Jeff the Killer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
(EN)

«Go to sleep.»

(IT)

«Vai a dormire.»

(La frase che Jeff usa prima di uccidere le sue vittime.)

Jeffrey Alan Woods, conosciuto anche come Jeff o, più comunemente, con il soprannome di Jeff the Killer, è un personaggio immaginario, serial killer, protagonista di racconti dell'orrore (creepypasta) e videogiochi, nato come fenomeno di Internet. Ha ispirato anche opere di terze parti.

È stato creato da un utente di YouTube denominato Sesseur nel 2008.[1]

Oggi è probabilmente il personaggio di creepypasta più conosciuto, dopo lo Slenderman.[2] Da certi avvistamenti si dice che abbia i capelli neri, probabilmente bruciati, la pelle ustionata, pupille schiarite dal fuoco e un grande taglio che va da una guancia all'altra.

Creazione e diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio nacque il 3 ottobre 2008 da uno YouTuber denominato Sesseur, che caricò un video sul suo canale YouTube intitolandolo “Jeff the killer [Original Story]”.[1] Il video ha poi riscosso un'enorme popolarità attraverso la rete internet, diventando così un classico dei creepypasta.[1][3][4][5]

Il 14 ottobre 2008 l'immagine del personaggio riapparve sul sito Newgrounds, caricata dall'autore del video originale. L'immagine di Jeff rilasciata per l'occasione (una versione precedente a quella mostrata nel video) divenne l'ispirazione per innumerevoli altre storie su Creepypasta Wiki, Wiki Answers, e Quotev.[3][6][7] Su YouTube, decine di utenti caricarono la propria versione della storia di Jeff the killer,[3] attestando così la nascita di un movimento fandom dedicato al personaggio. Successivamente, apparvero diverse fan art su deviantART, oltre a fan film, fan fiction, e fan game dedicati al personaggio.[3][4][8]

Nel 12 agosto 2012 un autore sconosciuto con il nome utente Sesseur pubblicò su il sito creepypasta.com una versione migliorata della storia di Jeff the Killer.[9] La storia venne pubblicata sul sito creepypasta.com ed in seguito fu riportata su Creepypasta Wiki dove diventò nota sulla rete e fu reputata la storia ufficiale del personaggio.

Nel 2014 la storia di Jeff the Killer su Creepypasta Wiki fu rimossa per le numerose inesattezze riscontrate nella trama ed errori grossolani, come ad esempio la infiammabilità della candeggina mischiata a whisky di cui Jeff fu imbrattato durante lo scontro, la mancanza di intervento da parte degli adulti durante la festa di compleanno e i numerosi errori grammaticali.[10] Il sito trasferì provvisoriamente la storia su Spinpasta Wiki per poter decidere se cancellare il racconto o mantenerlo.[10] La cancellazione fu ratificata tramite votazione e la storia fu cancellata definitivamente da siti Creepypasta Wiki e Spinpasta Wiki.[10][11] Anche se la storia fu eliminata definitivamente da Creepypasta Wiki e da Spinpasta Wiki, altre wikie come Creepypasta Classics Wiki, Just The Kittens! e Trollpasta Wiki decisero di adottare la storia per le sue inesattezze, evitando così la cancellazione dalla rete.[12][13][14] Il sito wikia Creepypasta Wiki italiano decise di salvaguardare la storia di Jeff the Killer di Creepypasta Wiki da modifiche esterne e dagli stessi utenti iscritti, tempo prima della cancellazione dalla Creepypasta Wiki, non per scansare cancellazioni vandaliche ma per evitare delle continue modifiche che la pagina subiva.[15]

Più tardi a fine 2015, Creepypasta Wiki fece un contest per sostituire la pagina cancellata con un remake della storia di Jeff the Killer,[16] il contest fu vinto da Banningk1979 (K. Banning Kellum) uno degli amministratori della wiki stessa,[17][18] che chiamò il remake con il nome di "Jeff the Killer 2015".[19] Il remake venne poi tradotto dallo staff di Creepypasta Italia Wiki, e inserito in quest'ultima, dato che le pesanti critiche sulle inesattezze e gli errori di trama avevano cominciato ad affluire anche in Italia. Tuttavia decisero di non sostituire il racconto originale con il remake, ma di aggiungerlo semplicemente alla stessa pagina di Jeff the Killer già esistente, considerando il remake solo come una storia alternativa volta a coloro che non apprezzavano l'originale.[20][21]

Nell'autunno del 2016 autore Sesseur decide di cancellare il proprio canale YouTube, eliminando di conseguenza il video “Jeff the killer [Original Story]” che narra l'origine della Creepypasta su Jeff the Killer.[1] Secondo il commento di Sesseur su Deviant Art del 26 gennaio 2016, l’autore ha espresso che anche se considera migliore la sceneggiatura scritta da Banningk1979 su Jeff, ha espresso la sua disapprovazione sul fatto che la trama discosta troppo dalla sua idea originale. Sesseur ha spiegato che il video pubblicato su YouTube era solo un prologo sulla storia che voleva realizzare nel 2008.

