Jesé

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Jesé Rodríguez)
Jesé
Jesé Rodríguez - Spain U-19 2012.jpg
Jesé con la maglia della Nazionale Under-19 di calcio della Spagna nel 2012
Nome Jesé Rodríguez Ruiz
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 178 cm
Peso 73 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Real Madrid
Carriera
Giovanili
2003-2005 non conosciuta El Pilar
2005-2007 non conosciuta Huracán
2007-2011 Real Madrid
Squadre di club1
2011-2013 Real M. Castilla 77 (30)[1]
2011- Real Madrid 63 (13)
Nazionale
2009 Spagna Spagna U-16 3 (1)
2010 Spagna Spagna U-17 7 (1)
2011 Spagna Spagna U-18 2 (1)
2010-2013 Spagna Spagna U-19 12 (6)
2013 Spagna Spagna U-20 8 (5)
2014-2015 Spagna Spagna U-21 5 (2)
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-19
Oro Estonia 2012
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 14 maggio 2016

Jesé Rodríguez Ruiz, meglio noto come Jesé (Las Palmas de Gran Canaria, 26 febbraio 1993), è un calciatore spagnolo, attaccante del Real Madrid.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Esterno offensivo, dotato di grande tecnica individuale e grande corsa a cui unisce grande sacrificio in fase di non possesso. Considerato da molti il nuovo Cristiano Ronaldo è abile a fornire assist ai compagni e bravo nell'uno contro uno partendo da sinistra per poi accentrarsi e tirare in porta.[2][3]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Jesé è cresciuto calcisticamente prima nell'El Pilar FC e subito dopo nell'AD Huracán, per poi entrare nelle giovanili del Real Madrid all'età di 14 anni.[4][5]

Real Madrid Castilla[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce con la maglia del Real Madrid Castilla, in Segunda División B, il 16 gennaio 2011 all'età di 17 anni, la squadra che affronta il Real Madrid Castilla è l'Universidad Las Palmas e quando subentra Jesé, al minuto 69, la partita è in mano ai Blancos per 4-0 e alla fine dei 90 minuti la partita viene vinta 5-0.[6] La prima stagione da professionista si conclude con 3 presenze in totale con 52 minuti di gioco disputati in totale.

Durante la seconda stagione, con il RM Castilla, arrivano anche le prime reti. Il primo gol arriva il 2 ottobre 2011 nella sconfitta per 4-2 contro La Roda, Jesé mette a segno il momentaneo pareggio per 1-1.[7] Il 30 ottobre invece mette a segno la sua prima doppietta da professionista nella vittoria per 3-1 contro il Leganés.[8] Il 19 febbraio 2012 metta a segno la sua seconda doppietta stagionale ai danni del Montañeros, la partita viene vinta 3-2.[9] A fine stagione, insieme alla sua squadra, conquista la promozione in Segunda División piazzandosi al primo posto nella Segunda División B, Jesé disputa 39 partite mettendo a segno 10 gol.

Il 17 agosto 2012 fa il suo esordio nella seconda divisione spagnola in occasione della sconfitta per 2-1 contro il Villarreal, proprio Jesé mette a segno il momentaneo 1-0 per la sua squadra.[10] Il 22 settembre invece arriva la prima doppietta stagionale durante la vittoria di campionato per 4-3 contro il Guadalajara, Jesè prima apre le marcature al 13º minuto poi pareggia per il momentaneo 2-2 al 55º minuto.[11] A fine stagione scende in campo in 38 occasioni mettendo a segno ben 22 reti. A seguito di questa stagione e del Campionato mondiale di calcio Under-20 viene promosso ufficialmente in prima squadra.

Real Madrid[modifica | modifica wikitesto]

Fa il suo esordio con la maglia della prima squadra il 13 dicembre 2011, in occasione della partita d'andata, dei sedicesimi di finale di Coppa del Re, contro la Ponferradina, la partita viene vinta 2-0, Jesé entra in campo al minuto 78, minuto in cui sostituisce Cristiano Ronaldo.[12] L'esordio nella Liga arriva sempre nella stessa stagione, esattamente il 24 marzo 2012 durante la partita di campionato che vede di fronte al Real Madrid la Real Sociedad, la partita viene vinta con un netto 5-1, Jesé subentra a Ronaldo all'81º minuto.[13] La prima stagione con la prima squadra è caratterizzata dalle due presenze e dal primo trofeo vinto da professionista, poiché Il Real Madrid si aggiudica il campionato.

