Jan Hendrik Leopold

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
J.H. Leopold
Cheops

Jan Hendrik Leopold ('s-Hertogenbosch, 1865Rotterdam, 1925) è stato un poeta olandese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver vissuto a Arnhem si spostò a Rotterdam all'inizio del 1892, dove divenne un insegnante si lingue classiche al Gymnasium Erasmianum.

Poeta simbolista, fu anche traduttore sia di classici greci sia di opere persiane, soprattutto di ʿUmar Khayyām, di cui tradusse parzialmente il Rubʿayyāt[1].

Le sue opere d'esordio furono pubblicate dalla rivista La nuova guida, voce del movimento innovatore dell'Ottanta, ed evidenziarono influenze impressioniste e di Paul Verlaine, soprattutto nel ritmo e nell'uso dell'enjambement.[2]

Tutti i suoi lavori testimoniarono il contrasto tra il desiderio della donna amata e la consapevolezza dei limiti del proprio egoismo, e cercò, in un primo tempo, nello stoicismo i principi fondamentali per accettare l'esistenza, e successivamente si avvicinò al pessimismo lucido del poeta persiano ʿUmar Khayyām.[2]

Durante la sua vita insegnò lingue classiche, e la scuola lo commemora con un monumento in bronzo e pietra incluso il suo ritratto e uno dei suoi poemi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Una sua biografia nel sito dedicato a Omar Khayyam Archiviato il 2 aprile 2015 in Internet Archive.
  2. ^ a b le muse, VI, Novara, De Agostini, 1964, p. 441.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN29576155 · ISNI (EN0000 0001 2125 944X · LCCN (ENn79043532 · BNF (FRcb12174975d (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie