James Lee Dozier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
James Lee Dozier
James Lee Dozier.jpg
James Lee Dozier negli anni ottanta
NascitaArcadia (Florida), 10 aprile 1931
Dati militari
Paese servitoStati Uniti Stati Uniti
Forza armataFlag of the United States Army.svg United States Army
Anni di servizio1950 - 1985
GradoMaggior generale
GuerreGuerra del Vietnam
Comandante diVice-capo di stato maggiore del Comando delle forze terrestri alleate del Sud Europa
DecorazioniSilver Star
voci di militari presenti su Wikipedia

James Lee Dozier (Arcadia, 10 aprile 1931) è un generale statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dozier nacque ad Arcadia, in Florida.[1]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Ottenne il baccalaureato in ingegneria presso l'Accademia Militare degli USA. Successivamente egli ottenne il diploma di Master of Science in ingegneria aerospaziale presso l'Università dell'Arizona. Frequentò quindi l'Army Command and General Staff College e l'Army War College.[2] Frequentò lꞌAccademia Militare degli Stati Uniti a West Point (New York) nel 1956, ove ebbe come compagno di classe il futuro generale Norman Schwarzkopf.[3] Passò poi alla Armor School a Fort Knox, nel Kentucky, per l'addestramento di base e avanzato di guerra.

James Lee Dozier con il presidente della Repubblica Italiana Sandro Pertini nel 1982, al termine del suo sequestro a opera delle Brigate Rosse. Nell'immagine anche la figlia e la moglie di Dozier.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Prestò servizio nella guerra del Vietnam con lꞌ11º Reggimento di Cavalleria negli anni 1968 e 1969 [1] dove gli venne conferita la medaglia Silver Star[4] e successivamente prestò servizio presso il Pentagono e nella Germania Ovest.

Raggiunto il grado di generale di divisione, ebbe l'incarico di sottocapo di stato maggiore logistico presso il quartier generale delle forze terrestri della NATO nell'Europa meridionale (FTASE) a Verona.

Rapimento[modifica | modifica wikitesto]

Fu rapito dalle Brigate Rosse a Verona il 17 dicembre 1981 mentre era sottocapo di stato maggiore addetto alla logistica del Comando delle Forze terrestri della NATO nell'Europa meridionale. Il sequestro avvenne nel suo appartamento, intorno alle 18, a opera di un commando di quattro uomini e una donna: Antonio Savasta, Pietro Vanzi, Ugo Milani, Cesare Di Lenardo e Barbara Balzerani, che entrarono in casa travestiti da idraulici, Giovanni Ciucci che rimase in strada alla guida dell'automezzo su cui venne caricato il generale. La moglie di Dozier venne solo immobilizzata e così venne trovata.

Durante la prigionia Dozier riuscì a togliersi temporaneamente le cuffie che avevano posto sulle sue orecchie mentre l'addetto alla sua sorveglianza non guardava, consentendogli di identificare i movimenti mattino e sera. Egli registrò i giorni sul suo diario fino un totale di 40. Infatti fu in grado di tenere un diario giocando un solitario e scrivendo falsi punteggi su un pezzo di carta fornitogli dai suoi sorveglianti. Questi punteggi erano in un codice alfanumerico da lui ideato, basato sulle sette pile di carte da gioco e il numero di carte di ogni pila.

Le Brigate Rosse tennero prigioniero Dozier per 42 giorni, fino al 28 gennaio 1982.

Judy Dozier, moglie del generale, non fu rapita ma tenuta brevemente sotto la mira di un'arma da fuoco per obbligare Dozier a obbedire e i terroristi la lasciarono incatenata nella lavanderia dellꞌappartamento.[5] Judy Dozier fu liberata dopo che aveva fatto rumore battendo con spalle e ginocchia contro la lavatrice e richiamando così l'attenzione dei vicini di casa.[6]

A seguito anche di una trattativa infruttuosa con agenti del KDS bulgaro, sempre interessati a possibili segreti militari dell'allora blocco occidentale[7], fu liberato a Padova il 28 gennaio 1982, al culmine delle indagini guidate da Umberto Improta, con un'incursione del NOCS, reparto speciale della Polizia di Stato, nell'appartamento di via Pindemonte; fu lo stesso presidente statunitense Ronald Reagan a congratularsi via telefono per la sua liberazione. Il sequestro Dozier è considerato l'episodio che segna l'inizio del declino delle Brigate Rosse in Italia dopo gli eventi degli anni di piombo.

