Jared Harris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Jared Francis Harris (Londra, 24 agosto 1961) è un attore britannico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È uno dei tre figli dell'attore irlandese Richard Harris e della sua prima moglie Elizabeth Rees-Williams; i genitori divorziarono quando aveva 8 anni. I suoi fratelli sono Jamie e Damian Harris; è inoltre cugino dell'attrice Annabelle Wallis. Ha studiato alla Duke University. Il 16 luglio 2005 ha sposato Emilia Fox, per poi divorziare nel mese di giugno 2010. Nel 2013 ha sposato l'attrice Allegra Riggio, con cui era fidanzato da quattro anni.

Harris è famoso per essere stato David Robert Jones in Fringe, per aver interpretato Lane Pryce in Mad Men e per aver prestato il volto al Professor Moriarty in Sherlock Holmes - Gioco di ombre e a Valerij Legasov nella serie TV Chernobyl. Grazie a quest'ultimo ruolo riceve una nomination agli Emmy Awards come miglior attore protagonista in una miniserie.[1]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Jared Harris è stato doppiato da:

Da doppiatore è sostituito da:

Premi e candidature[modifica | modifica wikitesto]

1998 Sitges - Festival internazionale del cinema fantastico della Catalogna (New American Cinema Award):

2000 Seattle International Film Festival (New American Cinema Award):

2009 Screen Actors Guild Awards:

2010 Screen Actors Guild Awards:

  • Vinto miglior cast in una serie drammatica per Mad Men (2007);

2011 Screen Actors Guild Awards:

  • Nomination miglior cast in una serie drammatica per Mad Men (2007);

2019 Emmy Awards:

  • Nomination miglior attore protagonista in una miniserie o film per la televisione per Chernobyl (2019)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Filippo Magnifico, Emmy 2019 – Le nomination della 71ma edizione, su ScreenWEEK.it Blog, 16 luglio 2019. URL consultato il 16 luglio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN56820060 · ISNI (EN0000 0001 2018 1046 · LCCN (ENnr98036142 · GND (DE1012585247 · BNF (FRcb141855364 (data) · WorldCat Identities (ENnr98-036142