Descrizione del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Nella storia di Jeff' viene messo in evidenza il fatto che il protagonista dopo l’incidente subisce un cambiamento radicale della colorazione dei capelli e degli occhi.
Essendo impossibile tale cambiamento molte storie creepypasta e fan fiction descrivono Jeff come un ragazzo dai capelli castani e occhi azzurro ghiaccio, secondo uno stile più realistico.

Aspetto fisico[modifica | modifica wikitesto]

Jeff viene descritto come un ragazzo di circa 16 anni,[22] con un volto pallido e un naso tagliato (a causa dell'incidente), capelli neri (originariamente castani)[23], occhi privi di colore (originariamente azzurro ghiaccio)[23] senza palpebre, contornati da ustioni nere, e una bocca priva di labbra e parte delle guance. Le mutilazioni del viso delineano un sorriso fisso, rendendo visibili tutti i denti.[24] Indossa una felpa bianca senza cerniera lampo, con tasca centrale e cappuccio a cordino regolabile, dei jeans di color nero e scarpe da skate nere.[25]

Comportamento e carattere[modifica | modifica wikitesto]

Jeff predilige colpire a morte le sue vittime mentre dormono, pugnalandole con un coltello da cucina, ma non è raro che usi altri strumenti come candeggina,[26] bevande alcoliche e benzina per dare fuoco alle vittime e l'uso di diverse armi da fuoco.[27] Inoltre, in seguito all'incidente, il personaggio avrebbe cominciato a darsi all'alcolismo e al fumo.[28]

Il personaggio mostrava inizialmente un carattere timido, gentile e altruista, ed era molto affezionato al fratello Liu; ciò nonostante, si sente represso e rabbioso interiormente a causa della comportamento fin troppo rigido della madre. La personalità di Jeff cambiata radicalmente dopo l'incidente, mostrando diversi sintomi psicologici come: l'autolesionismo, schizofrenia, narcisismo, sadismo e una forma di follia omicida particolare.[29]

Familiari[modifica | modifica wikitesto]

L'unico parente menzionato nella storia originale di Sesseur è il fratello maggiore Liu,[1] mentre nella versione di Creepypasta Wiki ha una famiglia composta da un padre, una madre e un fratello maggiore, uccisi dallo stesso Jeff al termine della storia.[21] In alcune fan fiction, Liu sopravvive al massacro e a sua volta diventa un assassino; in altre versioni, invece, cerca il fratello per vendicarsi o aiutarlo a ritornare normale. Nella storie si comprende che Jeff non ha buon rapporto famigliare con la madre, che dimostra di essere molto autoritaria, evitando qualsiasi discussione tra lei e il figlio. Il padre invece, non viene quasi mai menzionato, se appare nelle opere viene presentato come un personaggio di secondo piano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio Jeff the Killer è presente originalmente in due storie: una è quella creata da Sesseur, che narra in breve l’incidente di Jeff.[1] L’altra è quella creata da Creepypasta Wiki, che narra la storia di Jeff e di come sia diventato un pericoloso assassino seriale.[10][21] Entrambe le versioni della storia presentano i personaggi di Jeff e Liu.

La storia di Sesseur[modifica | modifica wikitesto]

La storia di Sesseur si concentra sulle figure di due fratelli, Jeff e Liu. Stando alla versione originale, un giorno Jeff decise di pulire il bagno con un gallone di acido, ma durante la pulizia perse l’equilibrio scivolando su una saponetta e trascinando con sé l'acido, che gli cadde addosso ustionandogli il volto. Il vicino di casa udì le richieste di aiuto di Jeff e lo soccorse, portandolo all'ospedale. Informato dell'accaduto, Liu si precipitò all'ospedale dal lavoro. La storia termina con la certezza che Jeff non sarebbe stato più lo stesso dopo l’incidente.

La storia di Creepypasta Wiki[modifica | modifica wikitesto]

