Jacques Dufilho

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jacques Dufilho

Jacques Dufilho (Bègles, 19 febbraio 1914Ponsampère, 28 agosto 2005) è stato un attore francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di origine guascona, Dufilho è conosciuto in Italia soprattutto come protagonista della serie cinematografica dedicata alla figura del Colonnello Buttiglione - stralunato alto ufficiale dell'Esercito Italiano, originariamente ideato per la trasmissione radiofonica Alto gradimento, condotta da Renzo Arbore e Gianni Boncompagni - in cui era doppiato nelle distribuzioni italiane da Elio Pandolfi:

Dufilho in una caratterizzazione del colonnello Buttiglione

Il ruolo di colonnello in un film comico, anche se dell'Esercito Francese, lo aveva però interpretato già nel film Cinque matti al servizio di leva (1971) con il gruppo Les Charlots.

Attore comico, ma di solida formazione teatrale, nel corso della sua lunga carriera ottenne vari riconoscimenti, fra cui per due volte il Premio César per il migliore attore non protagonista (Premi César 1981 e Premi César 2000) e il Premio Molière per il migliore attore.

Morì il 28 agosto 2005, all'età di 91 anni, presso Ponsampère, dove nei suoi ultimi anni di vita aveva stabilito la propria residenza.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

  • Elio Pandolfi in Un ufficiale non si arrende mai, nemmeno di fronte all'evidenza. Firmato Colonnello Buttiglione, Il colonnello Buttiglione diventa generale, Buttiglione diventa capo del servizio segreto
  • Stefano Sibaldi in Basta con la guerra... facciamo l'amore, Voto di castità
  • Antonio Guidi in Professore venga accompagnato dai suoi genitori, Il soldato di ventura
  • Mario Maranzana in Dimmi che fai tutto per me, Von Buttiglione Sturmtruppenführer
  • Bruno Persa in Il ritorno di Arsenio Lupin
  • Luca Ernesto Mellina in Il medico... la studentessa

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN76499921 · ISNI (EN0000 0000 8395 6630 · LCCN (ENn83068174 · GND (DE129314161 · BNE (ESXX1599982 (data) · BNF (FRcb13893473v (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n83068174