Jacopo Massaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jacopo Massaro

Sindaco di Belluno
In carica
Inizio mandato 22 maggio 2012
Predecessore Antonio Prade

Consigliere provinciale della Provincia di Belluno
Durata mandato 1994 –
1999

Dati generali
Partito politico Indipendente di centrosinistra
Professione Impiegato

Jacopo Massaro (Firenze, 12 febbraio 1974) è un politico italiano, sindaco di Belluno dal 22 maggio 2012.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Firenze ma residente a Belluno dall'età di 10 anni, Jacopo Massaro ha studiato al Liceo Classico Tiziano di Belluno dove ha ottenuto una maturità classica per poi lavorare nell'ASL bellunese dal 1996 al 2002.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

A soli 19 anni, dal 1994 al 1999, Massaro è stato Consigliere Provinciale della Provincia di Belluno nelle file dell'allora PDS.

Il 27 maggio 2007, è stato eletto Consigliere Comunale del Comune di Belluno e nominato capogruppo del gruppo consigliare “L’UlivoPartito Democratico” in quel momento all'opposizione, emergendo egli stesso come principale oppositore del Sindaco Antonio Prade sostenuto dal Popolo della Libertà e dalla Lega Nord.

Sindaco di Belluno[modifica | modifica wikitesto]

Massaro si è candidato alle elezioni amministrative del 2012 per la carica di sindaco di Belluno. La candidatura a Sindaco di Massaro è nata a seguito del rifiuto da parte della sezione locale del Partito Democratico di far svolgere le primarie, come lo stesso Massaro e buona parte del partito chiedevano, indicando direttamente in Claudia Bettiol il candidato Sindaco. Massaro e un gruppo di giovani dirigenti uscirono così dal Partito Democratico e fondarono la lista civica InMovimento, che sarebbe diventata la prima forza politica nel Consiglio Comunale del Capoluogo provinciale. Massaro trovò il sostegno anche delle liste civiche Insieme per Belluno e Patto per Belluno.

Al primo turno delle elezioni ottenne 24,44% raccogliendo 4.495 voti e battendo sei candidati a sindaco, tra cui il sindaco uscente Antonio Prade, sostenuto dal PDL e dalle lste civiche Prade per Belluno e Con Belluno, e il vicesindaco uscente Leonardo Colle, sostenuto dalla Lega Nord.

Al ballottaggio raccoglie il 63% dei consensi con 9.472 voti riuscendo cosi a battere Claudia Bettiol, candidata ufficiale del PD e sostenuta da Rifondazione Comunista, dall'Italia dei Valori e dalla lista civica Tutti per Belluno.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Il caso di Jacopo Massaro è divenuto noto a livello nazionale a seguito di un tweet del 21 maggio 2012 dell'allora Sindaco di Firenze Matteo Renzi che recitava: "A Belluno ha vinto Jacopo Massaro - già capogruppo pd - contro il candidato ufficiale PD che non ha voluto le primarie #Pensiamoci". [1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore Sindaco di Belluno Successore Belluno-Stemma.png
Antonio Prade (Centrodestra) dal 22 maggio 2012 in carica