La storia di Creepypasta Wiki inizia col trasloco di Jeff e dei suoi familiari in un nuovo quartiere. Il giorno seguente, Jeff e suo fratello Liu hanno uno scontro con tre bulli alla fermata dell'autobus, durante il quale Jeff riesce a ferirli prima di fuggire. In seguito alla rissa, la polizia si reca a casa Woods per arrestare Jeff e Liu. Per proteggere il fratello, Liu dichiara di essere l'unico colpevole, finendo così in carcere, anche se Jeff ammette le sue colpe, non venendo creduto da nessuno. Qualche tempo dopo, durante una festa di compleanno (dove Jeff indosserà la classica felpa bianca a cui è associato), i bulli si vendicano su Jeff, picchiandolo brutalmente. Jeff reagisce ed uccide due dei bulli, lasciando in fin di vita l’ultimo. Nello scontro, Jeff viene ferito gravemente e viene ricoverato in ospedale per ustioni. Dopo una lunga degenza, durante la quale Liu viene scagionato, Jeff ritorna a casa. Il ragazzo, però, non è più lo stesso: Jeff ha il volto deturpato, completamente bianco; la sua psiche risulta fortemente compromessa: alla vista del suoi lineamenti sfigurati si dimostra estremamente felice e soddisfatto, considerandoli perfetti. La stessa notte del suo ritorno, Jeff mutila ulteriormente il proprio viso, tagliandosi le labbra per sorridere sempre e bruciandosi le palpebre per poter ammirare il suo sorriso in ogni istante. La madre accorre sentendo le sue urla e Jeff chiede alla madre un parere sul suo nuovo aspetto, terrorizzandola. La madre si reca quindi dal marito per cercare di fermare Jeff, ma il ragazzo, vedendosi tradito dai suoi stessi genitori, uccide entrambi in preda ad un raptus di follia. Jeff raggiunge quindi la camera del fratello e, dopo avergli coperto la bocca con la mano, si appresta a pugnalarlo. La sorte di Liu rimane comunque incerta, lasciando aperta la possibilità che sia sopravvissuto all'eccidio (tesi sostenuta nella storia spin-off Homicidal Liu).[21]

La storia di Banningk1979[modifica | modifica wikitesto]

La storia di Banningk1979 inizia col Jeffrey e la sua famiglia si trasferiscono in un nuovo quartiere. Il giorno dopo, perlustrando la zona, trovano un videonoleggio, in cui decidono di fermarsi. Poco dopo notano che all'esterno dei bulli stanno usando le loro bici senza permesso. Jeffrey e il fratello Liu, inizialmente, tentano di evitare risse o scontri verbali, ma i bulli hanno l'intento contrario. Inizia per cui una lite, dapprima verbale, e in seguito fisica. Jeff per la prima volta avverte la strana sensazione che lo porterà alla follia nel corso della storia. La polizia irrompe in seguito nella casa dei due fratelli. Essi vengono incolpati di aver dato inizio alla rissa. Entrambi i fratelli sostengono di aver solo reagito a delle provocazioni scatenate dai tre bulli (Randy, Keith e Troy), ma gli agenti, imperterriti, continuano a sostenere che siano loro i responsabili, probabilmente condizionati dal fatto che i tre teppisti siano figli di famiglie ricche. Anche i genitori (Matt e Sheila) sembrano non voler appoggiare le motivazioni dei figli, creando per cui disappunto nei confronti dei due ragazzi. Liu viene in seguito dato in affidamento alla zia Marcy per due settimane, in modo che non abbia contatti con Jeff durante questo periodo e che i due non si caccino nei guai. Dopo la partenza di Liu, la madre corrompe Jeff, dicendogli che se fosse andato da Randy per provare a stringerci amicizia, avrebbe fatto tornare a casa Liu prima della data prestabilita. Jeff si ritrova a casa del bulletto. Inizialmente, questo sembra voler stringere amicizia con lui, ma si rivelerà solo un inganno, non appena andranno via di casa i genitori di entrambi. Difatti si ritrovano ben presto in garage, in compagnia di Keith e Troy; i tre bulli hanno intenzione di fargliela pagare. Jeff, quindi, avverte nuovamente l'istinto omicida provato durante il precedente incontro e sconfigge i teppisti. In seguito Randy, per la fretta e l'ansia che gli adulti tornassero, spara involontariamente Jeffrey con una pistola lanciarazzi. Il volto di Jeff è sfigurato, la sua parte sinistra è segnata da diverse ustioni; una cicatrice, somigliante a un sorriso, sulla guancia si estende dalla bocca fino all'orecchio. In quel lato, la testa non presenta capelli (se non sporadici ciuffi), l'occhio è completamente bianco. Si ritrova in ospedale e qui sente i genitori, in particolare la madre, parlare del suo probabile futuro: secondo loro, difatti, verrà considerato un mostro, rifiutato dalla società. Jeffrey, ferito da queste parole, ritornato a casa, ha in testa il solo pensiero di vendetta nei confronti dei genitori. Li uccide entrambi a notte fonda, risparmiando però la vita a Liu, che ancora non sa della morte di Matt e Sheila.[21]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Molti fan iniziarono a creare dei fan game dedicati a Jeff the Killer, fra cui flash games gratuiti online. Il primo fan game che riscosse un discreto interesse fu il videogioco intitolato Jeff the Killer, pubblicato per Android nel 2012 da MAR R.[30] In realtà il gioco risultò essere una frode: i contenuti non corrispondevano alla descrizione pubblica e alle screenshot presenti, causando così la rimozione dell'applicazione da iTunes.[31]

Nel 2013 uscì il primo vero videogioco dedicato al personaggio, un fan game per PC intitolato Illusion: Ghost Killer.[32][33] Il videogioco riscosse un buon successo tra gli amanti dei creepygames e divenne famoso soprattutto grazie ai video di gameplay pubblicati su YouTube dai videogiocatori.[34]

Il 30 gennaio 2015 il gruppo di sviluppatori indipendenti Machine Bear ha pubblicato su Steam il videogioco Urban Legends, basato sull'Unreal Engine, in cui Jeff the Killer figura come principale antagonista.[35][36][37]

Influenza[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio di Jeff the Killer ha influenzato molte opere, portando alla creazione di storie secondarie con personaggi simili o collegabili a lui. All'origine dell'immagine di Jeff the Killer sono inoltre collegate diverse leggende metropolitane.[3][4]

Copypasta[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio Jeff the Killer ha ispirato diverse storie creepypasta e la nascita di nuovi personaggi simili a lui. Jeff the Killer appare in altre storie creepypasta come personaggio principale, secondario o come elemento chiave della storia. Le storie create successivamente spesso sono in contraddizione tra loro o mostrano notevoli discrepanze con il materiale originale (ad esempio, la storia di Jane the Killer rivede le origini di Jeff, reinterpretando la versione di Creepypasta Wiki). In alcune storie, Jeff si trova a combattere contro altri fenomeni di Internet, come lo Slender Man. Di seguito è riportato un elenco non comprensivo di opere derivate.

Personaggi derivanti da Jeff the Killer[modifica | modifica wikitesto]

  • Homicidal Liu
Successivamente alla pubblicazione della storia di Jeff the Killer su Creepypasta Wiki, si levarono dibattiti sulla sorte di Liu Woods. Il 29 maggio 2014, sulla versione spagnola di Creepypasta Wiki, venne pubblicato un racconto incentrato sul personaggio. La storia, intitolata Homicidal Liu, racconta come il protagonista omonimo sia scampato alla morte per mano del fratello e di come si sia trasformato a sua volta in un assassino alla ricerca di vendetta.[38] Il personaggio è comparso in seguito come protagonista in altre creepypasta.
  • Jane the Killer
Jane Arkensaw, più comunemente conosciuta con il soprannome di "Jane the Killer", è la protagonista di alcuni racconti creepypasta.[39]
  • Nina the Killer
Nina Hopkins, più comunemente conosciuta con il soprannome di "Nina the Killer", è la protagonista di alcuni racconti creepypasta.[40][41]
  • Jenn the Killer
Jennifer Alexis Woods, conosciuta anche come Jenny o, più comunemente, con il soprannome di "Jenn the Killer", è descritta come identica a Jeff the Killer, con l'unica differenza che indossa una gonna. Originariamente, Jenn nacque come versione femminile di Jeff the Killer causato dal fenomeno internettiano Rule 63 (Articolo 63), ma in seguito i fan la trasformarono in un personaggio a sé stante, fino a renderla protagonista di alcune creepypasta.

Fan fiction[modifica | modifica wikitesto]