[modifica | modifica wikitesto]

Dozier fu poi promosso maggior generale e infine si ritirò dal servizio militare attivo.

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1993[8] Carlo Lizzani girò per Rai 1 un film per la televisione ispirato alle vicende del rapimento, intitolato Il caso Dozier,[9] con l'attore Lloyd Bochner nel ruolo dell'ufficiale statunitense.[9]

Il rapimento del generale viene citato nel film L'uomo che fissa le capre di Grant Heslov del 2009.

Nel 2022, la vicenda viene ripercorsa nella docu-serie di Sky Italia intitolata Il Sequestro Dozier – Un’operazione perfetta.[10]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze statunitensi[modifica | modifica wikitesto]

Parachutist Badge - nastrino per uniforme ordinaria Parachutist Badge
Ranger Tab - nastrino per uniforme ordinaria Ranger Tab
Army Distinguished Service Medal - nastrino per uniforme ordinaria Army Distinguished Service Medal
Silver Star - nastrino per uniforme ordinaria Silver Star
Defense Superior Service Medal - nastrino per uniforme ordinaria Defense Superior Service Medal
Legionario della Legion of Merit - nastrino per uniforme ordinaria Legionario della Legion of Merit
Bronze Star Medal con due fronde di quercia e distintivo "V" - nastrino per uniforme ordinaria Bronze Star Medal con due fronde di quercia e distintivo "V"
Purple Heart - nastrino per uniforme ordinaria Purple Heart
Meritorious Service Medal con fronde di quercia - nastrino per uniforme ordinaria Meritorious Service Medal con fronde di quercia
Air Medal con fronde di quercia - nastrino per uniforme ordinaria Air Medal con fronde di quercia
Army Commendation Medal con fronde di quercia - nastrino per uniforme ordinaria Army Commendation Medal con fronde di quercia
Army Good Conduct Medal - nastrino per uniforme ordinaria Army Good Conduct Medal
National Defense Service Medal con stella di servizio - nastrino per uniforme ordinaria National Defense Service Medal con stella di servizio
Vietnam Service Medal con quattro stelle di servizio - nastrino per uniforme ordinaria Vietnam Service Medal con quattro stelle di servizio

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia della Campagna del Vietnam (Vietnam del Sud) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia della Campagna del Vietnam (Vietnam del Sud)
Vietnam Gallantry Cross Unit Citation (Vietnam del Sud) - nastrino per uniforme ordinaria Vietnam Gallantry Cross Unit Citation (Vietnam del Sud)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Man in the News; A Battle-hardened General, in New York Times, 29 gennaio 1982. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  2. ^ (EN) Man in the News; A Battle-hardened General, in New York Times, 29 gennaio 1982. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  3. ^ (EN) Retired Gen. Norman Schwarzkopf dies, in NBC2, 27 dicembre 2012. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  4. ^ (EN) James L. Dozier, in MilitaryTimes. URL consultato il 28 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 28 gennaio 2015).
  5. ^ [1]
  6. ^ (EN) James L. Dozier, Finding My Pole Star, Front Edge Publishing, 2021, p. 98, ISBN 978-1-64180-112-6.
  7. ^ archivio900.it, http://www.archivio900.it/it/documenti/doc.aspx?id=156.
  8. ^ l'Unità 2, 23 settembre 1994, p. 6.
  9. ^ a b Il caso Dozier, su imdb.com.
  10. ^ La storia del professor De Tormentis e della squadra dell’Ave Maria, su ilpost.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN58230704 · LCCN (ENn89670130 · J9U (ENHE987011375606805171 · WorldCat Identities (ENlccn-n89670130