Jérémy Chatelain

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jérémy Chatelain
Jeremy Chatelain SLC Library.jpg
NazionalitàFrancia Francia
GenerePop
Periodo di attività musicale2002 – in attività
EtichettaMercury
Album pubblicati1
Studio1

Jérémy Chatelain (Créteil, 19 ottobre 1984) è un cantante francese.

Dopo aver partecipato alla seconda stagione dell'edizione francese del reality show Star Academy, andata in onda nella stagione televisiva 2002/2003, ha debuttato come cantante nel 2003 pubblicando per l'etichetta discografica Mercury il suo primo album intitolato Jérémy Chatelain, che ha riscosso un discreto successo in Francia e Belgio.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'uscita del suo prima album, Jérémy Chatelain, il 28 febbraio 2003, ha pubblicato il suo primo singolo Laisse-moi (Lasciarmi, in italiano), che ha venduto oltre 170.000 copie ed è arrivato alla Top 10 Francese e Top 50 come Singles Chart. Il 6 novembre 2003 si è sposato con la cantante Alizée a Las Vegas, Nevada, negli USA. La coppia ha avuto una figlia, Annily, nata il 28 aprile 2005. Nel 2004 ha recitato insieme a Bernard Tapie in un episodio della serie televisiva Il commissario Valence, interpretando il figlio del commissario. All'inizio del 2006 Jérémy ha pubblicato Katmandou, il primo singolo per il suo secondo album e il 13 marzo 2006 è stato pubblicato il suo secondo album, intitolato Variétés françaises, che ha però riscosso un minor successo. Si è separato dalla cantante Alizée nel 2012.[2]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 2003 - Laisse-moi
  • 2003 - Belle Histoire
  • 2003 - Vivre Ça
  • 2004 - J'aimerai
  • 2004 - Je M'en Fous
  • 2006 - Katmandou
  • 2006 - Variété Française
  • 2006 - J'veux Qu'on M'enterre

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jérémy Chatelain (album) su italiancharts.com, su italiancharts.com. URL consultato il 7 aprile 2010.
  2. ^ Variétés françaises su italiancharts.com, su italiancharts.com. URL consultato il 7 aprile 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN29761917 · ISNI: (EN0000 0003 7183 1947 · BNF: (FRcb144957937 (data)