Jeffrey Lynn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jeffrey Lynn nel film Quattro figlie (1939)

Jeffrey Lynn, nome d'arte di Ragnar Godfrey Lind (Auburn, 16 febbraio 1909Burbank, 24 novembre 1995), è stato un attore cinematografico, teatrale e televisivo statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli studi al Bates College, un'università del Maine, per un certo periodo Jeffrey Lynn fece l'insegnante[1]. Raggiunta Hollywood nel 1938, esordì sul grande schermo con il cortometraggio Out Where the Stars Begin e, nello stesso anno, fu il protagonista maschile della commedia Quattro figlie (1938) di Michael Curtiz, accanto alle Lane Sisters, ovvero le sorelle Priscilla, Lola e Rosemary Lane, e a Gale Page. La pellicola narra le vicende di quattro sorelle che vivono con il padre vedovo (Claude Rains), decano della locale fondazione musicale, e con una zia (May Robson), e la cui esistenza viene cambiata dall'entrata in scena dell'elemento maschile. Lynn interpretò il ruolo Felix Deitz, il compositore che scrive musica moderna e disprezza Beethoven, e che suscita l'immediato interesse romantico delle sorelle[2]. Il personaggio di Lynn venne tuttavia oscurato dall'incisiva performance dell'esordiente John Garfield, nel ruolo dell'amico Mickey Borden, un pianista cinico e disincantato che giunge da New York e fa irruzione nel mondo idilliaco della famigliola, minacciandone gli equilibri. L'interpretazione di Lynn quale promettente nuova stella del cinema fu salutata favorevolmente dalla rivista Newsweek del 29 agosto 1938[3], ma risultò piuttosto incolore di fronte al ruolo, pur secondario, che Garfield interpretò da autentico mattatore[2].

Dopo il grande successo di pubblico di Quattro figlie, l'attore venne preso in considerazione per il ruolo di Ashley Wilkes in Via col vento (1939), sostenne diversi screen test con l'attrice Paulette Goddard durante la lunga ricerca della protagonista ideale per il ruolo di Rossella O'Hara, ma alla fine gli venne preferito l'attore britannico Leslie Howard[1]. Lynn ottenne comunque un ruolo di prestigio nel film di gangster I ruggenti anni Venti (1939), in cui ritrovò Priscilla Lane e recitò al fianco di James Cagney e Humphrey Bogart. Gli attori interpretarono i componenti di un trio di vecchi amici del quale Lynn rimane l'unico a non intraprendere una cattiva strada nel mondo del crimine.

Nello stesso anno Lynn riprese il personaggio del musicista Felix Deitz, interpretato in Quattro figlie, e lo propose nuovamente nel sequel intitolato Four Wives (1939) e nel successivo Four Mothers (1941). Con alcune varianti, la formula delle quattro sorelle e dei loro corteggiatori venne ripresa anche in Profughi dell'amore (1939), in cui Lynn ritrovò sia John Garfield che le Lane Sisters. Nel 1940 lavorò nuovamente con James Cagney nel film bellico I fucilieri delle Argonne, nei panni del sergente Joyce Kilmer, un soldato poeta.

Nel 1942, dopo essere apparso in Tragedia ai Tropici (1941) e The Body Disappears (1941), Lynn interruppe la propria carriera per prestare servizio militare durante la seconda guerra mondiale. Al suo ritorno al cinema nel 1948, l'attore non riuscì tuttavia e recuperare il successo che aveva ottenuto alla fine degli anni trenta. Ebbe alcune buone opportunità nella commedia La telefonista della Casa Bianca (1948), nel western Dietro la maschera (1948) e nel melodramma Lettera a tre mogli (1949), ma la sua carriera cinematografica al momento sembrò concludersi dopo la partecipazione al film comico Marmittoni al fronte (1951) e alla commedia Home Town Story (1951), in cui fece una delle sue prime apparizioni Marilyn Monroe.

Lynn si rivolse quindi alla televisione, in progressiva affermazione all'inizio degli anni cinquanta, e iniziò ad apparire in popolari serie come Lux Video Theatre (1951-1953), My Son Jeep (1953), nel ruolo del dottor Robert Allison, medico di una piccola città di provincia, e Robert Montgomery Presents (1953-1955). Fu solo nel 1960 che l'attore fece il suo ritorno sul grande schermo nel film Venere in visone, in cui recitò accanto ad Elizabeth Taylor e Laurence Harvey, ma per il resto del decennio la sua attività fu sporadica e limitata ad una sola altra apparizione cinematografica nel poliziesco L'investigatore (1967), accanto a Frank Sinatra, e a partecipazioni alle serie Ironside (1969), I nuovi medici (1969) e Barnaby Jones (1973).

Dopo il declino della propria carriera artistica, Lynn rivolse i suoi interessi ad altre attività, in particolare al mercato immobiliare, e fece il suo ritorno sul piccolo schermo solo nel 1982 per recitare ancora in alcuni episodi di popolari serie come Simon & Simon (1983), e La signora in giallo (1987), una sorta di sequel del noir Strange Bargain che aveva interpretato nel 1949, e del quale riprese il personaggio di Sam Wilson, recitando accanto a Martha Scott, che era stata sua partner nel film. Dopo un'ultima apparizione in due episodi delle serie California (1990), e Voci nella notte (1990), Lynn si ritirò definitivamente dalle scene.

Dopo il primo matrimonio con Robin Chandler (1946-1958), dalla quale ebbe due figli, Letitia e Jeffrey Jr., Lynn si risposò altre due volte. Morì a Burbank (California) il 24 novembre 1995, all'età di ottantasei anni, per cause naturali. È sepolto al Forest Lawn Memorial Park di Hollywood Hills.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Jeffrey Lynn - Biography - IMDb
  2. ^ a b George Morris, John Garfield, Milano Libri Edizioni, 1979, pag. 35-37
  3. ^ Howard Gelman, The films of John Garfield, The Citadel Press, 1975, pag. 52

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN2718046 · ISNI: (EN0000 0001 1737 3418 · GND: (DE1025794842 · BNF: (FRcb14591874f (data)