James Hamilton, I duca di Hamilton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Coronet of a British Duke.svg
James Hamilton, I duca di Hamilton
1st Duke of Hamilton by Daniel Mytens.jpg
James Hamilton in un ritratto di Daniel Mytens.
Duca di Hamilton
Stemma
In carica 1643 –
1649
Predecessore Titolo inesistente
Successore William Hamilton, II duca di Hamilton
Marchese di Hamilton
In carica 1625 –
1643
Predecessore James Hamilton, II marchese di Hamilton
Successore Titolo elevato a ducato
Altri titoli marchese di Hamilton
conte di Cambridge
Nascita Hamilton Palace, Lanarkshire, 19 giugno 1606
Morte Palazzo di Westminster, Londra, 9 marzo 1649
Dinastia Hamilton
Padre James Hamilton, II marchese di Hamilton
Madre Ann Cunningham
Consorte Lady Margaret Feilding

James Hamilton, I duca di Hamilton (Hamilton, 19 giugno 1606Londra, 9 marzo 1649), è stato un generale scozzese durante la rivoluzione inglese.

Fu uno dei capi militari e politici di maggiore influenza durante la Guerra dei Trent'anni e la Guerre dei tre regni.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Nacque nel 1606 da James Hamilton, II marchese di Hamilton e da Lady Ann Cunningham nella residenza di Hamilton Palace, nella regione scozzese del Lanarkshire. Tra i suoi antenati, James poteva vantare la principessa Mary, figlia di Giacomo II di Scozia e di Maria di Gheldria. Dopo la morte nel 1612 di Enrico Federico, principe di Galles, James Hamilton divenne il terzo in linea di successione al trono di Scozia, dopo Carlo, duca di Rothesay e sua sorella Elisabetta. In seguito alla morte del prozio James Hamilton, III conte di Arran, nel 1609, insano di mente, venne designato conte di Arran.

Studiò al Exeter College di Oxford dove si diplomò il 14 dicembre 1621.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Il giovane conte aveva un carattere particolare ed in più occasioni si era mostrato con atteggiamenti di sfida con George Villiers, I duca di Buckingham. Fu lo stesso Buckingham, quindi, a proporre al conte di Arran di sposare la nipote Mary, figlia di William Feilding, I conte di Denbigh. Hamilton, nonostante i suoi dubbi in materia, accettò la sua proposta. Il 16 giugno 1622 il quindicenne conte di Arran sposò Margaret Feilding, che era più vecchia di lui di nove anni, alla presenza del re.

La coppia ebbe sei figli, ma solo una figlia raggiunse l'età adulta:

  • Henrietta Maria (1631-1632);
  • Anne (1632-1716), in seguito duchessa di Hamilton;
  • Susannah (1633-1694), sposò John Kennedy, VII conte di Cassilis, ebbero due figli;
  • Charles, conte di Arran (1634-1640);
  • James (1635-1639);
  • William (1636-1638);

Dopo la morte dei suoi tre figli, il ducato passò al fratello William Hamilton, conte di Lanark. Alla morte di quest'ultimo alla battaglia di Worcester, nel 1651, i titoli scozzesi andarono alla figlia maggiore del duca, Anne, che sposò William Douglas, conte di Selkirk.

Marchese di Hamilton[modifica | modifica wikitesto]

Ritratto del giovane James Hamilton ad opera di Daniël Mijtens nel 1623 (all'età di 17 anni)

Nel 1623 venne nominato Gentiluomo di Camera del Principe di Galles, e l'anno successivo è venne nominato Lord High Steward della Casa Reale.

Nel 1625 il secondo marchese di Hamilton morì a Whitehall. La sua morte fu attribuita alla febbre, anche se la velocità della sua morte e la sua giovane età (36 anni appena), fece nascere molti sospetti. Re Giacomo morì tre settimane dopo. Il giovane nuovo marchese ereditò tutti i titoli dal padre, e anche la stessa rendita che suo padre riceveva dal tribunale pari a £ 2500 sterline. All'incoronazione di re Carlo I, Hamilton ebbe il diritto di portare la Spada di Stato nella processione dell'Abbazia di Westminster.

