaleza Brasile Brasile 3 – 1 Venezuela Venezuela Qual. Mondiali 2018 - cap.
14-11-2015 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 1 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2018 -
18-11-2015 Salvador Brasile Brasile 3 – 0 Perù Perù Qual. Mondiali 2018 -
26-03-2016 Recife Brasile Brasile 2 – 2 Uruguay Uruguay Qual. Mondiali 2018 -
30-03-2016 Asuncion Paraguay Paraguay 2 – 2 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2018 - cap. Ammonizione al 28’ 28’
Totale Presenze 29 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

San Paolo: 2006, 2007, 2008
Atlético Madrid: 2012-2013
Atlético Madrid: 2013-2014
Atlético Madrid: 2014

Competizioni statali[modifica | modifica wikitesto]

Coritiba: 2004

Competizioni Internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Atlético Madrid: 2011-2012
Atlético Madrid: 2012

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Sudafrica 2009

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2008, 2009
2007, 2008, 2009, 2010

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Miranda, calcio.com. URL consultato il 13 dicembre 2015.
  2. ^ 216 (7) comprese le presenze nel Campionato Paulista.
  3. ^ Luca Taidelli, Inter, Miranda nel mirino delle big d'Europa: Mancini lo blinda con la fascia, Gazzetta.it, 21 marzo 2016.
  4. ^ a b (EN) Eduardo Fernandez-Abascal, Joao Miranda Scouting Report: Who Is Manchester United Transfer Target?, in International Business Times, 28 maggio 2014. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  5. ^ Inter, arriva la prova del nove per Miranda e Murillo, su Calciomercato.com, 29 ottobre 2015. URL consultato il 6 dicembre 2015.
  6. ^ UFFICIALE: Atletico Madrid, ecco Miranda, in tuttomercatoweb.com, 12 luglio 2011. URL consultato il 12 luglio 2011.
  7. ^ (ES) Miranda cumple 150 partidos como rojiblanco, clubatleticodemadrid.com, 4 ottobre 2014.
  8. ^ Inter, arriva la prova del nove per Miranda e Murillo, su Calciomercato.com, 29 ottobre 2015. URL consultato il 6 dicembre 2015.
  9. ^ Miranda capitano senza Icardi
  10. ^ Qualificazioni Mondiali 2010 - Sud America, Gazzetta.it.
  11. ^ (PT) Dunga convoca os 23 da Seleção Brasileira, selecao.cbf.com.br. URL consultato il 21 maggio 2016.
  12. ^ Una presenza nei turni preliminari.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (DEENIT) Miranda, su Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG.
  • (EN) Miranda, su National-football-teams.com, National Football Teams.
  • Miranda, su Soccerway.com, Perform Group.
  • Miranda, su Calcio.com, HEIM:SPIEL Medien GmbH.