Jean Giono

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Quando penso che un uomo solo, ridotto alle proprie semplici risorse fisiche e morali, è bastato a far uscire dal deserto quel paese di Canaan, trovo che, malgrado tutto, la condizione umana sia ammirevole. »
(Jean Giono, da L'uomo che piantava gli alberi)

Jean Giono (Manosque, 30 marzo 1895Manosque, 9 ottobre 1970) è stato uno scrittore francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Manosque, in Provenza nel 1895 da una famiglia di origine piemontese, il padre era calzolaio e la madre stiratrice.

Esercitò la professione di impiegato di banca, ma coltivò sin da giovane la passione letteraria, grazie alle appassionate letture di Omero e di Virgilio.

Partecipò alla prima guerra mondiale e la sua esperienza al fronte lo segnò per tutta la vita e lo indirizzò verso un ideale pacifista.

Esordi nel campo poetico con una serie di liriche, tra le quali la raccolta Accompagné de la flute (1924), prima di cimentarsi con i romanzi, tra i quali Colline (1929) e Regain (1930), incentrati sull'invito a vivere in armonia con la natura, e all'esaltazione dell'individualismo e della libertà.

Ammiratore delle idee di Rousseau, concretizzò l'ideale di primitivismo ritirandosi sull'altipiano del Contadour o in sperduti siti campagnoli della Provenza.[1] La sua carriera letteraria si articolò sia con i romanzi, complessivamente una trentina, per i quali trasse ispirazione dalla Grecia antica e dipinse le condizioni dell'uomo nel mondo, trattando le questioni morali e metafisiche con una portata universale., sia con i saggi, tra i quali Vraies Richesses (1936) e Vivre libre (1939), i cui temi principali furono il pacifismo e le critiche alle dittature e ai nazionalismi, oltre a qualche opera teatrale, come Le Bout de la route (1941).

Durante la sua esistenza non gli mancarono le vicissitudini, come ad esempio nel 1944, quando venne ingiustamente accusato di collaborazionismo con i nazisti e imprigionato per cinque mesi.

Non mancarono nelle sue opere toni talvolta epici, utilizzati per lo più per esaltare il messaggio naturista, oltre ad accurate indagini psicologiche della figura umana e forti influenze di Stendhal nella tecnica narrativa.[2]

Jean Giono è lontano dall'essere l'autore regionalista che si potrebbe credere. Autodidatta, diventò amico di Lucien Jacques, di André Gide e di Jean Guéhenno.

Giono morì di uno scompenso cardiaco nel 1970.[3]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

  • Collina (Colline) (1929)
  • Uno di Baumugnes (Un de Baumugnes) (1929)
  • Risveglio (Regain) (1930)
  • La menzogna di Ulisse o Nascita dell'Odissea (Naissance de l'Odyssée) (1930)
  • Le Grand Troupeau (1931)
  • Il ragazzo celeste (Jean le Bleu) (1932)
  • Solitude de la pitié (1932)
  • Il canto del mondo (Le Chant du monde) (1934)
  • Que ma joie demeure (1936)
  • Batailles dans la montagne (1937)
  • Pour saluer Melville (1941)
  • L'eau vive (1943)
  • Un re senza distrazioni (Un roi sans divertissement) (1947)
  • Noé (1947)
  • Fragments d'un paradis (1948)
  • Morte d'un personaggio (Mort d'un personnage) (1949)
  • Les Âmes fortes (1949)
  • Les Grands Chemins (1951)
  • L'ussaro sul tetto (Le Hussard sur le toit) (1951) da cui è stato tratto l'omonimo film del 1993
  • Il mulino di Polonia (Le Moulin de Pologne) (1952)
  • L'uomo che piantava gli alberi (L'homme qui plantait des arbres) (1953)
  • Una pazza felicità (Le Bonheur fou) (1957)
  • Angelo (1958)
  • Hortense ou l'Eau vive (1958)
  • Due cavalieri nella tempesta (Deux cavaliers de l'orage) (1965)
  • Il disertore (Le Déserteur) (1966)
  • Ennemonde et Autres Caractères (1968)
  • L'Iris de Suse (1970)
  • La fine degli eroi (Les Récits de la demi-brigade) (1972)
  • Faust au village (1977)
  • Le Bestiaire (1991)

Saggistica[modifica | modifica wikitesto]

  • Présentation de Pan (1930)
  • Manosque-des-plateaux (1931)
  • Il serpente di stelle (Le Serpent d'etoiles) (1933)
  • Les Vraies Richesses (1936)
  • Refus d'obéissance (1937)
  • Le Poids du ciel (1938)
  • Lettera ai contadini sulla poverta e la pace (Lettre aux paysans sur la pauvreté et la paix) – Grasset - 1938
  • Précisions (1939)
  • Recherche de la pureté (1939)
  • Triomphe de la vie (1941)
  • Viaggio in Italia (Voyage en Italie) (1953)
  • L'affare Dominici (Notes sur l'affaire Dominici) (1955)
  • Il disastro di Pavia (Le Désastre de Pavie) (1963)
  • Les Terrasses de l'Ile d'Elbe (1976)
  • Les Trois Arbres de Palzem (1984)
  • De Homère à Machiavel (1986)
  • Images d'un jour de pluie et autres récits de jeunesse (1987)
  • La Chasse au Bonheur (1988)
  • Provence (1993)
  • Les Héraclides (1995)
  • De Montluc à la "Série Noire" (1998)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Le Muse", De Agostini, Novara, 1965, vol.5 pag.261
  2. ^ "Le Muse", De Agostini, Novara, 1965, vol.5 pag.261
  3. ^ Jean Giono, le Voyageur immobile, Pages.videotron.com. URL consultato il 17 maggio2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Targa Jean Giono

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN44299388 · LCCN: (ENn80045867 · SBN: IT\ICCU\CFIV\066543 · ISNI: (EN0000 0001 2100 966X · GND: (DE118717545 · BNF: (FRcb119050002 (data) · NLA: (EN35126058 · BAV: ADV12213453