Jana Černá

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Jana Krejcarová (poi, da sposata, Jana Černá), conosciuta anche col diminutivo Honza (Praga, 14 agosto 1928Praga, 5 gennaio 1981) è stata una scrittrice ceca.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia della scrittrice e giornalista Milena Jesenská e dell'architetto Jaromír Krejcar. La madre fu deportata nel campo di concentramento di Ravensbrück dove morì nel 1944 quando Jana aveva 16 anni. Nel dopoguerra frequentò il poeta e filosofo Zbyňek Fišer, conosciuto poi con lo pseudonimo Egon Bondy, e lo scrittore Bohumil Hrabal e con essi l'underground praghese. Dopo una vita intensa, che la vide in carcere per aver trascurato i propri doveri di madre, morì a 53 anni in seguito a un incidente automobilistico.

La produzione letteraria[modifica | modifica wikitesto]

La smilza raccolta di poesie e prose scritte negli anni Quaranta-Cinquanta, intitolata In culo oggi no, fu pubblicata a Praga, dall'editore Concordia, solo nel 1990 col titolo Clarissa a jiné texty (Clarissa e altri testi).

Opere edite in italiano[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN59105176 · ISNI (EN0000 0001 0905 3828 · SBN CFIV057509 · LCCN (ENn90655115 · BNF (FRcb12065995w (data) · J9U (ENHE987007279641605171 · WorldCat Identities (ENlccn-n90655115