Jean-Louis Duport

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jean-Louis Duport

Jean-Louis Duport (Parigi, 4 ottobre 1749Parigi, 7 settembre 1819) è stato un violoncellista e compositore francese.

Insieme al fratello Jean-Pierre Duport, anch'egli violoncellista, fu studente di Martin Berteau. È principalmente ricordato per il suo trattato di tecnica violoncellistica Essai sur le doigté du violoncelle et sur la conduite de l'archet nel quale viene sviluppata in modo sistematico e fondata la tecnica moderna della mano sinistra del violoncello[1]. Alla trattazione teorica segue una raccolta di 21 famosi studi per violoncello solo. Beethoven compose per lui le due sonate per violoncello dell'Op.5.[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cominciò studiando danza e violino, prima di dedicarsi al violoncello seguendo l'esempio del fratello Jean Pierre.

Debutta nel 1768 ai Concert Spirituel e poco dopo diventa primo violoncello dell'Opéra National de Paris. Abbandona questa posizione durante la rivoluzione francese, nel 1789, quando a causa dei tagli economici inflitti a quest'istituzione emigra, ingaggiato da Federico II di Prussia. Nel 1806, con il regime napoleonico, torna a Parigi dove viene ricevuto alla corte di Napoleone e dove rimane come professore al Conservatoire national supérieur de musique et de danse de Paris. In quell'anno pubblica il trattato Essai sur le doigté du violoncelle et sur la conduite de l'archet. Perde la cattedra a seguito della restaurazione borbonica e muore a Parigi pochi anni dopo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Martin Rummel, op. cit., p. V-VI.
  2. ^ Jens Dufner,op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Jean-Louis Duport, a cura di Martin Rummel, 21 Etudes for Violoncello with an accompaniment of a second Violoncello ad libitum , Barenreiter, Kassel, 2005. ISBN 979-0-006-52998-8
  • (DE) Jens Dufner, prefazione a Ludwig van Beethoven, Sonaten fur Klavier und Violoncello, Berlin, Henle Urtext, 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN64270936 · ISNI (EN0000 0000 8144 0032 · SBN IT\ICCU\CFIV\150024 · LCCN (ENn86002055 · GND (DE100465692 · BNF (FRcb14785501h (data) · CERL cnp00131121