Izzat Ibrahim al-Douri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Izzat Ibrahim al-Douri
Izzat Ibrahim al-Douri portrait.png

Segretario generale del Comando Nazionale del Partito Ba'th (fazione irachena)
In carica
Inizio mandato 30 dicembre 2006
Predecessore Saddam Hussein

Segretario regionale del Partito Ba'th (fazione irachena)
In carica
Inizio mandato 3 gennaio 2007
Predecessore Saddam Hussein

Vicesegretario del Comando regionale del Partito Ba'th (fazione irachena)
Durata mandato settembre 1991 –
3 gennaio 2007
Predecessore Taha Yassin Ramadan
Successore sconosciuto

Vicepresidente del Consiglio del Comando della Rivoluzione dell'Iraq
Durata mandato 16 luglio 1979 –
9 aprile 2003
Predecessore Saddam Hussein
Successore carica abolita

Dati generali
Partito politico Partito Ba'th (fazione irachena)
Izzat Ibrahim al-Douri
Izzat Ibrahim al-Douri in 1996.png
al-Douri in uniforme nel 1996
NascitaAd-Dawr, 1º luglio 1942
Dati militari
Paese servitoFlag of Iraq (1959–1963).svg Repubblica irachena
Flag of Iraq (1991–2004).svg Iraq ba'athista
Flag of Iraq (1991–2004).svg Consiglio generale militare per i Rivoluzionari iracheni
Forza armataFlag of the Iraqi Ground Forces.svg Esercito iracheno
Flag of Iraq (1991–2004).svg Esercito Naqshbandi
UnitàDirezione di orientamento politico
Anni di servizio1962-oggi
GradoMuhib
(Esercito iracheno)
Comandante in capo (Esercito Naqshbandi)
GuerreGuerra Iran-Iraq
Guerra del Golfo
Rivolte in Iraq del 1991
Guerra d'Iraq
Guerra civile in Iraq
CampagneCampagna di Al-Anfal
Offensiva dell'Iraq del Nord
Campagna di Salahuddin
BattaglieBattaglia di Khafji
Prima battaglia di Tikrit
Seconda battaglia di Tikrit
Battaglia di Mosul
Comandante di2ª divisione di fanteria
Esercito Naqshbandi
Altre carichepolitico
voci di militari presenti su Wikipedia

Izzat Ibrahim al-Douri (Ad-Dawr, 1º luglio 1942) è un generale, guerrigliero e politico iracheno, è stato il più fidato collaboratore del Ra'is dell'Iraq Saddam Hussein fino al 2003, ed era considerato infatti il numero due per importanza nel regime ba'athista iracheno dopo il dittatore, dopo la caduta del regime ha guidato una sua fazione nell'insurrezione in Iraq.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha servito come vicepresidente del Consiglio del Comando della Rivoluzione iracheno fino all'invasione statunitense dell'Iraq nel 2003 è stato considerato come il più stretto collaboratore e vice di Saddam Hussein, dall'invasione del 2003 guida l'esercito insurrezionale ba'athista dell'Esercito Naqshbandi.[1][2]

Al-Douri è stato il più alto ufficiale in grado ba'athista a evitare l'arresto da parte delle forze d'occupazione statunitensi, ed era infatti il re dei fiori nelle Carte da gioco Most-wanted iraqi.

Continua a guidare gli elementi principali dell'insurrezione come l'Esercito Naqshbandi contro le forze d'occupazione e l'attuale regime di Baghdad. In seguito all'esecuzione di Saddam Hussein al-Douri fu confermato come nuovo leader del Partito Ba'th iracheno fuorilegge.[3]

Al-Douri è stato dato per ucciso in azione insieme alle sue guardie del corpo, il 17 aprile 2015 in una grande operazione militare guidata dalle milizie sciite e dalle forze irachene vicino ai campi petroliferi di Hemreen, a est di Tikrit.[4] La milizia sciita di Asa'ib Ahl al-Haq ha affermato di averlo ucciso e di aver trasportato il corpo a Baghdad per confermare la sua identità. Il Partito Ba'th ha negato questa informazione e infatti al-Douri è apparso recentemente in alcuni filmati parlando di fatti recenti avvenuti in seguito alla sua presunta morte.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Saddam's No. 2 seeks help for insurgency, 27 marzo 2006. URL consultato il 4 dicembre 2019.
  2. ^ (EN) Izzat Ibrahim Al-Douri / Izzat Ibrahim al-Duri.
  3. ^ (EN) Saddam aide is new Baath leader, 3 gennaio 2007. URL consultato il 4 dicembre 2019.
  4. ^ (EN) Former Saddam Deputy Izzat al Douri Killed Reportedly In Iraq After Evading Capture For Years, 17 aprile 2015. URL consultato il 4 dicembre 2019.
  5. ^ (EN) Saddam’s ‘king of clubs’ reappears on Baath anniversary, 8 aprile 2018. URL consultato il 4 dicembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN316446955 · GND (DE1190703394 · WorldCat Identities (EN316446955