  • Jeff the Killer: The Ghost Circle
Jeff the Killer: The Ghost Circle è una serie di storie sequel degli eventi della versione di Creepypasta Wiki, le vicende girano attorno ad alcuni dei personaggi che erano direttamente o indirettamente responsabili dell'incidente che ha portato Jeff a diventare un killer, e narra di come essi siano ancora in qualche modo legati ad esso. La saga presenta cinque capitoli e la sua scrittura è terminata ad Halloween 2018 (31 Ottobre).[42]
  • Ghost Killer
Ghost Killer è una storia creepypasta sequel degli eventi della storia di Creepypasta Wiki, primo capitolo della saga Jeff the Killer: The Ghost Circle presente nella Creepypasta Italia Wiki[43], che vede come protagonista Keith, uno dei bulli che portò Jeff al suo stato attuale. Keith fu l'unico a sopravvivere a Jeff durante la festa di compleanno. La storia narra di come Keith ha cambiato la sua vita, ma che dopo un lungo periodo Jeff lo trova e uccide lui e tutta la sua famiglia.[44][45]
  • Ghost Memories
Ghost Memories è una storia creepypasta sequel degli eventi della storia Ghost Killer, secondo capitolo della saga Jeff the Killer: The Ghost Circle presente nella Creepypasta Italia Wiki[43], questa volta vede come protagonista il poliziotto che arrestò Liu, il fratello di Jeff, nella storia originale del racconto. La storia narra di come questo poliziotto desideroso di vendetta per la morte del suo partner per mano di Jeff, riesca a trovare e ad uccidere proprio quest'ultimo. Tuttavia i suoi ricordi riguardo Jeff continuano a tormentarlo, portandolo a chiedersi se ucciderlo così a sangue freddo fosse la cosa più giusta da fare. A lungo andare i ricordi e le paranoie scaturite da essi, raggiungono il culmine quando scopre di un precedente incontro tra sua figlia e Jeff, che lo portano a pensare che il killer possa essere ancora in vita.[46][47]
  • Ghost Sleep
Ghost Sleep è una storia creepypasta sequel degli eventi della storia Ghost Memories, terzo capitolo della saga Jeff the Killer: The Ghost Circle presente nella Creepypasta Italia Wiki[43], la storia riparte subito da dove era rimasta in Ghost Memories e il protagonista ancora una volta è il poliziotto della storia precedente. Il racconto inizia mentre il detective è impegnato ad interrogare Jeff, dopo essere riuscito ad arrestarlo poco dopo la fine di Memories, qui scoprirà la personalità di Jeff e le motivazioni dietro i suoi omicidi. Tuttavia l'arresto e l'interrogatorio risulterà essere un inganno orchestrato dal killer, che si libererà poco dopo e si scoprirà essersi fatto arrestare di proposito per poter porre fine alla vita di uno dei prigionieri che è rinchiuso nello stesso carcere in cui Jeff è stato importato.[48][49]
  • Ghost Unconscious
Ghost Unconscious è una storia creepypasta sequel degli eventi della storia Ghost Sleep, quarto capitolo della saga Jeff the Killer: The Ghost Circle presente nella Creepypasta Italia Wiki[43], la storia riprende 2 anni dopo gli eventi di Sleep, con un nuovo protagonista di nome Benjamin che risulta essere un reporter convinto che Jeff voglia cacciarlo ed ucciderlo. Benjamin armato della sua fedele attrezzatura da giornalista si addentrerà all'interno di un vecchio mattatoio abbandonato convinto che quella sia la nuova residenza del killer, si ritroverà invece a subire torture che non poteva nemmeno immaginare e a riportare a galla fantasmi del passato.[50][51]
  • Ghost Zenith
Ghost Zenith è una storia creepypasta sequel degli eventi della storia Ghost Unconscious, quinto ed ultimo capitolo della saga Jeff the Killer: The Ghost Circle presente nella Creepypasta Italia Wiki[43], il racconto continua da dove si era fermato Unconscious, portando a termine definitivamente la saga attraverso uno scontro ricco di flashback, delucidazioni, colpi di scena e un finale che oltre a completare la serie dà un enorme tributo al personaggio di "Jeff the Killer".[52][53]
  • Jeff the Killer VS Slenderman
Jeff the Killer VS Slenderman è una storia creepypasta che appartiene alla sotto-categoria dei versus, in cui personaggi di fantasia, derivati dalle opere più disparate, si scontrano. Nata originariamente come storia speculativa creata da fan di entrambi i personaggi, la sua stesura ha generato discussioni e dibattiti su chi avrebbe dovuto prevalere. Lo scontro tra i due termina sostanzialmente in pareggio, con entrambi i contendenti in vita.[54][55]
  • Il Mio Amico Jeff
Il Mio Amico Jeff è una storia creepypasta italiana pubblicata nella Creepypasta Italia Wiki.[56] Il racconto vede protagonista il padre di una bambina di nome Mandy, quest'ultima riceve delle visite notturne da quello che sembra essere un amico immaginario di nome Jeff. Il padre poco dopo scoprirà tramite il notiziario locale che il noto Jeff the Killer si trova ora nella città in cui vivono, teorizzando che egli sia in realtà colui che viene a visitare sua figlia la notte.[56][57][58]
  • Jeff e Jane, la vera fine degli assassini
Jeff e Jane, la vera fine degli assassini è una storia creepypasta ispirata all'originale Jeff the Killer di Creepypasta Wikia e alla FanFiction Jane the Killer. Il racconto mostra una visione puramente fandom di quello che è lo scontro finale tra i due noti serial killer. Il racconto vede come protagonista un ragazzo che viene catturato insieme alla sua sorellina e ad altri civili da Jeff, quest'ultimo convince Jane e costringe le vittime a partecipare ad un malato gioco da lui ideato: i civili saranno liberati all'interno dell'edificio in cui si trovano, mentre i due killer dovranno trovarli ed ucciderli, il killer che ucciderà più persone vincerà il diritto di uccidere l'altro killer senza che questo possa reagire.[59][60]

Leggende metropolitane[modifica | modifica wikitesto]

  • L'immagine di Jeff the Killer
L'immagine di Jeff the Killer pubblicata originariamente in rete ha dato origine a numerose discussioni sulla sua origine, al punto che si sono create intorno ad essa diverse leggende metropolitane. Una di queste narra che l'immagine sia stata creata partendo dalla foto sgranata di Katy Robinson, una ragazza vittima di cyberbullismo che morì suicida dopo aver postato un suo selfie su 4chan. Questa versione è stata teorizzata su Reddit durante una discussione sull'origine della foto di Jeff, secondo quale la foto originale di Katy è stata ritoccata per creare quella di Jeff the Killer.[3][4][61][62] Altri sostengono che il volto di Jeff sia stato creato usando come base gli occhi di un cadavere e la mascella rotta di un cane o un'immagine di Laina Walker, una ragazza divenuta famosa su Internet per il suo sorriso inquietante.[3][4] Non esistono tuttavia prove certe a sostegno di alcuna di queste ipotesi.
  • L’articolo di giornale
A seguito della comparsa in rete di un articolo di giornale datato 2 settembre 2006, sulla presunta esistenza di Jeff the Killer, molte persone credettero si trattasse di una persona reale.[63][64] In realtà, l'articolo era un falso, prodotto tramite un'applicazione per generare finte pagine di quotidiani.[65] La scoperta della bufala non frenò i dibattiti in rete, portando molti utenti a porre domande su forum e siti come Yahoo! Answers. La discussione fu alimentata da storie fittizie e materiale aggiuntivo prodotto dal fandom del personaggio.

Altro[modifica | modifica wikitesto]

