Jaish-e-Mohammad

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jaish-e-Mohammad (urdu: جيش محمد, letteralmente l'esercito di Maometto)
Jaishi-e-Mohammed.svg
La bandiera del gruppo terroristico
Attiva2000 – in attività
NazionePakistan Pakistan
ContestoPakistan Pakistan
Afghanistan Afghanistan
India India
Ideologiafondamentalismo islamico sunnita deobandi
Affinità politichePakistan
Componenti
FondatoriMassud Azar
Attività
Azioni principaliattentati terroristici a Mumbai del 2011
Attacchi in Afghanistan e India
Fonti nel testo
Voci su organizzazioni terroristiche in Wikipedia

Jaish-e-Mohammad (urdu: جيش محمد, letteralmente l'esercito di Maometto) è un gruppo terrorista islamista Deobandi basato in Pakistan ed attivo in Kashmir. Il suo leader è ritenuto Massud Azar, responsabile dell'organizzazione degli attentati terroristici a Mumbai del 2011 (tre attacchi coordinati che provocarono 26 morti e 130 feriti[1]) e di un attentato che nel febbraio 2011 in Kashmir ha ucciso quaranta poliziotti indiani[2].

Il gruppo opera con la sponsorizzazione e la copertura politica della Inter-Services Intelligence pakistana[3], l'intelligence militare, e viene utilizzato per compiere attentati contro indiani, forze occidentali in Afghanistan o altri posti sensibili senza compromettere le forze armate o il governo pakistani[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Three blasts in Mumbai, NDTV 24x7. URL consultato il 13 luglio 2011.
  2. ^ Afghanistan: The North Does Not Forget, su strategypage.com. URL consultato il accesso 16 lug 2019.
  3. ^ a b Template:Harvp: "Deobandis like Masood Azhar, a graduate of Jamia Binouria who later set up a jihadist outfit named Jaish-e-Muhammad (JeM) in 2000, reportedly at the behest of Pakistan's military establishment."

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]