Jason Bonham

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jason Bonham
Jason Bonham 2009.jpg
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Genere Hard rock
Heavy metal
Periodo di attività 1984 – in attività
Strumento Batteria
Gruppo attuale Led Zeppelin

Black Country Communion

Gruppi precedenti Airrace
Virginia Wolf
Bonham
Jason Bonham Band
Album pubblicati 2 (Bonham band)

2 (Black Country Communion)

Studio 4
Live 0
Raccolte 0
Sito web

Jason John Bonham (Dudley, 15 luglio 1966) è un batterista britannico, figlio del leggendario batterista dei Led Zeppelin John Bonham.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Bonham nacque a Dudley nel Worcestershire. Incominciò a suonare la batteria a 4 anni, e appare con suo padre nel film The Song Remains the Same, con una piccola batteria. A 17 anni si unisce alla prima sua band, gli Airrace. Nel 1985 entra nei Virginia Wolf, dove registra due album e fa da turnista per il tour americano dei Firm. Nel 1987 Bonham si unisce all'ex chitarrista dei Led Zeppelin Jimmy Page per il suo album Outrider, a cui segue un tour. L'anno seguente, Bonham appare con gli altri membri dei Led Zeppelin in una "reunion" per il concerto dei 40 anni della 'Atlantic Records' a New York. John Paul Jones fu contento della performance di Bonham. Il batterista decise quindi di fondare un nuovo progetto nel 1988. L'ex cantante dei Virginia Wolf Chris Ousey venne originariamente scelto per fronteggiare la futura nuova band del batterista, ma le sessioni iniziali con Ousey non lo convinsero, così egli venne portato a contattare il cantante canadese Daniel McMaster. La formazione venne infine completata dal bassista/tastierista John Smithson e il chitarrista Ian Hatton. La band prenderà il titolo dall'ormai noto cognome del leader, i Bonham. Il primo album del gruppo, The Disregard of Timekeeping uscì nel 1989. Il singolo "Wait for You" tratto dall'album, fu un successo, ripetuto anche dal videoclip di "Guilty". Nel 1992 uscì il suo secondo album Mad Hatter, ma dopo gli scarsi consensi il progetto venne accantonato.

Nel maggio 1990 Bonham sposò Jan Charteris a Stone, Kidderminster. Nel suo matrimonio improvvisò una jam session con Jimmy Page, Robert Plant e John Paul Jones. Jason ha avuto due figli da Jan, uno si chiama Jagger, in onore di Mick Jagger, nato nel 1996. Bonham fu turnista anche per Paul Rodgers alla vincita del Grammy Award per il progetto Muddy Water Blues: A Tribute to Muddy Waters. Nel 1994 suonò con Slash e Paul Rodgers al Woodstock II. Bonham riformò la sua band con un nuovo cantante, Marti Frederiksen, al posto di Daniel McMaster che chiamò Motherland, e fece uscire l'album Peace 4 Me nel 1994. Inoltre ogni tanto suona nella tribute band dei Led Zeppelin, i Fred Zeppelin.

Nel 1995 Jason rappresentò il padre quando i Led Zeppelin furono messi nella Rock and Roll Hall of Fame. Bonham continuò i suoi progetti solisti culminati nel In the Name of My Father - The Zepset, con alcune canzoni dei Led Zeppelin. I proventi dell'album andarono a una associazione non profit. Dopo uscì il suo album When You See the Sun. Bonham fu batterista del gruppo Healing Sixes nel periodo dal 1999 al 2003 e appare nel film Rock Star diretto da Mark Wahlberg. Dopo fu turnista di Debbie Bonham, la sorella minore di suo padre, poi suonò nel gruppo hard rock degli UFO, registrando nel 2002 il disco You Are Here. Nel 2006, ha registrato un album con Joe Bonamassa. Inoltre è stato anche nei Foreigner.

Bonham con Ted Nugent, Evan Seinfeld (Biohazard), Sebastian Bach (Skid Row) e Scott Ian (Anthrax) fu parte del reality show, "SuperGroup" del canale televisivo VH1 nel maggio 2006. Poi ha formato i Damnocracy. Vive tra Las Vegas e l'Inghilterra.

Il 10 dicembre 2007, Jason ha partecipato (ovviamente in qualità di batterista, sostituendo il padre) alla storica riunione dei Led Zeppelin a Londra, presso la O2 Arena. Questo evento fu successivamente immortalato nel film concerto Celebration Day.

Equipaggiamento[modifica | modifica wikitesto]

La Ludwig ha realizzato per Jason un kit signature Yellow Vistalite a edizione limitata quasi del tutto simile a uno di quelli di suo padre (il kit "The Songs Remain the Same" in Amber Vistalite di John). Il suddetto set è stato utilizzato per l'ultima riunione dei Led Zeppelin.[1]

Jason Bonham Vistalite Set

  • Cassa 14" X 26"
  • Rullante 6.5" X 14"
  • Tom-tom 10" X 14"
  • Timpano 16" X 16"
  • Timpano 16" X 18"

A differenza di John (endorser di Paiste), Jason utilizza piatti Zildjian.[2] Più precisamente un misto di "A Custom" (hi-hat e crash) e "K Zildjian" (ride e "crash-ride", quest'ultimo progettato da Zak Starkey).

  • A Custom Mastersound Hi-hat 15"
  • A Custom Crash 20"
  • K Zildjian Crash-Ride 21"
  • K Zildjian Light Ride 24"

La Pro-Mark[3] produce, invece, le bacchette signature di Jason Bonham: le SD531. Sono realizzate in acero, hanno la punta di legno e il diametro di una 5B. Bonham applica inoltre uno stick rapp (di colore nero) sulle bacchette.

  • SD531 Jason Bonham wood tip
  • Stick Rapp (nero)

In più, monta pedali e hardware DW[4] e pelli Remo[5].

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Virginia Wolf[modifica | modifica wikitesto]

Bonham[modifica | modifica wikitesto]

The Jason Bonham Band[modifica | modifica wikitesto]

  • 1997 - In The Name of My Father: The ZepSet
  • 1997 - When You See the Sun

Black Country Communion[modifica | modifica wikitesto]

California Breed[modifica | modifica wikitesto]

Altri album[modifica | modifica wikitesto]

Tribute album[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN24798391 · LCCN: (ENn2002075017 · ISNI: (EN0000 0000 5516 6594 · GND: (DE134621174 · BNF: (FRcb140028890 (data)