Nella stagione 2012-2013 non viene mai utilizzato dall'allenatore portoghese José Mourinho. Dopo il suo rientro dal Mondiale Under-20, viene promosso ufficialmente in prima squadra ottenendo anche un rinnovo contrattuale con scadenza nel 2018, con una clausola rescissoria di 200 milioni di euro.[14] Il 2 ottobre 2013 gioca la sua prima partita in Champions League, in occasione della vittoria casalinga per 4-0 contro il Copenaghen, subentrando a Karim Benzema all'81'. Mette a segno il suo primo gol con la maglia del Real Madrid il 26 ottobre 2013, accorciando il punteggio nel Clásico vinto dal Barcellona per 2-1. Il 18 marzo 2014, in occasione della partita di ritorno, degli ottavi di finale di Champions League, contro lo Schalke 04, è vittima di un grave infortunio al legamento crociato del ginocchio destro, obbligandolo ad uscire dal campo anzitempo e concludere la stagione anticipatamente con un totale di 31 partite disputate e di 8 reti messe a segno.[15][16] Il 16 aprile 2014, pur non scendendo in campo, conquista la sua prima Coppa del Re ai danni del Barcellona che viene battuta per 2-1.[17] Il 24 maggio 2014, pur essendo infortunato, vince la sua prima Champions League, che risulta essere la decima per il club madrileno.[18]

Il 12 agosto 2014 vince, seppur non scendendo in campo, la sua prima Supercoppa UEFA, con il risultato di 2-0 contro il Siviglia.[19] Il 23 agosto 2014 perde la Supercoppa di Spagna contro i rivali storici dell'Atlético Madrid, con un complessivo di 2-1.[20] Torna in campo il 2 dicembre 2014, dopo 259 giorni dall'infortunio, nel ritorno, dei sedicesimi di finale di Coppa del Re, vinto per 5-0 contro il Cornellá; subentra, a partita in corso, al compagno di squadra Sami Khedira con il risultato fermo sul momentaneo 4-0 e proprio lui, venti minuti più tardi, sigla il 5-0 finale.[21] Il 20 dicembre successivo conquista il Mondiale per club, battendo 2-0 in finale il San Lorenzo.[22][23] Il 4 febbraio 2015 torna in gol anche in campionato; tale rete permette alla sua squadra di vincere, e portare a casa i tre punti, per 2-1 contro il Siviglia.[24] L'11 aprile successivo, in occasione della vittoria casalinga, per 3-0, contro l'Eibar, torna a disputare una partita da titolare dopo 388 giorni dall'infortunio; in tale match mette a segno anche la marcatura che chiude la partita. Conclude la stagione, dopo il lungo infortunio, con un bottino di 23 presenze e 4 reti siglate.

Il 17 febbraio 2016, in occasione della partita d'andata degli ottavi di finale di Champions League contro il club italiano della Roma, mette a segno il primo sigillo in tale competizione, rete che permette alla sua squadra di imporsi per 0-2.[25] Il 28 maggio successivo, pur non giocando la finale, vince la sua seconda Champions League poiché la sua squadra si impone, ai calci di rigori, sui rivali dell'Atlético Madrid.[26]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Giovanile[modifica | modifica wikitesto]

Partecipa, insieme alla selezione spagnola, al Campionato europeo di calcio Under-19 2012 in Estonia. Jesé esordisce, da titolare, nella prima partita, della fase a gironi, contro la Grecia, al 30º minuto apre le marcature e 7 minuti più tardi viene ammonito, al 52º minuto viene sostituito sul 2-0, la partita viene poi vinta per 2-1.[27] Nella seconda giornata contro il Portogallo mette a segno una tripletta, la parita però viene pareggiata 3-3.[28] La Spagna dopo aver superato la fase a gironi e aver battuto la Francia ai calci di rigore in semifinale, batte nuovamente, in finale, la Grecia proprio con un gol di Jesé che si laurea, oltre al titolo europeo, capocannoniere della competizione con 5 reti.[29][30]

Il 21 giugno fa il suo esordio con la maglia della Spagna Under-20, la prima partita della fase a gironi vede le piccole furie rosse affrontare gli Stati Uniti, la partita viene vinta 4-1 dalla Spagna e Jesé all'esordio mette a segno una doppietta.[31] Va a segno anche nelle ultime due partite vinte della fase a gironi, mette a segno l'unico gol della partita contro il Ghana e il 2-1 finale contro la Francia.[32][33] Grazie a Jesé, la Spagna supera anche gli ottavi di finale contro il Messico, siglando al 90º minuto il 2-1 finale.[34] Il 6 luglio la Spagna viene eliminata dalla competizione poiché viene battuta per 1-0, dopo i tempi supplementari, dall'Uruguay.[35] Jesé si piazza al gradino più basso del podio per quanto riguarda il discorso dei bomber della competizione, visto che ha messo a segno 5 gol in 5 presenze.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 14 maggio 2016.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2010-2011 Spagna RM Castilla SDB 3 0 - - - - - - - - - 3 0
2011-2012 SDB 36+3[36] 8+2[36] - - - - - - - - - 39 10
2012-2013 SD 38 22 - - - - - - - - - 38 22
Totale RM Castilla 77+3[36] 30+2[36] - - - - - - 80 32
2011-2012 Spagna Real Madrid PD 1 0 CR 1 0 UCL 0 0 SS 0 0 2 0
2012-2013 PD 0 0 CR 0 0 UCL 0 0 SS 0 0 0 0
2013-2014 PD 18 5 CR 8 3 UCL 5 0 - - - 31 8
2014-2015 PD 16 3 CR 3 1 UCL 3 0 SU+SS+Cmc 0+0+1 0+0+0 23 4
2015-2016 PD 28 5 CR 1 0 UCL 9 1 - - - 38 6
Totale Real Madrid 63 13 13 4 17 1 1 0 94 18
Totale carriera 143 45 13 4 17 1 1 0 174 50

