Jaroslav Jevdokimov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jaroslav Jevdokimov
Ярослав Евдокимов в ЦКиОМ Северодвинска.jpg
NazionalitàRussia Russia
GenerePop
Sito ufficiale

Jaroslav Oleksandrovych Jevdokimov (Ярослав Олександрович Євдокимов; Rivne, 22 novembre 1946) è un cantante russo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Yaroslav Oleksandrovych Yevdokimov nacque il 22 novembre 1946 nella città di Rivne.[1].
A causa delle repressioni politiche, la madre diciannovenne, Anastasiya Kharytonivna Ocheretovych venne arrestata, condotta nel carcere di Rivne, dove partorisce Yaroslav, ora cantante di fama mondiale. Con l'aiuto della compagna di cella Zina moglie di un eroe di guerra, Anastasiya porta avanti con coraggio l'arduo compito di sfamare in figlio durante quei tempi terribili.[2] Stessa sorte è toccata al padre, Oleksand Hnatovych Yevdokimov, originario della regione di Perm, della provincia di Krasnovišersk.

Visse l'infanzia nel villaggio di Koryst,[3] nell'omonima provincia della regione di Rivne, un particolare territorio Ucraino chiamato Polesia. È stato educato dalla nonna Yaryna, dalla zia Hanna, e dal nonno Kharyton, fabbro altamente qualificato e cantore nel coro della chiesa.

Dopo aver terminato la scuola, nonostante il talento innato, tra il 1964 ed il 1965 ha studiato presso la scuola professionale di Korets.[4]

Tra il 1965 ed il 1968 presta il servizio militare nella Flotta del Nord, sulla penisola di Kola, nel villaggio di Vydyayevo nei pressi della città di Severomorsk.[5]

Dopo il servizio militare torna a Koryst per lavorare in una fabbrica di pneumatici nella città di Dnipropetrovsk, dove quasi per caso inizia a cantare in un ristorante. Si sposa a Dnipropetrovsk, con una ragazza bielorussa.[5]

Dal 1975 diventa voce solista e vocalista della filarmonica di Minsk. Il successo tra gli spettatori cresceva di concerto in concerto. Tuttavia Jaroslav comprese che il suo talento, rappresentava si, un buon viatico, ma come vocalista sentiva la necessità di migliorare, così si rivolse ad Volodymyr Buchel, insegnante di canto.[6] Tra il 1977 ed il 1980 prese lezioni, e contemporaneamente lavorò come solista del complesso di canto e danza del distretto militare Bielorusso.[7]

La notizia della presenza di un cantante di talento nella città di Dnipropetrovsk giunse fino a Mosca. Venne raccomandato da Olha Molchanova e invitato nelle trasmissioni televisive più popolari, come, Shyrshe kolo, in italiano, Ampliamo il cerchio!, e Zaspivaymo, druzi! , in italiano, Cantiamo, amici!. Nel 1979 Jaroslav diventa diplomando del concorso intepretanto il brano, Z pisneyu po zhytti, in italiano, Canzone per la vita.[5]

La voce dell’artista di gran talento e successo, rieccheggiò anche nei programmi radio di tutta l’Unione Sovietica. Terminata la la scuola di musica e il corso di vocale,[8] diventa il solista per la radio e la televisione pubblica.

Ha più volte cantato al Slovyanskyy bazar di Vitebsk, in Bielorussia, entrando a far parte anche della giuria del festival. Nel 1998 è ospite del festival Zolotyy Shlyager (in italiano: Successi d'oro).[9] Le sue tournée coprirono diversi paesi: Francia, Germania, Norvegia, Polonia, Cecoslovacchia, Islanda, Svizzera, Svezia.

Nel 1988 debutta nella discografia della Nazione con l'album Vse sbudetsya (in italiano: Tutto si avvererà) grazie alla produzione della casa discografica, Melodiya.[10]

Ha collaborato con diversi compositori famosi: E. Zarytskyy, L. Zakhlyevnyy, О. Morozov, B. Emelyanov, V. Окороков, V. Dobrynin, I. Mateta, H. Tatarchenko e con i poeti: H. Buravkin, N. Hilevych, V. Neklyayev, M. Yasen, R. Rozhdestvenskyy, L. Rubalska, A. Poperechnyy, V. Vyetrova, Yu. Rybchynskyy, А. Demydenko.

Dal 2009 Jaroslav Jevdokimov è cittadino della Federazione Russa.[11]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 17 aprile 1980 – Con la Disposizione del Presidio del Consiglio Supremo della R.S.S. Bielorussa gli è stato attribuito il titolo onorifico di "Artista emerito della R.S.S. Bielorussa"
  • Il 13 luglio 1987 - Con la Disposizione del Presidio del Consiglio Supremo della R.S.S. Bielorussa gli è stato attribuito il titolo onorifico di "Artista del popolo della R.S.S. Bielorussa"
  • Il 15 febbraio 2006 - Con la Disposizione del Presidente della Federazione Russa gli è stato attribuito il titolo onorifico di "Artista emerito della Federazione Russa"[12]

Yaroslav Yevdokimov si è distinto in un progetto in internet "Nova Ukrayina".[13]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1988 – Vse sbudetsya (Tutto si avvererà)
  • 1994 – Ne rvi rubakhu (Non strappare la camicia) – canzoni di V. Okorokov (CD)
  • 2002 – Fantaser (Sognatore) – canzoni di О. Morozov (CD)
  • 2002 – Tseluyu tvoyu ladon (Bacio il tuo palmo) (CD)
  • 2006 – Za beloyu rekoy (Dietro il fiume bianco) (CD)
  • 2008 – Yaroslav Yevdokimov e il duo bulgaro, "Sladka yahod"», in italiano "Dolce gioa". Le migliori canzoni ucraine e cosacche (CD)
  • 2012 - Ritorno all'autunno (CD)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Артист Ярослав Евдокимов рассказал «ОГ» о своих корнях
  2. ^ [1] Archiviato il 17 luglio 2014 in Internet Archive. На Рівненщині посвідку на постійне проживання отримала мати Ярослава Євдокимова, Народного артиста Білорусі
  3. ^ Copia archiviata, su istvolyn.info. URL consultato il 12 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2017). Історична Волинь
  4. ^ [2] Наші випускники
  5. ^ a b c Copia archiviata, su yaevdokimov.com. URL consultato l'11 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2015)..html
  6. ^ Артист Ярослав Евдокимов рассказал «ОГ» о своих корнях Областная газета, 12 ноября 2013
  7. ^ История | Военный информационный портал Министерства обороны Республики Беларусь
  8. ^ Учреждение Образования «Минское Государственное Музыкальное Училище Им. М. И. Глинки»
  9. ^ [3] Міжнародний музичний фестиваль "Золотий шлягер у Могильові" (Могильов, Білорусь)
  10. ^ Белорусский портал TUT.BY Archiviato l'11 febbraio 2015 in Internet Archive.
  11. ^ Сайт Ярослава Евдокимова - Биография Archiviato il 3 maggio 2016 in Internet Archive.
  12. ^ Copia archiviata, su bestpravo.ru. URL consultato il 16 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2015). Указ Президента РФ від 15.02.2006 N 120
  13. ^ [4][collegamento interrotto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Encykłapiedyja biełaruskaj papularnaj muzyki. Mińsk: Zmicier Kołas, 2008, s. 368. ISBN 978-985-6783-42-8. (biał.)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]