Ixodidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ixodidae
Ixodes holocyclus.jpg
Ixodes holocyclus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Protostomia
(clade) Ecdysozoa
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Ordine Acarina
Sottordine Ixodida
Famiglia Ixodidae
Generi

Gli Ixodidae, comunemente noti come "zecche dure", sono una famiglia di aracnidi caratterizzati dalla presenza di uno scudo dorsale chitinoso in tutti gli stadi di sviluppo.

Lo scudo copre tutto il dorso nel maschio, mentre nella femmina è presente solo anteriormente. La parte posteriore del corpo della femmina è costituita da tessuto elastico che consente l'ingestione di grosse quantità di sangue.
Gli occhi sono assenti nei generi Ixodes e Haemaphysalis, presenti negli altri. Il ciclo biologico degli Ixodidae consta di quattro stadi: uovo, larva, ninfa, adulto.

Per passare da uno stadio all'altro la zecca necessita di un pasto di sangue, che può compiere su uno stesso ospite (parassiti monoxeni) o, più frequentemente, su due o più ospiti (dixeni e eteroxeni), essendo generalmente il primo ospite (per larva e ninfa) roditore, uccello o rettile ed il secondo ospite (per la zecca adulta) un mammifero, soprattutto bovini ed equini.
Il ciclo vitale si compie mediamente in un anno (talvolta si hanno due generazioni in un anno).

Principali specie italiane[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi