Jan G. Waldenström

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Jan Gösta Waldenström (Stoccolma, 17 aprile 1906Malmö, 1 dicembre 1996) è stato un medico svedese che per primo descrisse la patologia che porta il suo nome, la macroglobulinemia di Waldenström.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Discendeva da una famiglia di medici: suo padre, Johann Henning Waldenström (1877-1972) era stato professore di chirurgia ortopedica a Stoccolma e suo nonno, Johan Anton Waldenström (1839-1879), professore di medicina interna ad Uppsala.

Waldenström ottenne un M.D. all'Università di Uppsala e studiò chimica organica con Hans Fischer all'Università tecnica di Monaco. Divenne professore di medicina teoretica all'Università di Uppsala nel 1941, e professore di medicina pratica all'Università di Lund nel 1944. Fu a capo del Dipartimento di medicina al Malmö General Hospital fino al pensionamento nel 1972.

Fu il primo a descrivere, nel 1944, la patologia che in seguito prese il suo nome, macroglobulinemia di Waldenström, una "sindrome di iperviscosità ematica" in cui i sintomi sono causati dai linfociti anomali che impediscono la normale funzione del midollo osseo, causando anemia e epatosplenomegalia, e che secernono grandi immunoglobuline, causando difficoltà di sanguinamento.

Tra le altre patologie studiate da Waldenström vi sono le porfirie, la porpora ipergammaglobunemica benigna di Waldenstrom, l'epatite cronica attiva, l'emosiderosi polmonare, l'ipogammaglobulinemia di Bruton, i fenomeni paraneoplastici e la sindrome carcinoide. Formulò il concetto di classificazione delle gammopatie come "gammopatie monoclonali" contro "gammopatie policlonali" nel 1961.

Fu membro della National Academy of Science degli Stati Uniti d'America, dell'Accademia delle scienze francese e membro onorario della Royal Society of Medicine di Londra.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • J. Waldenström: Studien über Porphyrie, Dissertation. Acta Medica Scandinavica, Stockholm, 1937; supplement 82: 1-254.
  • J. Waldenström: "The porphyrias as inborn errors of metabolism", The American Journal of Medicine, 1957, 22: 758-773.
  • Jan G. Waldenström, Reflections and Recollections from a Long Life with Medicine, Rome, Ferrata Storti Foundation Publication, 1994. ISBN 88-7002-654-X.
  • Waldenström J, Ljungberg E: Studies on the functional circulatory influence from metastasizing carcinoid (argentaffine, enterochromaffine) tumours and their possible relationship to enteramine production. Acta Med Scand 152:293, 1955

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Robert A. Kyle and Kenneth C. Anderon, "A Tribute to Jan Gosta Waldenström", Blood, Vol. 89 No. 12 (June 15), 1997: pp. 4245-4247. [1]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN92823336 · ISNI (EN0000 0000 7854 3946 · GND (DE102162778 · NLA (EN35586924