Jack Pickford

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jack Pickford

Jack Pickford, nato John Charles Smith, (Toronto, 18 agosto 1896Parigi, 3 gennaio 1933), è stato un attore cinematografico e regista canadese naturalizzato statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Toronto nel 1896 e registrato all'anagrafe con il nome di John Charles Smith, era il figlio dell'attrice Charlotte Hennessy. Era il fratello minore della più celebre Mary Pickford (Gladys Smith), con cui lavorò spesso, e di Lottie Pickford (Lottie Smith).

La vicenda dei tre figli è segnata dall'abbandono da parte del padre alcolista, quando essi erano ancora bambini. Per sfuggire alla poverta', i tre cominciarono a lavorare come attori bambini sul palcoscenico. Nel 1900, la famiglia si trasferisce a New York, ma i tre "Smith" sono sempre "on the road", laddove il lavoro li chiama.

Nel 1909, Mary Smith (ora Mary Pickford) strappa un contratto di lavoro favorevole con la casa cinematografica Biograph, che include anche la sorella e il fratello minori. La famiglia può così riunirsi a Hollywood.

Per il suo aspetto giovanile e il suo fisico minuto l'ormai adolescente Jack Pickford viene a lungo usato a ricoprire ruoli di bambino, che secondo le consuetudini dell'epoca allora raramente si affidavano a piccoli interpreti. Ancora nel 1917 gli è chiesto di interpretare il ruolo di Pip in Great Expectations e di "Tom Sawyer" in Tom Sawyer (1917) e Huck and Tom (1918).[1]

Negli anni Venti Jack Pickford continua a interpretare ruoli di giovane adolescente. Alcuni dei suoi migliori film vengono da questo periodo, compreso The Little Shepherd of Kingdom Come (1920), The Man Who Had Everything (1920) e Waking Up the Town (1925). La sua vita personale e professionale è tuttavia sempre più condizionata da problemi di alcolismo.[2]

Matrimoni[modifica | modifica wikitesto]

Jack Pickford, conosciuto anche con il nome Johnny Pickford o Jack Smith, si sposò tre volte.

La prima moglie, Olive Thomas (1894-1920), sposata nel 1916, era una stella delle Ziegfeld Follies e attrice cinematografica. Morì in circostanze mai chiarite durante un viaggio in Francia con il marito.

Anche la seconda moglie, Marilyn Miller (1898-1936), era una diva delle scene musicali di Broadway e degli spettacoli di Ziegfeld. Il loro matrimonio, celebrato nel 1922, finì in un divorzio nel 1927.

La terza e ultima moglie fu Mary Mulhern, sposata nel 1930. Anche se non avevano divorziato, nel 1933, all'epoca della morte di Pickford, i due vivevano già da tempo separati.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Jack Pickford morì a Parigi il 3 gennaio 1933, colpito da neuropatia. Alla sua morte i resti vennero seppelliti al Forest Lawn Memorial Park, Glendale (California).[3]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

1909[modifica | modifica wikitesto]

1910[modifica | modifica wikitesto]

1911[modifica | modifica wikitesto]

1912[modifica | modifica wikitesto]

1913[modifica | modifica wikitesto]

1914[modifica | modifica wikitesto]

1915[modifica | modifica wikitesto]

1916[modifica | modifica wikitesto]

1917[modifica | modifica wikitesto]

1918[modifica | modifica wikitesto]

1919[modifica | modifica wikitesto]

1920[modifica | modifica wikitesto]

1922/1925[modifica | modifica wikitesto]

1926[modifica | modifica wikitesto]

1928[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ John Holmstrom, The Moving Picture Boy, pp. 10-11.
  2. ^ (EN) Jack Pickford, su Internet Movie Database, IMDb.com. Modifica su Wikidata
  3. ^ Biografia su Find a Grave

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • John Holmstrom, The Moving Picture Boy: An International Encyclopaedia from 1895 to 1995, Norwich, Michael Russell, 1996, pp. 10-11.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN103225004 · ISNI: (EN0000 0001 1695 2784 · LCCN: (ENn88043037 · BNF: (FRcb146952173 (data)