Iveco Defence Vehicles

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'Iveco Defence Vehicle (Iveco DV) è la divisione di Iveco che produce veicoli per scopi militari e di protezione civile.

Ha sede principale a Bolzano e sedi secondarie a Piacenza (presso Astra), a Sete Lagoas in Brasile e Vittorio Veneto.

Dal 2013 è una delle società controllate da CNH Industrial.

La storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

Le origini dell'azienda derivano alla casa automobilistica Lancia.

Mentre stava lavorando attorno al progetto dell'Aprilia, Vincenzo Lancia decideva di aderire ad una iniziativa governativa tesa a promuovere la creazione di un centro industriale a Bolzano, dedicato principalmente alla produzione dei veicoli industriali e, in prospettiva, anche ai mezzi sviluppati su commissione del Regio Esercito.

Nel marzo del 1935, l'ufficio tecnico del comune di Bolzano trasmetteva alla direzione della casa torinese la planimetria dell'area su cui sarebbe dovuto sorgere il nuovo impianto. Sei mesi dopo, iniziarono i lavori di costruzione dei primi quattro capannoni e nell'aprile 1937 si concretizzò l'assunzione dei primi impiegati “istruiti” a Torino. Dopodiché; nel giugno 1937, venne avviato il reparto fonderia e il successivo 6 luglio lo stabilimento fu inaugurato dall'autorità fascista.

Lo scoppio della seconda guerra mondiale accelerò notevolmente le attività del sito industriale Lancia di Bolzano, che si rese disponibile a operare per le commesse militari. Nel 1942 la fabbrica diede spazio ai reparti trasferitesi dalla sede di Torino, che venne contestualmente danneggiata dai bombardamenti. Ma in breve, le bombe giunsero a colpire pure la città di Bolzano, e gli anni 1943 e 1944 saranno costellati da arresti, distruzione, lutti.

La produzione subisce pesanti battute d'arresto, fino al 3 maggio 1945, quando cessate le ostilità nel Südtirol si procede a un massiccio piano di riavvio e riconversione degli impianti Lancia, partendo appunto da Bolzano, che per un breve periodo offrirà ancora ospitalità ad alcune lavorazioni di pertinenza della fabbrica di Torino, per poi a dedicarsi in esclusiva alla costruzione degli autocarri.

La nascita di Iveco Defence Vehicle[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1969 la FIAT acquista la casa automobilistica Lancia e con essa la proprietà dello stabilimento di Bolzano (sede di via A. Volta) che diventa Lancia Veicoli Speciali, fino alla costituzione dell'Iveco (1975).

A Bolzano sono raggruppate le produzioni dei mezzi Fiat V.I. come l'antifibio Fiat 6640 e il Fiat TM 59 6x6.

Nel 1980 viene introdotta la gamma unificata dei veicoli speciali a trazione integrale per impegni gravosi e dei motori destinati ad assali, carri armati, ecc...

Nel 1985 debutta il marchio Iveco Defence Vehicles, mantenendo Bolzano come sede operativa della società. La nuova divisione industriale in capo al Gruppo Fiat è interamente dedicata al ramo per la costruzione dei mezzi militari e di difesa (oggi è confluita con Iveco in CNH Industrial).

Nel 2006 Iveco DV accorpa la SICCA di Vittorio Veneto, centro specializzato nello sviluppo di prototipi e protezioni. Nel 2012 avvia in Brasile la costruzione del veicolo anfibio militare blindato VBTP 6x6.

Iveco Defence Vehicles produce: carri armati, motori, componentistica per automezzi da difesa, automezzi per il servizio di protezione civile e tra i suoi prodotti storici si ricordano: il Puma, l'Ariete, il Centauro e il camion a sei ruote motrici (Overland).

Gamma Prodotti[modifica | modifica wikitesto]

Veicolo militare VM90

La gamma prodotti comprende autocarri tattici da 1,5 a 17,5 tonnellate di carico utile, trattori per trasporto corazzati, motopropulsori per blindati e corazzati, sia su ruote sia su cingoli. Infine, produce anche veicoli blindati e corazzati (in collaborazione con Oto Melara) per la ricognizione, combattimento, trasporto truppe, comando e supporto.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]