Jean de Selys Longchamps

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jean de Selys Longchamps
Jean de Selys-Longchamp (1912-1943).jpg
NascitaBruxelles, 31 maggio 1912
MorteManston, 16 agosto 1943
Luogo di sepolturacimitero di Minster-in-Thanet
Dati militari
Paese servitoBelgio Belgio
Regno Unito Regno Unito
Forza armataEsercito belga
(fino al 1940)
Royal Air Force
(1940-1943)
UnitàNo. 609 Squadron RAF
Anni di servizio1940-1943
GradoCapitano (RAF)
GuerreSeconda guerra mondiale
CampagneCampagna di Francia
BattaglieInvasione tedesca del Belgio
Decorazionivedi qui
dati tratti da Les aviateurs belges dans la Royal Air Force
voci di militari presenti su Wikipedia

Barone Jean de Selys Longchamps (Bruxelles, 31 maggio 1912Manston, 16 agosto 1943) è stato un aviatore belga proveniente da famiglia aristocratica. Pilota da caccia della Royal Air Force durante la Seconda guerra mondiale, è particolarmente noto per il suo attacco del 1943 alla sede della Gestapo a Bruxelles nel Belgio occupato dalla Germania.[1][2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Stemma della casa di Selys Longchamps.
Monumento in memoria di Jean de Selys. Avenue Louise, (Bruxelles) per l'edificio attaccato nel 1943.

Nacque a Bruxelles il 31 maggio 1912, figlio del maggiore di cavalleria barone (conte dal 1958) Raymond de Selys Longchamps (1880-1966) e di Emilie de Theux de Meylandt et Monjardin (1880-1972).[3] Successivamente, diversi membri della famiglia sono stati membri del Senato belga. Edmond de Sélys Longchamps (1813-1900, nonno di Jean) fu considerato la sua più grande autorità scientifica su libellule e damigelle del suo tempo. Non avendo una forte inclinazione per gli studi, in gioventù passò attraverso un numero impressionante di college, tra cui Saint-Michel e Maredsous.[4] Iscrittosi all'università cattolica di Leuven, abbandonò gli studi andando a lavorare come impiegato in una banca.[5]

Carriera militare[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1933 venne arruolato nell'Esercito belga, entrando nella cavalleria, assegnato allo squadrone scuola del 1er Régiment de guides (1ste Regiment gidsen).[4] Nel 1937 fu promosso sottotenente della riserva, e richiamato in servizio nel settembre 1939, all'atto della mobilitazione seguita allo scoppio della seconda guerra mondiale.[4] Quando iniziò l'attacco tedesco ad ovest, il 10 maggio 1940, fu impegnato in combattimento contro gli invasori sul canale di giunzione sulla Meuse-Escaut, a Lanaken, su la Gette e sulla Lys.[4] Dopo la firma dell'armistizio con i tedeschi da parte di Re Leopoldo III, avvenuta il 28 maggio, fuggì per raggiungere il British Expeditionary Force a La Panne[4] venendo evacuato in Gran Bretagna.[3] Rientrò subito in Francia nel tentativo di ricostituire l'esercito belga, ma la caduta della Francia, e la seguente firma dell'armistizio di Compiègne misero fine al tentativo. Raggiunta Marsiglia cercò insieme ad un gruppo di piloti belgi di unirsi nuovamente agli alleati raggiungendo Gibilterra, via Marocco, ma fu arrestato e internato dalle autorità del governo di Vichy in un campo nella regione di Montpellier.[4] Riuscito a fuggire passò i Pirenei, attraversò la Spagna raggiungendo Gibilterra, e poi la Gran Bretagna, dove si arruolò nella Royal Air Force[4] falsificando la data di nascita.[N 1] Il 30 settembre 1941 fu assegnato al N. 609 Squadron RAF dell'11° Group, una unità dotata dei caccia Hawker Typhoon.[3]

