Ivano Della Morte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ivano Della Morte
Nazionalità Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 76 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 2007 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??-1991 Torino
1991-1992 Avellino[1]
1992-1993 Torino
Squadre di club1
1992-1993 Torino 1 (0)
1993-1994 Monza 16 (0)
1994 Lazio 0 (0)
1994-1995 Lecce 20 (1)
1995 Lazio 0 (0)
1995-1996 Avellino 19 (0)
1996-1997 Alessandria 26 (3)
1997-1998 Reggiana 24 (1)
1998-1999 Fidelis Andria 17 (1)
1999-2000 Reggiana 18 (1)
2000-2001 Lucchese 28 (3)
2001-2002 Vicenza 28 (1)
2002-2003 Chievo 24 (4)
2003-2005 Genoa 19 (0)
2005-2006 Cesena 10 (0)
2006 Ascoli 3 (0)
2006-2007 Alessandria 18 (5)
Carriera da allenatore
2008 Bianco e Azzurro.svg Borgaro
2008-2009 Canavese Giovanili
2009-2010 Juventus Esordienti 98
2010-2011 Juventus Allievi reg.
2011- Juventus Allievi Naz.
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 30 gennaio 2017

Ivano Della Morte (Cirié, 13 ottobre 1974) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista, attuale responsabile del settore giovanile del Terek Groznyj.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Per oltre un decennio è stato un giocatore professionista nel ruolo di centrocampista esterno.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Crebbe calcisticamente nel Torino, con il quale debuttò in Serie A appena diciottenne (in Torino-Pescara 3-1 del 28 febbraio 1993); nelle stagione successiva passò al Monza, in Serie B. Risale a questo periodo il suo debutto con la Nazionale Under-21, per la quale scese in campo 2 volte. Retrocesso il Monza, il giovane Della Morte fu ingaggiato dalla Lazio con cui non ebbe mai occasione di scendere in campo: nelle stagioni successive passò al Lecce, con cui segnò il suo primo goal da professionista, poi all'Avellino. Vestì poi le maglie di Alessandria (Serie C1), Reggiana (B e C1) e la Fidelis Andria (Serie B).

Nell'estate 2000 passò alla Lucchese, con cui visse una delle annate più fortunate; ingaggiato dal Vicenza per la stagione 2001-2002, nel 2002-03 fu prestato dalla società biancorossa al ChievoVerona, nella stagione che segnò il suo ritorno in Serie A a dieci dall'esordio. Giocò ancora nel Genoa, nel Cesena e nell'Ascoli, con cui disputò le ultime gare in A prima dell'ingaggio, da svincolato, dell'Alessandria, in Serie D, dove ha terminato la propria carriera agonistica al termine della stagione sportiva 2006-2007.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate 2007 abbandonò l'attività agonistica per intraprendere la carriera di allenatore, ottenendo il patentino da allenatore di base.

Nel 2008 si è seduto sulla panchina della prima squadra del Borgaro Torinese, nel campionato piemontese di Eccellenza, restandoci pochi mesi. Quindi nella stagione 2008-2009 è stato allenatore nel settore giovanile del Canavese.

Dopo essere stato il tecnico degli allievi regionali della Juventus, nella stagione 2011-2012 è stato promosso alla guida degli Allievi Nazionali.[2]

Dirigente sportivo[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2017 è responsabile del settore giovanile del Terek Groznyj.[3]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Torino: 1992-1993

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]