Jerónimo Nadal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto di Nadal in Galerie illustrée de la Compagnie de Jésus (1893)

Jerónimo Nadal, talvolta italianizzato in Girolamo Natale (Palma di Maiorca, 11 agosto 1507Roma, 2 aprile 1580), è stato un gesuita spagnolo.


Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato da una famiglia agiata, studiò alle università di Alcalá e Parigi, dove conobbe Ignazio di Loyola e i suoi primi compagni: nonostante il loro invito a unirsi alla comunità, Nadal rifiutò. Proseguì i suoi studi ad Avignone, dove ottenne un dottorato in teologia e venne ordinato prete nel 1538.

Tornato in patria, ebbe modo di leggere le lettere che Francesco Saverio inviava dall'India e nel 1545 decise di recarsi a Roma per conoscere meglio la Compagnia di Gesù; fece gli esercizi spirituali sotto la direzione di Jerónimo Doménech e maturò definitivamente la decisione di entrare nell'ordine.

Collaborò con il fondatore alla stesura delle Costituzioni dell'ordine; nel 1552 venne nominato capo della comunità che avrebbe dovuto curare la fondazione del collegio di Messina, il primo in Italia dove i gesuiti si occupavano anche dell'insegnamento e dove fossero ammessi anche studenti esterni; ricoprì cariche importanti nelle province gesuite di Francia e di Spagna ed ebbe per due volte l'incarico di teologo pontificio da parte, prima, di papa Paolo IV (in occasione della dieta di Augusta nel 1555), e poi di papa Pio IV (per il concilio di Trento, nel 1563).

Rientrato a Roma nel 1563, fu rettore del Collegio Romano (1564) e vicario generale della Compagnia di Gesù (1571).

Ha lasciato le Adnotationes et meditationes in Evangelia, pubblicate postume nel 1594, e le Scholia in constitutiones et declarationes s. Ignatii, edite nel 1883; a partire dal 1898 sono stati pubblicati nei Monumenta Historica Societatis Iesu i cinque volumi delle Epistolae et monumenta p. Hieronymi Nadal.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN29557967 · LCCN: (ENn85310275 · ISNI: (EN0000 0001 2100 2839 · GND: (DE119029022 · BNF: (FRcb12074414n (data) · CERL: cnp01237668