  • Sesseur l'autore della Creepypasta su "creepypasta.com"
Secondo alcune discussioni su forum e blog, si è teorizzato che l'autore della Creepypasta pubblicata sul sito creepypasta.com nel 12 agosto 2012 e successive riportata su Creepypasta Wiki, sia lo stesso autore Sesseur che nel 2008 pubblicava su YouTube la prima storia di "Jeff the Kill"[senza fonte].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Filmato audio (EN) Sesseur, Jeff the killer [Original Story], su YouTube, 3 ottobre 2008. URL consultato il 4 marzo 2015.[collegamento interrotto]
  2. ^ (EN) Watch Mojo: Top 10 Scariest Creepypastas, su watchmojo.com. URL consultato il 7 marzo 2015 (archiviato il 3 marzo 2016).
  3. ^ a b c d e f g (EN) The Daily Dot: 4chan hunts down the origins of an Internet horror legend, in The Daily Dot, 2 agosto 2013. URL consultato il 20 gennaio 2015 (archiviato il 24 agosto 2013).
  4. ^ a b c d e (EN) Cryptophobia Episode 1: Jeff the Killer: The internet legend, or a troll?, su cryptophobia.blogspot.it, 15 maggio 2014. URL consultato il 27 gennaio 2015 (archiviato l'11 febbraio 2015).
  5. ^ (EN) Bustle: Slender Man, Jeff The Killer, And More Horror Memes To Haunt Your Nightmares, su bustle.com, 6 novembre 2014. URL consultato l'11 marzo 2015.
  6. ^ (EN) Creepypasta Wiki: Creepypasta Wiki:Deleted Page/Jeff the Killer, su creepypasta.wikia.com. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  7. ^ (EN) Quotev: Stories - Jeff the killer, su quotev.com. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  8. ^ (EN) Games Dreams: Play Jeff the Killer Game Online - Jeff the Killer, su gamesdreams.com. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  9. ^ (EN) Sito Creepypasta: Jeff the Killer, su creepypasta.com, 12 agosto 2012. URL consultato il 9 dicembre 2015 (archiviato il 15 agosto 2012).
  10. ^ a b c d (EN) Creepypasta Wiki: Proposal: Deletion of Jeff the Killer, su creepypasta.wikia.com, 21 settembre 2014. URL consultato il 26 febbraio 2015 (archiviato il 12 settembre 2015).
  11. ^ (EN) Sito Wikia Spinpasta: Jeff the Killer, su spinpasta.wikia.com, 8 dicembre 2013. URL consultato il 30 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2014).
  12. ^ (EN) Sito Wikia Creepypasta Classics Wiki: Jeff the Killer, su creepypastaclassics.wikia.com, 24 settembre 2014. URL consultato il 28 aprile 2016.
  13. ^ (EN) Sito Wikia Just The Kittens!: Jeff the Killer, su jtk.wikia.com, 1º febbraio 2014. URL consultato il 28 aprile 2016.
  14. ^ (EN) Sito Wikia Trollpasta Wiki: Jeff the Killer, su trollpasta.wikia.com, 19 dicembre 2014. URL consultato il 26 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2015).
  15. ^ Affermazioni confermate da LiquiÐ, Amministratore di Creepypasta Wiki italiano.
  16. ^ (EN) Sito Wikia Creepypasta Wiki: Jeff the Killer Rewrite Contest!, su creepypasta.wikia.com, 26 settembre 2015. URL consultato il 27 aprile 2016 (archiviato il 30 aprile 2016).
  17. ^ (EN) Sito Wikia Creepypasta Wiki: Profilo di Banningk1979, su creepypasta.wikia.com. URL consultato il 27 aprile 2016.
  18. ^ (EN) Sito Wikia Creepypasta Wiki: Jeff the Killer Rewrite Contest - The Winners!, su creepypasta.wikia.com, 6 dicembre 2015. URL consultato il 17 febbraio 2016 (archiviato il 25 febbraio 2016).
  19. ^ (EN) Sito Wikia Creepypasta Wiki: Jeff the Killer 2015, su creepypasta.wikia.com, 7 dicembre 2015. URL consultato il 17 febbraio 2016 (archiviato il 30 aprile 2016).
  20. ^ Sito Wikia Creepypasta Wiki (versione italiana): Jeff the Killer 2015, su it.creepypasta.wikia.com, 1º gennaio 2016. URL consultato il 29 aprile 2016 (archiviato il 30 aprile 2016).
  21. ^ a b c d e Sito Wikia Creepypasta Wiki (versione italiana): Jeff the Killer, su it.creepypasta.wikia.com, 6 febbraio 2012 (classica) - 12 novembre 2014 (storia nuova 2015). URL consultato il 26 febbraio 2015 (archiviato il 6 marzo 2016).
  22. ^ Nella storia di "Sesseur" non si accenna alla età precisa del personaggio, si capisce solamente che Jeff è adolescente mentre Liu risulta maggiorenne. Nella storia di "Creepypasta Wiki", la differenza di età tra i fratelli è minore: Liu è leggermente più grande, ma adolescente come Jeff.
  23. ^ a b Sono dettagli aggiunti dalle altre fan fiction che scelgono una linea di narrazione più realistica.
  24. ^ Nella storia di "Sesseur" le ferite sono causate unicamente dall'incidente. Nella storia di "Creepypasta Wiki" le ferite si dividono in due atti: quelle dell’incidente e quelle auto-inflitte.
  25. ^ Solo nella storia di "Creepypasta Wiki" vengono descritti gli abiti di Jeff, mentre nella storia di "Sesseur" non c'è alcun riferimento all'abbigliamento del personaggio.
  26. ^ Nella storia di "Creepypasta Wiki" viene usata miscelata con il whisky per dare fuoco a Jeff durante lo scontro in cui fu ustionato, anche se la candeggina non è veramente infiammabile perché è una soluzione che si può trovare in soluzione diluita 50% con acqua o pura composta solo da ipoclorito di sodio, può sprigionare gas pericolosi (ad esempio, a contatto con acidi libera cloro gassoso) o esplodere, soprattutto solo se viene miscelata con l'ammoniaca (ipoclorito di sodio a contatto con l'ammoniaca, si trasforma in Idrazina ). Lo stesso oggetto fu usato in altre storie in cui Jeff è protagonista o come elemento chiave della storia.