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Real Madrid Castilla: 2011-2012
Real Madrid: 2011-2012
Real Madrid: 2013-2014

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Real Madrid: 2013-2014, 2015-2016
Real Madrid: 2014
Real Madrid: 2014

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 80 (32) se si comprendono anche i play-off.
  2. ^ (ES) Jesé Rodríguez Ruiz, realmadrid.com, 5 febbraio 2015. URL consultato il 5 febbraio 2015.
  3. ^ (EN) Who is Jese?, outsideoftheboot.com, 2 ottobre 2014. URL consultato il 5 febbraio 2015.
  4. ^ El Cristiano de Valdebebas, marca.com, 3 dicembre 2010. URL consultato il 30 ottobre 2013.
  5. ^ Jesé Rodríguez, la perla del Madrid, canarias7.es, 28 dicembre 2010. URL consultato il 30 ottobre 2013.
  6. ^ Real Madrid II 5 - 0 Universidad Las Palmas, su soccerway.com.
  7. ^ La Roda 4 - 2 Real Madrid II, su soccerway.com.
  8. ^ Leganés 1 - 3 Real Madrid II, su soccerway.com.
  9. ^ Real Madrid II 3 - 2 Montañeros, su soccerway.com.
  10. ^ Villarreal 2 - 1 Real Madrid II, su soccerway.com.
  11. ^ Guadalajara 3 - Real Madrid II 4, su soccerway.com.
  12. ^ Ponferradina 0 - 2 Real Madrid, su soccerway.com.
  13. ^ Real Madrid 5 - 1 Real Sociedad, su soccerway.com.
  14. ^ Senza C.Ronaldo è sempre più il Real del genio blanco Jesé Rodriguez, su affaritaliani.it.
  15. ^ Real, Jesé trasportato in ospedale: si teme la rottura del crociato, su tuttomercatoweb.com.
  16. ^ Jesé Rodriguez, grave infortunio: rottura del legamento crociato, su fanpage.it.
  17. ^ Coppa del Re, una cavalcata di Bale decide il Clasico: Real campione, su tuttomercatoweb.com.
  18. ^ Il Real Madrid vince la Champions League, su ansa.it.
  19. ^ Supercoppa Europea, Real Madrid-Siviglia 2-0: doppietta di Ronaldo, gazzetta.it, 13 agosto 2014.
  20. ^ Supercoppa di Spagna: Atletico-Real Madrid 1-0. Gol di Mandzukic al 2', gazzetta.it, 23 agosto 2014.
  21. ^ Real Madrid, manita al Cornellà in Copa del Rey: gol di Jesè, tuttomercatoweb.com, 2 dicembre 2014. URL consultato il 21 dicembre 2014.
  22. ^ Real Madrid-San Lorenzo 2-0: Ramos e Bale portano i Blancos sul tetto del Mondo, goal.com, 20 dicembre 2014. URL consultato il 21 dicembre 2014.
  23. ^ Il Real Madrid è campione del mondo, ilpost.it, 21 dicembre 2014. URL consultato il 21 dicembre 2014.
  24. ^ Il Real Madrid allunga, uefa.com, 4 febbraio 2015. URL consultato il 5 febbraio 2015.
  25. ^ Roma-Real Madrid 0-2, Ronaldo e Jesè spengono i sogni giallorossi, repubblica.it, 17 febbraio 2016. URL consultato il 18 febbraio 2016.
  26. ^ [hhttp://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2016/05/28/il-real-madrid-vince-la-champions-league_e88d0226-2e9f-4861-9998-42a78d43dea4.html Il Real Madrid vince la Champions League], ansa.it, 28 maggio 2016. URL consultato il 29 maggio 2016.
  27. ^ Grecia 1 - Spagna 2, su uefa.com.
  28. ^ Portogallo 3 - Spagna 3, su uefa.com.
  29. ^ Spagna 1 - Grecia 0, su uefa.com.
  30. ^ More joy for Spain's Jesé with U19 scoring honour, uefa.com, 15 luglio 2012. URL consultato il 30 ottobre 2013.
  31. ^ USA 1 - 4 Spagna, su fifa.com.
  32. ^ Spagna 1 - 0 Ghana, su fifa.com.
  33. ^ Spagna 2 - 1 Francia, su fifa.com.
  34. ^ Spagna 2 - 1 Messico, su fifa.com.
  35. ^ Uruguay 1 - 0 Spagna, su fifa.com.
  36. ^ a b c d Nei play-off.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (DEENIT) Jesé, su Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG.
  • Jesé, su Soccerway.com, Perform Group.