Saputo dai suoi contatti in Patria che il padre era stato arrestato e torturato dalla Gestapo presso il suo quartier generale, situato nella 453 Avenue Louise a Bruxelles,[N 2] presentò ai suoi superiori un piano per attaccare la sede, e distruggerla.[3] La proposta non fu presa in considerazione, ed egli decise quindi di agire da solo.[3] Il 20 gennaio 1943 decollò dall'aeroporto di Manston, insieme al suo gregario Blanc, per attaccare il nodo ferroviario di Gand, in Belgio.[5] Una volta completata la missione ordinò al suo gregario di rientrare alla base, e puntò verso Bruxelles volando a bassissima quota.[4] Compì un attacco di precisione, utilizzando i quattro cannoni da 20 mm di cui era dotato l'aereo, contro l'edificio, uccidendo quattro soldati nemici,[N 3] e ferendone numerosi altri.[6] Dopo aver lasciato cadere una bandiera belga sul castello di Laeken, e una sulla casa di sua nipote, la baronessa de Villegas de Saint-Pierre, rientrò a Manston.[3] L'accoglienza degli altri piloti fu calorosissima, ma le autorità militari inglesi decisero di punirlo retrocedendolo di grado, da Flight Officer a Pilot Officer, e trasferendolo al No.3 Squadron RAF.[3]

Il 20 febbraio abbatte in combattimento un caccia Focke-Wulf Fw 190, e per questo fu citato all'ordine del giorno della RAF.[4] Il 31 marzo fu insignito della Distinguished Flying Cross per le sue azioni.[3]

Rimase ucciso il 16 agosto 1943 quando il suo aereo, rimasto danneggiato dalla contraerea, si schiantò in fase di atterraggio sulla base RAF di Manston, nel Kent, dopo una sortita su Ostenda.[4] Il suo corpo fu sepolto nel cimitero di Minster-in-Thanet, tomba 3002A.[3] Gli fu concessa postuma l'onorificenza di Cavaliere dell'Ordine di Leopoldo

Un busto che commemora le azioni di Longchamps si trova ora vicino al sito dell'attacco, a Bruxelles.[7][8] Il 16 agosto 2013 si è svolta una commemorazione della sua vita in concomitanza con la Royal British Legion.[9]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze belghe[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine di Leopoldo - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Leopoldo
Croix de guerre 1939-1945 con due palme e un leone di bronzo - nastrino per uniforme ordinaria Croix de guerre 1939-1945 con due palme e un leone di bronzo

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Distinguished Flying Cross - nastrino per uniforme ordinaria Distinguished Flying Cross
«This Officer is a pilot of exceptional ability and keenness. He shows a great offensive spirit and is eager to engage and destroy the enemy whenever possible. He has shown his great courage and initiative in numerous railtransport and the Gestapo headquarters attack in Brussels. He has also destroyed at least one enemy aircraft and damaged another

Note[modifica | modifica wikitesto]

Annotazioni[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ All'epoca aveva 28 anni, e secondo gli standard della RAF era troppo vecchio per essere assegnato ai reparti da combattimento.
  2. ^ Tale edificio ospitava anche la sede dell'RSHA (il Reichssicherheitshauptamt).
  3. ^ Tra di essi il capo locale dell'"Abteiling III" del'SD, l'SS-Sturmbannführer Alfred Thomas, l'SS- Obersturmführer Werner Vogt del Sipo (Sicherheitspolizei), e un alto funzionario della Gestapo di nome Müller.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Baron Jean De Selys, su home.clara.net.
  2. ^ (EN) Kurt Weygantt, World War II Aces - Jean de Selys Longchamps, su users.telenet.be.
  3. ^ a b c d e f g h i Manston History.
  4. ^ a b c d e f g h i j Veilles Tiges.
  5. ^ a b Historiek.
  6. ^ (EN) p. 3. Marion Schreiber. 2003. The Twentieth Train: The True Story of the Ambush of the Death Train to Auschwitz. (Translation by Shaun Schreiber from Stille Rebellen, 2000.) New York: Grove Press.
  7. ^ (EN) Baron Jean de Sélys-Longchamps, su Memorials of Brussels. URL consultato il 10 dicembre 2018.
  8. ^ (EN) p. 148e. Marion Schreiber. 2003. The Twentieth Train: The True Story of the Ambush of the Death Train to Auschwitz. (Translation by Shaun Schreiber from Stille Rebellen, 2000.) New York: Grove Press.
  9. ^ (EN) Service for RAF airman Baron Jean De Selys-Longchamps, BBC News. URL consultato il 10 dicembre 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Charles "Windmill" Demoulin, Mes oiseaux de feu, Paris, Juillard, 1982.
  • (FR) Michel Donnet, Les aviateurs belges dans la Royal Air Force, Bruxelles, Racine, 2007, ISBN 978-2-87386-472-9.
  • (FR) Hervé Gérard, Les as de l’aviation belge, Bruxelles, Éditions J. M. Collet, 1985.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]