  27. ^ Nelle storia di "Sesseur" non sono presenti armi di alcun genere o oggetti usati come tali dal protagonista. Tutti i dettagli sono stati aggiunti dalle altre storie che vedono Jeff come Protagonista o personaggio secondario.
  28. ^ La dipendenza da alcol e sigarette sono dettagli aggiunti dalle fan fiction, non presenti nella storia originale.
  29. ^ Informazioni che si riscontrano nella storia di "Creepypasta Wiki".
  30. ^ (EN) App Lebrain: Jeff the Killer il gioco per iPhone più terrificante del 2012 [collegamento interrotto], su applebrain.it, 5 novembre 2012. URL consultato il 5 marzo 2015.
  31. ^ iPhone Italia: Bad Blood e Jeff the Killer due giochi da cui stare alla larga per non essere truffati, su iphoneitalia.com, 5 novembre 2012. URL consultato il 5 marzo 2015.
  32. ^ (EN) Indie DB: ILLUSION - Ghost Killer, su indiedb.com, 8 febbraio 2013. URL consultato il 5 marzo 2015.
  33. ^ (EN) Sito Metacritic: ILLUSION - Ghost Killer, su metacritic.com, 27 settembre 2013. URL consultato il 27 giugno 2015.
  34. ^ Video di gameplay di ILLUSION - Ghost Killer su YouTube, su youtube.com. URL consultato il 5 marzo 2015.
  35. ^ (EN) Steam: Urban Legends™, su store.steampowered.com, 30 gennaio 2015. URL consultato il 5 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2015).
  36. ^ (EN) Machine Bear: Urban Legends, su machinebear.com.br. URL consultato il 5 marzo 2015 (archiviato dall'url originale l'11 marzo 2015).
  37. ^ (EN) The Shelter Network: Urban Legends – Jeff il cugino di Slender Man [collegamento interrotto], su theshelternetwork.com, 3 marzo 2015. URL consultato il 7 marzo 2015.
  38. ^ CreepypastaFanFic: Homicidal Liu, su it.creepypastafanfic.wikia.com, 30 dicembre 2015. URL consultato il 30 dicembre 2015.
  39. ^ CreepypastaFanFic Wiki: Jane the Killer: The Real Story, su it.creepypastafanfic.wikia.com. URL consultato il 30 dicembre 2015.
  40. ^ (ES) Taringa: Nina The Killer-Creepypasta, su taringa.net, 5 febbraio 2013. URL consultato il 12 febbraio 2015.
  41. ^ Creepypasta Fan Fiction: Nina the Killer, su it.creepypastafanfic.wikia.com, 30 novembre 2014. URL consultato il 23 aprile 2015.
  42. ^ Wikia it.creepypasta: Jeff the Killer: The Ghost Circle, su it.creepypasta.wikia.com. URL consultato il 3 maggio 2018.
  43. ^ a b c d e Wikia it.creepypasta: Jeff the Killer: The Ghost Circle, su it.creepypasta.wikia.com. URL consultato il 14 settembre 2016.
  44. ^ Wikia it.creepypasta: Jeff the Killer: The Ghost Circle, su it.creepypasta.wikia.com. URL consultato il 14 settembre 2016.
  45. ^ Wikia it.creepypastafanfic: Ghost Killer, su it.creepypastafanfic.wikia.com. URL consultato il 21 dicembre 2015.
  46. ^ Wikia it.creepypasta: Jeff the Killer: The Ghost Circle, su it.creepypasta.wikia.com. URL consultato il 14 settembre 2016.
  47. ^ Wikia it.creepypastafanfic: Ghost Memories, su it.creepypastafanfic.wikia.com. URL consultato il 17 febbraio 2016.
  48. ^ Wikia it.creepypasta: Jeff the Killer: The Ghost Circle, su it.creepypasta.wikia.com. URL consultato il 14 settembre 2016.
  49. ^ Wikia it.creepypastafanfic: Ghost Sleep, su it.creepypastafanfic.wikia.com. URL consultato il 14 settembre 2016.
  50. ^ Wikia it.creepypasta: Jeff the Killer: The Ghost Circle, su it.creepypasta.wikia.com. URL consultato il 3 maggio 2018.
  51. ^ Wikia it.creepypastafanfic: Ghost Unconscious, su it.creepypastafanfic.wikia.com. URL consultato il 3 maggio 2018.
  52. ^ Wikia it.creepypasta: Jeff the Killer: The Ghost Circle, su it.creepypasta.wikia.com. URL consultato il 3 maggio 2018.
  53. ^ Wikia it.creepypastafanfic: Ghost Zenith, su it.creepypastafanfic.wikia.com. URL consultato il 19 dicembre 2018.
  54. ^ it.creepypasta.wikia.com post: Jeff the Killer versus Slenderman, su it.creepypasta.wikia.com, 14 settembre 2016. URL consultato il 14 settembre 2016.
  55. ^ creepypastafanfic.wikia.com post: Jeff the Killer versus Slenderman, su it.creepypastafanfic.wikia.com, 30 dicembre 2015. URL consultato il 30 dicembre 2015.
  56. ^ a b Wikia it.creepypasta: Il Mio Amico Jeff, su it.creepypasta.wikia.com. URL consultato il 16 settembre 2016.
  57. ^ Il racconto viene anche citato nella Creepypasta Jeff the Killer: The Ghost Circle, precisamente in Ghost Memories e in Ghost Sleep.
  58. ^ Wikia it.creepypastafanfic: Il Mio Amico Jeff, su it.creepypastafanfic.wikia.com. URL consultato il 16 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 28 aprile 2016).
  59. ^ Wikia it.creepypasta: Jeff e Jane, la vera fine degli assassini, su it.creepypasta.wikia.com. URL consultato il 16 settembre 2016.
  60. ^ Wikia it.creepypastafanfic: Jeff e Jane, la vera fine degli assassini, su it.creepypastafanfic.wikia.com. URL consultato il 16 settembre 2016.
  61. ^ (EN) io9: Who is "Jeff the Killer"? And is his picture haunted by a real death?, su io9.gizmodo.com, 8 maggio 2013. URL consultato l'11 marzo 2015.
  62. ^ (EN) Reddit: We're trying to find the original "Jeff the Killer" photograph, su reddit.com, 2014. URL consultato l'11 marzo 2015.
  63. ^ (EN) L’articolo di giornale fittizo in questione (JPG), su 25.media.tumblr.com. URL consultato l'8 maggio 2015.
  64. ^ (EN) Blog Masonlydia: Tracking Jeffrey Woods (Jeff the Killer), su masonlydia.blogspot.it, 12 maggio 2014. URL consultato l'8 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2015).
  65. ^ (EN) Fodey: The Newspaper Clipping Generator, su fodey.com. URL consultato l'8 maggio 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]