James Doakes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
James Doakes
Il sergente James Doakes
Il sergente James Doakes
Universo Dexter
Lingua orig. Lingua inglese
Autore Jeff Lindsay
1ª app. in Dexter
Ultima app. in Surprise, Motherfucker
Interpretato da Erik King
Voce italiana Roberto Draghetti
Sesso Maschio
Professione Sergente Maggiore
Affiliazione polizia di Miami

James Doakes è un personaggio protagonista del romanzo La mano sinistra di Dio e della serie televisiva Dexter. È interpretato, nella serie TV, da Erik King.

Presente nella prima e nella seconda stagione di Dexter, Doakes è un sergente della sezione omicidi della polizia di Miami, ed è l'unica persona che sembra nutrire dei dubbi sulla vera natura di Dexter Morgan.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Doakes prima di entrare in polizia fu membro dell'esercito americano e divenne operativo nei ranger (reparto distaccato di ricognizione). Dopo alcuni anni trascorsi nelle operazioni segrete, Doakes abbandonò la carriera militare, veicolando le proprie abilità al fine di aiutare i civili. Tuttavia la carriera di poliziotto ha un blocco quando viene accusato di non essere in grado di lavorare in coppia, se non con lui al comando. A causa del suo istinto omicida, si è visto costretto a divorziare da sua moglie; confessò che se avesse continuato a vivere con lei avrebbe finito con l'ucciderla. Egli aveva una relazione con Maria LaGuerta, che considerava importante, ed era suo partner nella polizia, fin quando quest'ultima non arrestò un grosso trafficante e ottenne una promozione. In realtà fu Doakes che si occupò del lavoro sporco e smascherò lo spacciatore, mentre LaGuerta lo fermò solamente mentre scappava; nonostante la promozione sia spettata solo alla donna, Doakes non si è mai infastidito.

Prima stagione[modifica | modifica sorgente]

Doakes si presenta come colui che odia Dexter. È l'unica persona che riesce a vedere attraverso la maschera che nasconde il serial killer che è in lui, e non fa mistero dei sospetti nei suoi confronti. Dopo la scoperta della morte de Il Killer del Camion Frigo, Doakes realizza che Dexter nasconde delle informazioni essenziali sull'omicida, tant'è che lo attacca fisicamente per poi scoprire che Dexter è un abile combattente.

Seconda stagione[modifica | modifica sorgente]

La seconda stagione si apre con Doakes che pedina ossessivamente il protagonista Dexter, seguendolo dappertutto, e abbandonando la propria vita sociale alla ricerca del segreto di Dexter. Inizialmente il sergente sembra appagato quando trova l'ematologo ad un incontro di tossicodipendenti anonimi, dove ammette di far uso di eroina. Doakes si convince che il segreto oscuro di Dexter è l'assunzione di stupefacenti e che questa sia legata al forte stress da lavoro, tant'è che egli stesso conosce anche altri poliziotti con questo problema. Sentendo empatia nei confronti di Dexter per la prima volta, decide di lasciarlo stare per un po'. Doakes riprende lo stalking quando Debra rivela che Dexter non ha mai neanche fumato una sigaretta. Il poliziotto comincia a investigare sul passato di Dexter e quest'ultimo, lo sprona a picchiarlo davanti a tutti nella centrale di polizia, dopo averlo colpito con una testata nel proprio stanzino. Doakes viene sollevato dall'incarico di sergente e sta quasi per accettare un lavoro ben pagato che LaGuerta riesce a proporgli, quando comincia a sospettare che Dexter sia Il Macellaio di Bay Harbor, in quanto Frank Lundy gli fa notare che una delle vittime del serial killer è stata assolta a causa di un rapporto sul sangue scadente. Doakes, durante le sue ricerche su Dexter, si imbatte nei resti di Santos Jimenez e trova il cofanetto dove Dexter nasconde i vetrini, avendo la conferma che Dexter è il Macellaio. Ironia della sorte, Doakes è ora il primo sospettato del caso, grazie all'abilità di Dexter nel manipolare le prove. Doakes tenta di arrestare Dexter nelle Everglades, ma quest'ultimo ha la meglio e rinchiude l'ex poliziotto in una cella del capanno di Jimenez in attesa di decidere cosa farne di lui. Alla fine, Dexter decide di consegnarlo all'FBI come colpevole. Nel frattempo Lila Tournay trova il capanno e dopo essersi fatta rivelare da Doakes chi è in realtà Dexter, lei lascia aperto il tubo del propano e fa incendiare il tutto. Il corpo incenerito di Doakes trovato vicino ai resti smembrati di Jose Garza chiudono il caso, con la conclusione ufficiale che lui era il Macellaio. A causa della vicenda de Il Macellaio di Bay Harbor, al funerale dell'uomo non si presenta nessuno eccezion fatta per LaGuerta, Dexter, le sorelle e la madre di Doakes. L'incarico di sergente va così a Angel Batista.

Flashback[modifica | modifica sorgente]

Nel finale della settima stagione compare nuovamente il sergente Doakes in alcuni flashback di Dexter, che ripercorre le vicende che hanno portato l'allora sergente ad intravedere ciò che di oscuro c'era nell'animo dell'ematologo.

Differenze dal romanzo[modifica | modifica sorgente]

Nel romanzo Doakes si chiama "Albert" e ha servito l'esercito USA in El Salvador nel corpo della marina militare al fianco di Kyle Chutsky e "Dr. Danco". Dopo l'omicidio di LaGuerta, Doakes crede che l'assassino sia Dexter e vuole coglierlo sul fatto. Invece è proprio Doakes che viene catturato dal Dr. Danco, che lo tortura rimuovendogli i piedi, le mani e la lingua. Appare poi brevemente negli altri romanzi, anche se non può più comunicare, se non con l'aiuto di un macchinario che emette una voce robotica. Nella versione televisiva Doakes viene ucciso da Lila. Il Doakes del libro è molto meno compassionevole di quello della TV, che viene ritratto come persona che fa le cose a fin di bene, ma che si arrabbia a causa dei modi di fare di Dexter.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione