Jim Marurai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jim Marurai

Primo Ministro delle Isole Cook
Durata mandato 2004 –
2010
Predecessore Robert Woonton
Successore Henry Puna
Legislature XVIII

Dati generali
Partito politico Democratic Alliance Party (2004/2005)
Cook Islands First Party (2005/2006)
Partito Democratico (2006/2010)

Jim Marurai (Mangaia, 9 luglio 1947) è un politico cookese, Primo Ministro delle Isole Cook dal 14 dicembre 2004 al 29 novembre 2010.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È originario del villaggio di Ivirua, sull'isola di Mangaia. Seguì le scuole superiori al Tereora College, sull'isola di Rarotonga dove venne conosciuto come Niu World. Si laureò all'Università di Otago, a Dunedin, Nuova Zelanda.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

È stato primo ministro delle Isole Cook dal 14 dicembre 2004, quando fu eletto dal Parlamento delle Isole Cook con 14 voti favorevoli e 9 contrari, fino al 29 novembre 2010. È membro del Partito democratico delle Isole Cook (rinominato Partito di Alleanza Democratica tra il 1997 ed il 2003), lo stesso del suo predecessore, Robert Woonton. In seguito alle dispute interne al partito, lo lasciò nel 2005 quando creò il Primo Partito delle Isole Cook, che governava in coalizione col Partito delle Isole Cook. Questa coalizione in seguito venne meno e ne formò una nuova con i Democratici. È tornato nuovamente nello schieramento dei Democratici prima delle elezioni del 2006, rimanendo primo ministro, senza però diventare leader del partito. Marurai fu in precedenza anche ministro dell'educazione.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

La moglie di Marurai, Tuaine Marurai, è morta nel settembre 2005 ad Auckland a seguito di un cancro, a 56 anni, ed è stata seppellita nella sua isola natale, Mangaia.[1]

Nel 2006 Marurai ha avuto un'audizione privata con Sua Eccellenza l'Imperatore del Giappone Akihito nel Palazzo Imperiale di Tokyo[2] nell'ambito del PALM (Pacific Islands Leaders Meeting) 2006, tenutosi ad Okinawa il 26 e 27 maggio.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cook Islands Government Online Archiviato il 1º ottobre 2010, in Internet Archive.
  2. ^ a b COOK ISLANDS: Prime Minister To Meet Emperor Of Japan [collegamento interrotto], in Cook Islands Herald, Pacific Magazine, 15 maggio 2006. URL consultato il 14 settembre 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]