Jiří Kolář

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jiří Kolář (Protivín, 24 settembre 1914Praga, 11 agosto 2002) è stato un artista, poeta, scrittore e traduttore ceco. La sua opera è famosa sia nel campo dell'arte visiva sia per la letteratura.

Jiří Kolář 1979
foto Hana Hamplová

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Jiří Kolář è nato in una famiglia modesta, suo padre è panettiere e la madre sarta per signore. Impara il lavoro del falegname e svolge diverse professioni. Espone per la prima volta nel 1937 dei collage poetanti. La sua prima raccolta di poesie viene pubblicata nel 1941.

Nel 1942, insieme al teorico dell'arte Jindřich Chalupecký, allo scultore Ladislav Zívr, al pittore František Hudeček, ai poeti Ivan Blatný, Jiřina Hauková, Josef Kainar e ad altri artisti, fonda il gruppo 42 (Skupina 42), che celebra «l'incanto della tecnica».

Jiří Kolář nel 1944 incontra Běla e la sposa nel 1949. Jiří e Běla non solo sono stati artisti molto attivi, sono stati anche assidui collezionisti delle opere dei loro amici. Questa collezione, così come parte delle loro opere, è stata ceduta nel 2002 al Museo Kampa di Praga.

Così come molti altri alla fine della guerra, Kolář si scrive al Partito comunista cecoslovacco, ma diversamente dai più ne esce nel giro di qualche mese. Pubblica numerosi testi; scrive Dny v roce (Giorni dell'anno), rivista di poesie del 1947, ma anche testi in prosa Roky v dnech (Anni dei giorni), censuato dal nuovo regime comunista. Nel 1953, alla fine del regime stalinista, è condannato a un anno di prigione.

Tra il 1959 ed il 1961, lavora alle sue Básně ticha (Poesie in silenzio) che rompono con la poesia verbale e spingono la decostruzione del poema già iniziata da Stéphane Mallarmé nel suo Coup de dé e seguito da Guillaume Apollinaire nei suoi Calligrammi. Per questo la sua creazione prende la forma di un collage realizzato con testi e immagini stampate. Nel suo Týdeník 1968 (Settimanale 1968), giornale sotto forma di collage di avvenimenti della Primavera di Praga e della successiva invasione della Cecoslovacchia da parte delle truppe del Patto di Varsavia la poesia non è altro che l'illustrazione di un'immagine poetica.

Interdetto dal pubblicare o esporre nel periodo della Normalizzazione, firmatario della Carta 77, Jiří Kolář emigra a Parigi nel 1980. È nella capitale francese che fonda la Revue K (Rivista K), dedicata agli artisti di origine ceca in esilio in Francia.

Il proseguimento della sua opera scritta è un commento all'opera plastica, con l'intervista Odpovědi (Risposte) e soprattutto con Slovník metod (Dizionario dei metodi, o L'asino alato), in cui recensisce le diverse tecniche del collage usate nella realizzazione delle sue opere, alcune delle quali di sua invenzione.

Dopo la Rivoluzione di velluto del 1989 che mise fine al regime comunista cecoslovacco, si sposta spesso a Praga. Nel 1990, con Václav Havel e il pittore Theodor Pištěk crea il Premio Jindřich Chalupecký (Cena Jindřicha Chalupeckého), volto a ricompensare un giovane artista sotto i 35 anni, divenuto una sorta di Premio Goncourt delle arti plastiche in versione ceca, sempre molto seguito e talvolta molto contestato.[senza fonte]

Jiří Kolář è morto a Praga nell'estate del 2002.

L'artista plastico[modifica | modifica wikitesto]

Kolář è mondialmente conosciuto per le suo opere a collage. Nel suo Dizionario dei metodi recensisce le seguenti tecniche, alcune di sua invenzione:

  • le chiasmage (voir chiasme) des petits bouts de papier imprimés uniformément (annuaire, journal, etc) sont mis bord-à-bord dans le désordre ;
  • le stratifié à la manière de Villeglé, on colle de nombreuses couches de papier et on en arrache ou ponce certaines ;
  • l’intercollage un motif est découpé en creux et révèle un motif placé derrière la feuille ;
  • le muchlage (du verbe tchèque muchlat, « froisser ») consiste à froisser la feuille que l'on colle ensuite en aplat ;
  • le prollage est une variation de l'intercollage et le motif découpé en creux dessine en soi une figure ;
  • le rollage consiste en la juxtaposition de deux images découpées en bandes régulières et intercalées.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jiri Kolář, Dictionnaire des Méthodes, Revue K, 1991
  • Jiri Kolář, Objets et collages, Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofia, Madrid, 1996

Poesie[1]:

  • Křestný list, « Certificato di battesimo », 1941
  • Sedm kantát, « Sette cantate », 1945
  • Ódy a variace, « Odi e variazioni », 1946
  • Dny v roce, « Giorni dell'anno », 1948
  • Mistr Sun o básnickém umění, « L'arte poetica di Mastro sole », 1957
  • Básně ticha, « Poesie del silenzio », 1965
  • Evidentní poezie, « Poesia evidente », 1965
  • L'Enseigne de Gersaint, 1965
  • Vršovický Ezop, « L'Ésope de Vršovice », 1966
  • Nový Epiktet, « Il racconto Epicteto », 1968
  • Návod k upotřebení, « Istruzioni per l'uso », 1969
  • Očitý svědek, « Testimone oculare »], Munich, 1983
  • Prométheova játra, « Les Foies di Prometeo », Toronto, 1985
  • Roky v dnech, « Anni, giorno dopo giorno », 1992

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di II Classe dell'Ordine di Tomáš Garrigue Masaryk - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di II Classe dell'Ordine di Tomáš Garrigue Masaryk
— 1991

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ pubblicate a Praga, salvo diversa indicazione.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 97968340 · LCCN: n50044463 · GND: 118564749 · BNF: cb11909940r (data)