Jiří Sobotka

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jiří Sobotka
Jiří Sobotka (1961).jpg
Nazionalità Cecoslovacchia Cecoslovacchia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1940
Carriera
Giovanili
Čechoslovan Košíře
Squadre di club1
1931-1940Slavia Praga? (?)
1940-1941Hajduk Spalato? (?)
1942Slavia Praga? (?)
1943-1946Baťa Zlín? (?)
1946-1951La Chaux-de-Fonds? (?)
Nazionale
1934-1937 Cecoslovacchia Cecoslovacchia 23 (8)
Carriera da allenatore
1940-1941 Hajduk Spalato
1946-1959 La Chaux-de-Fonds
1959-1961 Feyenoord
1961-1965 Basilea
1964 Svizzera Svizzera
1965-1967 Bienne
1968-1969 Charleroi
1970 Sant Andreu
1971-1972 La Chaux-de-Fonds
1972-1973 Aarau
1973-1976 Bellinzona
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Jiří Sobotka (Praga, 6 giugno 1911Intragna, 20 maggio 1994) è stato un allenatore di calcio e calciatore cecoslovacco, di ruolo attaccante.

Il nome ceco in italiano si pronuncia Irsji.

Intorno alla metà degli anni trenta era ritenuto tra i giocatori più famosi della propria nazionale.[1][2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò la carriera calcistica nello Slavia Praga entrando in prima squadra nel 1931, dopo aver fatto le giovanili nel Čechoslovan Košíře. Rimase a Praga, vincendo anche la classifica marcatori del campionato cecoslovacco 1934[3], sino al 1940, quando passò in Croazia, all'Hajduk Split, vincendo un campionato.[4] Tornò allo Slavia l'anno dopo e successivamente giocò per tre anni nel Tescoma Zlín e per 5 stagioni con gli svizzeri de La Chaux-de-Fonds. Si ritirò dall'attività agonistica nel 1951.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Debuttò il 25 marzo 1934 in una vittoria in amichevole contro la Francia per 2-1, segnandovi un gol; si ripeté anche nella seconda gara, disputata il 29 aprile 1934, valevole per la Coppa Internazionale, un pareggio contro l'Ungheria per 2-2[5]. Partecipò quindi al Mondiale 1934: colse anche un palo nella finale tra Italia e Cecoslovacchia.[6]. Conclude l'esperienza internazionale nel 1937 dopo alcuni incontri contro la Scozia entrambi persi[7] e contro la Bulgaria finita sull'1-1.[8]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Slavia Praga: 1932-1933, 1933-1934, 1934-1935, 1936-1937
Hajduk Spalato: 1940-1941
Slavia Praga: 1938

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1933-1934 (18 gol)

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

La Chaux-de-Fonds: 1953-1954, 1954-1955
La Chaux-de-Fonds: 1948, 1951, 1954, 1955, 1957
Basilea: 1963

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vincenzo Bianculli, La pattuglia boema, ricca di forza e di fede, attende nella quiete di Frascati l'ora del confronto, Il Littoriale, 1934. URL consultato il 25 dicembre 2015.
  2. ^ Planicka, il portiere dell'impossibile, in La Stampa, 26 ottobre 1935. URL consultato il 27 dicembre 2015.
  3. ^ Czechoslovakia - List of Topscorers, rsssf.com. URL consultato il 2 novembre 2010.
  4. ^ Croatia - Championship Winning Squads, rsssf.com. URL consultato il 2 novembre 2010.
  5. ^ Jiri Sobotka - International Appearances rsssf.com
  6. ^ Simone Valtieri, Italia profeta in patria Storia dei mondiali di calcio - parte II, in storia. URL consultato il 2 novembre 2010.
  7. ^ Scotland - International Matches 1931-1939, rsssf.com. URL consultato il 2 novembre 2010.
  8. ^ WORLD CUP 1938 - QUALIFYING, rsssf.com. URL consultato il 2 novembre 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]