Ivo Stefanoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ivo Stefanoni
Nazionalità Italia Italia
Altezza 165 cm
Peso 55 kg
Canottaggio Rowing pictogram.svg
Società GS Moto Guzzi
Palmarès
Giochi olimpici 1 0 1
Europei 3 0 1
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Ivo Stefanoni (Mandello del Lario, 5 giugno 1936) è un ex canottiere italiano, medaglia d'oro nel quattro con, nel ruolo di timoniere, ai Giochi olimpici di Melbourne 1956 e di bronzo, nella stessa gara, a Roma 1960.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1956 agli Europei di Bled Ivo Stefanoni era il timoniere della Canottieri Moto Guzzi, equipaggio dell'omonima azienda, con agli estremi Franco Trincavelli e Romano Sgheiz, al centro Alberto Winkler e Angelo Vanzin. Vincono il bronzo.

Nello stesso anno lo stesso equipaggio vince l'oro ai Giochi olimpici di Melbourne davanti agli svedesi e ai finlandesi.

L'equipaggio del quattro con, con cui vinse la medaglia olimpica a Roma 1960, era composto anche da Romano Sgheiz, Giovanni Zucchi, Fulvio Balatti e Franco Trincavelli.

Vincitore in carriera anche di quattro medaglie agli europei, di cui tre d'oro come timoniere dell'otto e di quindici titoli italiani tra il 1953 e il 1972.[1]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Note
1956 Giochi olimpici Australia Melbourne 4 con Oro Oro
1956 Campionati europei Slovenia Bled 4 con Bronzo Bronzo [2]
1957 Campionati europei Germania Duisburg Otto Oro Oro [1]
1958 Campionati europei Polonia Poznań Otto Oro Oro [1]
1960 Giochi olimpici Italia Roma 4 con Bronzo Bronzo
1961 Campionati europei Cecoslovacchia Praga Otto Oro Oro [1]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Collare d'oro al merito sportivo - nastrino per uniforme ordinaria Collare d'oro al merito sportivo
«Campione olimpico 1956»
— 15 dicembre 2015[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Ivo Stefanoni - Amova, su medagliedoro.org.
  2. ^ BREVE STORIA DEL CANOTTAGGIO (PDF), su canottaggio-fvg.org.
  3. ^ Collari d'oro 2015, su coni.it. URL consultato il 27 dicembre 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]