Janusz Zaorski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Janusz Zaorski

Janusz Zaorski (Varsavia, 19 settembre 1947) è un regista cinematografico, sceneggiatore e attore polacco. È considerato vicino al movimento polacco "kino moralnego niepokoju", o "cinema dell'inquietudine morale", insieme con altri autori come Andrzej Wajda, Krzysztof Zanussi, Krzysztof Kieślowski e Agnieszka Holland [1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1969 si diploma alla Scuola nazionale di cinema, televisione e teatro Leon Schiller di Łódź e nel 1970 debutta nel lungometraggio con il film Uciec jak najbliżej.

Nel 1977 vince il Pardo d'argento per la miglior regia al Locarno Festival con il film Pokój z widokiem na morze [2].

Nel 1986 il suo film Jezioro bodenskie vince il Pardo d'oro [3].

Nel 1988 vince l'Orso d'argento per il miglior contributo singolo al Festival di Berlino per il suo film Matka Królów [4].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

  • Maestro - cortometraggio (1967)
  • Spowiedź - cortometraggio (1968)
  • Na dobranoc - cortometraggio (1970)
  • Uciec jak najbliżej (1971)
  • Awans (1974)
  • Pokój z widokiem na morze (1977)
  • Dziecinne pytania (1981)
  • Baryton (1984)
  • Jezioro Bodeńskie (1985)
  • Zabawa w chowanego (1985)
  • Matka Królów (1987)
  • Piłkarski poker (1988)
  • Panny i wdowy (1991)
  • Szczęśliwego Nowego Jorku (1997)
  • Haker (2002)
  • Lekarz drzew (2005)
  • Syberiada polska (2013)
  • Pokolenia (2016)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Marek Haltof, Polish National Cinema, Berghahn Books, 2002, ISBN 9781571812759. URL consultato il 15 settembre 2018.
  2. ^ (EN) GoldenSubmarine.com, History of Polish Cinema - Directors - Polish Film Academy, su akademiapolskiegofilmu.pl. URL consultato il 15 settembre 2018.
  3. ^ (EN) Jezioro Bodeńskie, su archive.pardo.ch. URL consultato il 15 settembre 2018.
  4. ^ Prizes & Honours 1988, su www.berlinale.de. URL consultato il 15 settembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN161186757 · ISNI (EN0000 0001 1457 5196 · LCCN (ENno2009086808 · GND (DE1067213759 · BNF (FRcb161246962 (data)