Jacopo III Appiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jacopo III Appiano
Signore di Piombino
Stemma
In carica 1457-1474
Predecessore Emanuele Appiano
Successore Jacopo IV
Nome completo Jacopo di Emanuele Appiano
Nascita Piombino, 1422
Morte Piombino, 22 marzo 1474
Dinastia Appiano
Padre Emanuele Appiano
Consorte Battistina Fregoso
Figli Emanuele
Jacopo IV
Belisario
Gherardo
Semiramide
Belisario
Religione Cattolicesimo

Jacopo III Appiano (Piombino, 1422Piombino, 22 marzo 1474) fu il sesto Signore di Piombino, Scarlino, Populonia, Suvereto, Buriano, Badia al Fango e delle isole d'Elba, Montecristo e Pianosa; anche conte palatino.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Stemma di Jacopo III col cimiero del drago presso il castello di Piombino

Figlio illegittimo di Emanuele Appiano, prese possesso dei domini paterni alla morte del genitore, nel 1457: mecenate, per quanto le scarse rendite permettevano, assunse Andrea Guardi, architetto e scultore fiorentino, che tra il 1465 e il 1470 eseguì molti lavori che mutarono l'assetto di Piombino: venne costruita la Cittadella, con al suo interno il Palazzo Residenziale Villanova in sostituzione del vecchio Palazzo Appiani, la cappella, la cisterna (pozzo a pianta quadrangolare in marmo), oltre al chiostro e fonte battesimale in Sant'Antimo.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Jacopo III Appiano Padre:
Emanuele Appiano
Nonno paterno:
Jacopo I Appiano
Bisnonno paterno:
Vanni Appiano
Trisnonno paterno:
Benvenuto Appiano
Trisnonna paterna:
?
Bisnonna paterna:
?
Trisnonno paterno:
?
Trisnonna paterna:
?
Nonna paterna:
Polissena Pannocchieschi
Bisnonno paterno:
Emanuele Pannocchieschi
Trisnonno paterno:
?
Trisnonna paterna:
?
Bisnonna paterna:
Adelasia della Gherardesca
Trisnonno paterno:
Gherardo VII della Gherardesca
Trisnonna paterna:
Adelasia Grimaldi
Madre:
?
Nonno materno:
?
Bisnonno materno:
?
Trisnonno materno:
?
Trisnonna materna:
?
Bisnonna materna:
?
Trisnonno materno:
?
Trisnonna materna:
?
Nonna materna:
?
Bisnonno materno:
?
Trisnonno materno:
?
Trisnonna materna:
?
Bisnonna materna:
?
Trisnonno materno:
?
Trisnonna materna:
?

Matrimonio e discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Il padre, per avere un altro alleato oltre al Re di Napoli, lo fece sposare a Genova nel 1454 con Battistina Fregoso (14321481), figlia di Giano Fregoso, uno dei Dogi della Repubblica di Genova ed in seguito Signore di Sarzana.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mauro Carrara, Signori e principi di Piombino, Pontedera, Bandecchi & Vivaldi, 1996.
  • Licurgo Cappelletti, Storia della città e stato di Piombino: dalle origini fino all'anno 1814, Livorno, Giusti, 1897.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie