Jacobin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jacobin
Logo
StatoStati Uniti Stati Uniti
LinguaInglese
PeriodicitàTrimestrale
GenerePolitico e culturale
FormatoMagazine
Fondazione2011
SedeNew York
Diffusione cartacea40 000
DirettoreBhaskar Sunkara
ISSN2158-2602 (WC · ACNP)
Sito web
 

Jacobin è una rivista trimestrale fondata da Bhaskar Sunkara con sede a New York che offre un punto di vista socialista e anticapitalista su politica, economia e cultura. I temi affrontati includono la diseguaglianza economica, il potere delle proteste di massa, le ragioni economiche dietro alla crisi di Porto Rico a seguito dell'uragano Maria, i sindacati. La sua diffusione è di 40 000 copie[1] e il sito ha registrato più di un milione di visite al mese nel 2017.[2] Noam Chomsky ha definito la rivista "un raggio di luce in tempi bui".[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La pubblicazione nasce come rivista online nel settembre del 2010,[4] ma nel giro di un anno si aggiunge la versione cartacea. Jacobin viene descritta dal suo fondatore Bhaskar Sunkara come una rivista radicale, "in larga parte il prodotto di una nuova generazione non più legata ai paradigmi della Guerra fredda che sostengono ambienti della vecchia sinistra intellettuale come Dissent o New Politics".[5] Sunkara sostiene che l'obbiettivo della rivista è di creare una pubblicazione che combini una politica decisamente socialista con l'accessibilità di titoli come The Nation e The New Republic.

Nel 2013 viene annunciato il lancio di Jacobin Books, una partnership con Verso Books e Random House. Nel 2016 viene pubblicata da Henry Holt and Company una collezione di saggi scritti dai collaboratori di Jacobin. Inoltre dall'autunno del 2014 la rivista ha sponsorizzato oltre 80 gruppi di lettura giacobini.[6]

Nella primavera del 2017 gli editori di Jacobin hanno collaborato con Vivek Chibber e Robert Brenner per pubblicare la rivista accademica Catalyst: A Journal of Theory and Strategy.[7]

Durante l'estate del 2018 viene annunciato l'imminente lancio (programmato per novembre dello stesso anno) di Jacobin Italia, prima versione locale extra-USA.[8] Il suo sito web viene aperto con un comunicato il 2 ottobre 2018 ed inizia a pubblicare articoli originali e traduzioni dal 1º novembre, mentre il primo numero della rivista cartacea, trimestrale come la versione statunitense, viene distribuito dal 15 novembre.

[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo della rivista deriva dal libro I giacobini neri. La prima rivolta contro l'uomo bianco di C. L. R. James in cui l'autore attribuisce ai rivoluzionari haitiani un'aderenza agli ideali della rivoluzione francese maggiore degli stessi giacobini francesi.[9] Secondo il direttore creativo Remeike Forbes, il logo è stato ispirato da una scena del film italo-francese Queimada riferita all'eroe nazionale nicaraguense José Dolores Estrada,[10] che tuttavia rappresenta Toussaint Louverture, il leader dell'unica rivolta di schiavi che abbia avuto successo nella storia umana.[11]

Lo slogan della rivista è "Reason in Revolt", tratto da un verso de L'Internazionale.

Collaboratori[modifica | modifica wikitesto]

Tra le personalità che hanno collaborato con Jacobin si elencano Slavoj Žižek, Bob Herbert, Yanis Varoufakis, Hilary Wainwright, Kareem Abdul-Jabbar, Jeremy Corbyn e Pablo Iglesias Turrión. Riguardo la provenienza socio-culturale dei collaboratori, Sunkara sostiene che siano per lo più under-35, tra cui "studenti laureati, giovani professori a contratto o di ruolo, lavoratori dei sindacati e persone che lavorano in ONG".

Ideologia[modifica | modifica wikitesto]

È stata definita una rivista socialdemocratica, socialista e marxista.[12] Secondo un articolo pubblicato dal Nieman Journalism Lab, Jacobin è una rivista "dalle idee socialdemocratiche" .[13] In un'intervista pubblicata sul New Left Review, Sunkara ha elencato il pantheon ideologico della rivista, tra cui Michael Harrington, da lui descritto come "un sottovalutato divulgatore del pensiero marxista"; Ralph Miliband e altre personalità vicine al trotskismo come Leo Panitch; teorici inseriti nella tradizione eurocomunista; rivoluzionari della Seconda Internazionale come Vladimir Lenin e Karl Kautsky.


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bhaskar Sunkara on Twitter, in Twitter. URL consultato il 15 ottobre 2018.
  2. ^ (EN) Leftist magazine content to skip industry fads, in Columbia Journalism Review. URL consultato il 15 ottobre 2018.
  3. ^ (EN) Meera Srinivasan, The voice of the American Left, in The Hindu, 5 aprile 2016. URL consultato il 15 ottobre 2018.
  4. ^ (DE) This is what you need to know, in Bookforum. URL consultato il 15 ottobre 2018.
  5. ^ (EN) No Short-Cuts: Interview with the Jacobin, in Idiom, 16 marzo 2011. URL consultato il 15 ottobre 2018.
  6. ^ Jacobin, Jacobin Reading Groups Listing, su jacobinmag.com.
  7. ^ Announcing Catalyst, su Jacobin Magazine, Jacobin Magazine, 4 maggio 2017. URL consultato il 10 giugno 2017.
  8. ^ Jacobin: arriva in Italia la rivista anti-sovranista e giacobina che piace a Bernie Sanders, in TPI, 30 settembre 2018. URL consultato il 15 ottobre 2018.
  9. ^ revueperiode.net, http://revueperiode.net/jacobin-magazine-entretien-avec-bhaskar-sunkara/.
  10. ^ (EN) The Black Jacobin. URL consultato il 15 ottobre 2018.
  11. ^ (FR) Jacobin Magazine : entretien avec Bhaskar Sunkara – Période, su revueperiode.net. URL consultato il 15 ottobre 2018.
  12. ^ Dylan Matthews, Inside Jacobin: how a socialist magazine is winning the left's war of ideas, in Vox, 21 marzo 2016.
  13. ^ Caroline O'Donovan, Jacobin: A Marxist rag run on a lot of petty-bourgeois hustle, Nieman Journalism Lab, 16 settembre 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]