Nel 1628, venne nominato Gentiluomo di Camera del re, cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera, consigliere privato in Inghilterra ed in Scozia ed ottenne l'incarico di Master of the Horse, incarico che ricoprì sino al 1644.[1] Rappresentò il re di Boemia al battesimo del giovane principe Carlo.[2]

L'armata di Hamilton in Germania[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1631, Hamilton creò un proprio esercito personale per assistere re Gustavo Adolfo di Svezia nella Guerra dei Trent'anni in Germania.[3] Con le sue forze riuscì a creare una forza di 6000 uomini inglesi e 6000 scozzesi con cui, malgrado le diatribe storiche ancora oggi in corso, giunse in Germania assieme ad altri reggimenti come quelli di sir Frederick Hamilton e di lord Alexander Forbes, poste sotto il comando del generale svedese Åke Tott.[4]

Pur non avendo ricevuto un'adeguata formazione militare, il marchese di Hamilton ottenne di essere assegnato al maggiore generale Alexander Leslie come suo mentore dopo che altri ufficiali erano rimasti feriti nei primi scontri. La struttura del comando di questo esercito voluto da lord Hamilton era composta in gran parte da scozzesi. Il generale Alexander Leslie ed Alexander Hamilton (generale di artiglieria) vennero supportati dal tenente generale Archibald Douglas.[5]

Malgrado la mancanza di una formazione adeguata, le forze di Hamilton apportarono un grande servizio alla causa svedese nella guerra. Mal vestiti e male equipaggiati, persero molti uomini a causa dei disagi e delle malattie incontrate, ma quelli che sopravvissero condussero con onore il resto della guerra ponendosi di guardia al fiume Oder mentre Gustavo Adolfo era impegnato a combattere il generale Tilly nella Battaglia di Breitenfeld. Successivamente l'esercito di Hamilton si ricollegò a quello del feldmaresciallo svedese Johan Banér, e queste forze combinate che attaccarono Magdeburgo. Banér era intenzionato a ritirare le proprie truppe dall'assedio della città per l'approssimarsi dell'inverno e per i scarsi risultati ottenuti sino a quel momento, ma Hamilton propose invece di resistere con un'accorata lettera al generale Banér:

« [...] il Vostro proposito di ritirare le mie truppe, con rispetto, mi sembra pregiudiziale, sia nei confronti di me come comandante di Sua Maestà (io che ho fatto del mio meglio nell'attacco di Magdeburgo) ed anche nei confronti della mia reputazione dal momento che con ciò posso addirittura perdere la mia vita in quest'azione, e credetemi, non vi è un solo uomo (se Sua Maestà non comando il contrario) a non essere pienamente risoluto nel farlo come me ed i miei ufficiali [...] per porci al servizio di Sua Maestà[6] »

I due eserciti successivamente si divisero anche se molti degli uomini del marchese continuarono a combattere nella Guerra dei Trent'anni. Successivamente, coinvolto in una seria disputa col re di Svezia, fu il marchese stesso a licenziarsi dai suoi incarichi il 22 ottobre 1632 ed a fare ritorno in Inghilterra.[7] Molti ufficiali dell'esercito di Hamilton rimasero in servizio alla Svezia, tra cui i generali Alexander Hamilton e Alexander Leslie, ma anche molti ufficiali minori e soldati comuni sopravvissuti.

Hamilton e la Scozia[modifica | modifica wikitesto]

Al suo ritorno in Gran Bretagna, Hamilton divenne capo consigliere di Carlo I per gli affari scozzesi. Nel maggio del 1638, dopo lo scoppio di una rivolta contro il nuovo Prayer-Book introdotto nel regno, venne nominato nella commissione scozzese che si occupava di gestire questo malcontento. Descrisse in quest'occasione i Covenanters come "posseduti dal demonio",[8] ed anziché fare tutto il possibile per sostenere la causa del re, si lasciò invece intimorire dai capi dei covenanters. Il 27 luglio 1638, ad ogni modo, Carlo I inviò Hamilton nuovamente in Scozia con nuove proposte per l'elezione di un'assemblea e di un parlamento. Dopo alcuni scontri sulle modalità di elezione, tornò nuovamente dal re dal quale, il 17 settembre di quello stesso anno, venne inviato nuovamente ad Edimburgo, portando con sé una revoca del prayer-book. Il 21 novembre 1638 Hamilton presiedette il primo incontro dell'assemblea nella cattedrale di Glasgow, ma questa stessa venne sciolta ufficialmente appena sette giorni dopo quando lo stesso Hamilton ribadì come i vescovi locali avessero la responsabilità di tale assemblea. Nonostante questo, i membri dell'assemblea continuarono a rimanere in seduta noncuranti delle disposizioni governative ed Hamilton dovette far ritorno in Inghilterra per dar conto del fallimento della sua missione.[9]

La guerra non era ancora stata decisa, ma Hamilton venne scelto per essere posto al comando di una spedizione lungo il fiume Forth per minacciare i Covenanters. Ad ogni modo, questa volta Hamilton si trovò di fronte il suo mentore militare Alexander Leslie, e lo specialista d'artiglieria Alexander Hamilton. Realizzando la forza dei suoi oppositori quando giunse a Forth il 1 maggio 1639 capì quanto i Realisti avessero sottostimato quanti gli si opponevano. Tra l'armata lui contrapposta riconobbe anche sua madre, la marchesa Anne Hamilton, la quale era in servizio come colonnello dell'esercito dei Covenanters e che aveva minacciato pubblicamente di sparare anche a suo figlio se fosse stato necessario per impedirgli di entrare in Scozia.[10] Il piano si dimostrò impossibile da attuare e nel giugno di quello stesso anno Hamilton venne richiamato a corte. L'8 luglio 1639, dopo un ricevimento ostile ad Edimburgo, diede le proprie dimissioni da commissario. Supportò la proposta di Thomas Wentworth, conte di Strafford di convocare il Breve Parlamento, pur opponendosi strenuamente alle sue decisioni; aiutò Henry Vane il Vecchio con il Lungo Parlamento.[11]

Hamilton supportò quindi ora il partito parlamentare, desideroso solo dell'unione della sua nazione, e persuase Carlo nel febbraio del 1641 ad ascoltare questa voce. Alla morte del conte di Strafford (12 maggio 1641) Hamilton dovette confrontarsi con un nuovo antagonista, James Graham, V conte di Montrose, il quale detestava il marchese sia per carattere che per la politica, oltre a ripudirne la supremazia in Scozia.[12]

Il 10 agosto 1641 Hamilton accompagnò Carlo nella sua ultima visita in Scozia. La sua speranza era quella di riuscire a far siglare un'alleanza tra il re ed Archibald Campbell, VIII conte di Argyll, accettando formalmente il presbiterianesimo e ricevendo quindi l'aiuto degli scozzesi contro le forze del parlamento inglese, ma quando anche questo fallì egli decise di abbandonare definitivamente la causa regia e si schierò col conte di Argyll. Montrose scrisse a Carlo I di avere le prove che Hamilton era stato un traditore. Il re stesso lo definì "molto attivo nel cercare di salvare sé stesso".[13]

Poco dopo il complotto noto come "The Incident" scoppiò tra Argyll, Hamilton ed il fratello di quest'ultimo, William Hamilton, conte di Lanark, il 12 ottobre 1641 e questi vennero costretti ad abbandonare Edimburgo. Hamilton vi tornò poco dopo, sperando comunque di riuscire a mantenere il favore di Carlo I. Ritornò con lui a Londra e lo accompagnò il 5 gennaio 1642 quando entrò in città dopo il fallimento in Scozia.[14] Nel luglio di quello stesso anno ancora una volta Hamilton si portò in Scozia per cercare di scongiurare l'intervento degli scozzesi nell'imminente scoppio della Guerra civile inglese, ma senza successo.[15]

Duca di Hamilton, la sconfitta e la condanna a morte[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 aprile 1643, il marchese di Hamilton ottenne ulteriori titoli di nobiltà come duca di Hamilton, marchese di Clydesdale, conte di Cambridge, le naronie di Aven e Innerdale, oltre ad essere stato investito nuovamente della contea di Arran. La cerimonia si svolse a Oxford, per diretta mano di re Carlo I.

Già in precedenza, nel febbraio del 1643, la proposta di mediazione tra Carlo ed il parlamento era venuta dalla Scozia, ed Hamilton si era impegnato perché questa delicata fase fosse da lui diretta, ma ancora una volta essa fallì e portò diversi voti allo schieramento del conte di Argyll. Dopo questo fallimento e l'arrivo di Hamilton ad Oxford il 16 dicembre 1643, la sua condotta gli aveva procurato non poco risentimento nei confronti del sovrano ed egli stesso venne imprigionato presso un panettiere locale chiamato Daniells con due servi a guardia della porta della casa. Nel gennaio del 1644, ancora come prigioniero, venne trasferito al Castello di Pendennis e nel 1645 a quello di St Michael's Mount, dove venne liberato dalle truppe di Lord Fairfax il 23 aprile 1646.

Perdonato, in quello stesso 1646 Carlo gli conferì l'incarico di Keeper of Holyroodhouse.[16] Fu successivamente ancora impegnato in futili negoziati tra scozzesi e Carlo I a Newcastle.

Nel 1648, in conseguenza del sequestro di Carlo dall'esercito nel 1647, Hamilton ha ottenuto una temporanea influenza e l'autorità del parlamento scozzese su Argyll, e ha portato una grande forza in Inghilterra a sostegno del re in data 8 luglio 1648.

Si distinse per la fedeltà al re e comandò valorosamente le truppe reali nella Battaglia di Preston, dove egli stesso fu fatto prigioniero il 25 agosto.

Fu processato il 6 febbraio 1649, condannato a morte il 6 marzo per decapitazione, sentenza eseguita in data 9 marzo di quello stesso anno.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Burnet, p.136
  2. ^ Burnet, p 136
  3. ^ Anon. Anon., Le Soldat Suedois, Pierre Albert, 1633.
  4. ^ Grosjean, An Unofficial Alliance, pp.88-93; Murdoch and Grosjean, p.54
  5. ^ Murdoch and Grosjean, p.54.
  6. ^ Historical Manuscripts Commission, 11th Report, Part IV, p. 75. Marquis Hamilton to Johan Banér, n.d. 1631.
  7. ^ Murdoch and Grosjean, pp.61-62.
  8. ^ Yorke, Philip Chesney (1911). "Hamilton, James Hamilton". In Chisholm, Hugh. Encyclopædia Britannica. 12 (11th ed.). Cambridge University Press. p. 886
  9. ^ Yorke, Philip Chesney (1911). "Hamilton, James Hamilton". In Chisholm, Hugh. Encyclopædia Britannica. 12 (11th ed.). Cambridge University Press. p. 886
  10. ^ Edward Furgol, A Regimental History of the Covenanting Armies, 1639-1651 (John Donald, Edinburgh, 1990), p.26
  11. ^ Yorke, Philip Chesney (1911). "Hamilton, James Hamilton". In Chisholm, Hugh. Encyclopædia Britannica. 12 (11th ed.). Cambridge University Press. p. 886
  12. ^ Yorke, Philip Chesney (1911). "Hamilton, James Hamilton". In Chisholm, Hugh. Encyclopædia Britannica. 12 (11th ed.). Cambridge University Press. p. 886
  13. ^ Yorke, Philip Chesney (1911). "Hamilton, James Hamilton". In Chisholm, Hugh. Encyclopædia Britannica. 12 (11th ed.). Cambridge University Press. p. 886
  14. ^ Yorke, Philip Chesney (1911). "Hamilton, James Hamilton". In Chisholm, Hugh. Encyclopædia Britannica. 12 (11th ed.). Cambridge University Press. p. 886
  15. ^ Yorke, Philip Chesney (1911). "Hamilton, James Hamilton". In Chisholm, Hugh. Encyclopædia Britannica. 12 (11th ed.). Cambridge University Press. p. 886
  16. ^ Bain, p. 140

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sir James Balfour Paul, The Scots Peerage IX Vols, IV, Edinburgh, 1907, p. 377.
  • Historical Manuscripts Commission, 11th Report, Part IV, p. 75. Marquis Hamilton to Johan Banér, n.d. 1631.
  • Yorke, Philip Chesney (1911). "Hamilton, James Hamilton". In Chisholm, Hugh. Encyclopædia Britannica. 12 (11th ed.). Cambridge University Press. pp. 886–887.
  • H.L. Rubenstein, Captain Luckless-James, First Duke of Hamilton, 1606–1649, Edinburgh, Scottish Academic Press, 1975.
  • Edward Furgol, A Regimental History of the Covenanting Armies, 1639-1651 (John Donald, Edinburgh, 1990).
  • Alexia Grosjean, An Unofficial Alliance: Scotland and Sweden, 1569-1654 (Brill, Leiden, 2003).
  • Steve Murdoch and Alexia Grosjean, Alexander Leslie and the Scottish Generals of the Thirty Years' War, 1618-1648 (Pickering & Chatto, London, 2014).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Master of the Horse Successore Flag of England.svg
Henry Rich, I conte di Holland 1628-1644 Rupert del Palatinato
Predecessore Lord cancelliere di Scozia Successore Flag of Scotland.svg
John Spottiswoode 1638-1641 John Campbell, I conte di Loudoun
Predecessore Duca di Hamilton Successore Flag of Scotland.svg
Titolo inesistente 16431649 William Hamilton, II duca di Hamilton
Predecessore Marchese di Hamilton Successore Flag of Scotland.svg
James Hamilton, II marchese di Hamilton 16251643 Titolo elevato a ducato
Predecessore Conte di Cambridge Successore Flag of England.svg
James Hamilton, II marchese di Hamilton 16251649
4^ creazione
William Hamilton, II duca di Hamilton
Controllo di autorità VIAF: (EN60023742 · LCCN: (ENn85029597 · ISNI: (EN0000 0000 6630 0955 · GND: (DE124701930 · CERL: cnp00481198