Ivano Della Morte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ivano Della Morte
Nazionalità Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 76 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 2007 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??-1991 Torino
1991-1992 Avellino[1]
1992-1993 Torino
Squadre di club1
1992-1993 Torino1 (0)
1993-1994 Monza16 (0)
1994 Lazio0 (0)
1994-1995 Lecce20 (1)
1995 Lazio0 (0)
1995-1996 Avellino19 (0)
1996-1997 Alessandria26 (3)
1997-1998Reggiana24 (1)
1998-1999 Fidelis Andria17 (1)
1999-2000 Reggiana18 (1)
2000-2001 Lucchese28 (3)
2001-2002 Vicenza28 (1)
2002-2003 Chievo24 (4)
2003-2005 Genoa19 (0)
2005-2006 Cesena10 (0)
2006Ascoli3 (0)
2006-2007 Alessandria18 (5)
Nazionale
1991Italia Italia U-173 (0)
1992-1993Italia Italia U-188 (0)
1994Italia Italia U-212 (0)
Carriera da allenatore
2008-2009Canavese Giovanili
2009-2010Juventus Esordienti 98
2009-2011Juventus Allievi Reg.
2011-2013Juventus Allievi Naz.
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 29 marzo 2017

Ivano Della Morte (Cirié, 13 ottobre 1974) è un dirigente sportivo, allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista, attuale responsabile del settore giovanile dell'Achmat Groznyj.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Per oltre un decennio è stato un giocatore professionista nel ruolo di centrocampista esterno.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Crebbe calcisticamente nel Torino, con il quale debuttò in Serie A appena diciottenne (in Torino-Pescara 3-1 del 28 febbraio 1993);[2] nelle stagione successiva passò al Monza, in Serie B. Risale a questo periodo il suo debutto con la Nazionale Under-21, per la quale scese in campo 2 volte. Retrocesso il Monza, il giovane Della Morte fu ingaggiato dalla Lazio con cui non ebbe mai occasione di scendere in campo: nelle stagioni successive passò al Lecce, con cui segnò il suo primo goal da professionista, poi all'Avellino. Vestì poi le maglie di Alessandria (Serie C1), Reggiana (B e C1) e la Fidelis Andria (Serie B).

Nell'estate 2000 passò alla Lucchese, con cui visse una delle annate più fortunate; ingaggiato dal Vicenza per la stagione 2001-2002, nel 2002-03 fu prestato dalla società biancorossa al ChievoVerona, nella stagione che segnò il suo ritorno in Serie A a dieci dall'esordio. Giocò ancora nel Genoa,[2] nel Cesena e nell'Ascoli, con cui disputò le ultime gare in A prima dell'ingaggio, da svincolato, dell'Alessandria, in Serie D, dove ha terminato la propria carriera agonistica al termine della stagione sportiva 2006-2007.

Vanta anche 14 presenze nelle nazionali giovanili, oltre a 28 (con 4 goal) in Serie A.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate 2007 abbandonò l'attività agonistica per intraprendere la carriera di allenatore, ottenendo il patentino da allenatore di base.

Nel 2008 si è seduto sulla panchina della prima squadra del Borgaro Torinese, nel campionato piemontese di Eccellenza, restandoci pochi mesi. Quindi nella stagione 2008-2009 è stato allenatore nel settore giovanile del Canavese.

Dopo essere stato il tecnico degli Allievi Regionali della Juventus, nella stagione 2011-2012 è stato promosso alla guida degli Allievi Nazionali.[3]

Dirigente sportivo[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2017 è responsabile del settore giovanile dell'Achmat Groznyj.[4]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Torino: 1991-1992

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Torino: 1992-1993

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nazionale in cifre - FIGC - Federazione Italiana Giuoco Calcio
  2. ^ a b TOCCATA E FUGA -- Ivano Della Morte, in BLACK WHITE SKIN. URL consultato il 20 marzo 2018.
  3. ^ Programma giovanili 21/09/2012, su juventus.com (archiviato dall'url originale il 12 marzo 2014).
  4. ^ Ivano Della Morte va in Russia:sarà dirigente del Terek Grozny (PDF)[collegamento interrotto], il Canavese, 25 gennaio 2017. URL consultato il 30 gennaio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]