Ivan Catalano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ivan Catalano
Ivan Catalano daticamera.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XVII
Gruppo
parlamentare
- Civici e Innovatori (Dal 27/10/2016-attualmente)

In precedenza:

- Movimento 5 Stelle (Da inizio legislatura al 27/02/2014)

- GRUPPO MISTO (Dal 27/02/2014 al 20/11/2014)

- GRUPPO MISTO - componente: Partito Socialista Italiano (PSI) - Liberali per l'Italia (PLI) (Dal 20/11/2014 al 1°/04/2015)

- Scelta Civica per l'Italia (Dal 1°/04/2015 al 12/02/2016)

- GRUPPO MISTO (Dal 12/02/2016 al 27/10/2016)

Circoscrizione Lombardia 2
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Indipendente (Dal 2015)

In precedenza:

Movimento 5 Stelle (2013-2014)

Partito Liberale Italiano (2014-2015)

Titolo di studio Diploma di istituto tecnico industriale
Professione Impiegato

Ivan Catalano (Legnano, 17 ottobre 1986) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Elezione a deputato[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 è candidato al Consiglio regionale della Lombardia con il Movimento 5 Stelle nel collegio di Varese. Ottiene 273 preferenze, ma il proprio partito, fermo al 3%, non supera la soglia di sbarramento regionale.

L'anno successivo si candida a consigliere comunale di Busto Arsizio sempre col Movimento di Grillo. 68 preferenze non gli consentono però di entrare in Consiglio comunale.

Alle elezioni politiche del 2013 è candidato alla Camera dei Deputati, nella circoscrizione Lombardia 2, nelle liste del Movimento 5 Stelle, venendo eletto deputato della XVII Legislatura.

Il 27 febbraio 2014 abbandona il Movimento 5 Stelle ed il gruppo parlamentare alla Camera, passando così al gruppo misto.[1]

Il 20 novembre 2014 aderisce al Partito Liberale Italiano e, pertanto, alla Camera aderisce contestualmente alla componente del gruppo misto "Partito Socialista Italiano (PSI) - Liberali per l'Italia (PLI)", entrando quindi, da indipendente, in una componente del gruppo misto, la cui maggioranza dei componenti ha dato la fiducia al governo Renzi.

Successivamente, il 1º aprile 2015, abbandona la componente "PSI - PLI" del gruppo misto per aderire al gruppo Scelta Civica per l'Italia; a causa di questo scelta Catalano viene quindi espulso dal Partito Liberale Italiano.[2]

Il 12 febbraio 2016 abbandona il gruppo di Scelta Civica per l'Italia e ritorna tra i non iscritti del gruppo misto, votando in alcuni casi la fiducia al governo Renzi.[3]

Il 27 ottobre 2016 abbandona nuovamente il gruppo misto per aderire, assieme alla deputata ex M5S Mara Mucci, come indipendente al gruppo parlamentare di maggioranza Civici e Innovatori.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Effetto domino nel M5S: via i senatori 'dissidenti" altri lasciano. I fedelissimi: "via i parassiti"
  2. ^ Passaggio a Scelta Civica, Verso una Costituente Liberal-democratica, su ivancatalanodep.blogspot.it.
  3. ^ Ritorno al Gruppo Misto, su ivancatalanodep.blogspot.it.
  4. ^ Camera: ex M5S Catalano e Mucci aderiscono a Civici e Innovatori, su www.ilfoglio.it. URL consultato il 2 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2016).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]