Ittilaf al-Kheir

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Ittilaf al-Kheir
ائتلاف خير
Leader Yusuf Al-Qaradawi
Stato Palestina Palestina
Fondazione precedente al 2002
Ideologia Nazionalismo palestinese,
Islamismo sunnita
Collocazione Gaza
Iscritti sconosciuti

L'organizzazione Ittilaf al-Kheir, detta anche in inglese Union of Good (Unione del Bene), raccoglie una cinquantina di organizzazioni assistenziali islamiche veicolando fondi ad Hamas[1], ed ha iniziato ad operare nella Striscia di Gaza e nella West Bank fino alla sua interdizione da parte di Israele nel 2008[2][3]. Lo United States Treasury (il Ministero del Tesoro statunitense) designa la Union of Good come supportante il terrorismo sotto l'Executive Order 13224 (Ordine esecutivo n. 13224) nel novembre 2008.[4].

Tra le organizzazioni raccolte sotto questa sigla, anche l'IHH, organizzatore della missione Freedom Flotilla per Gaza, protagonista tra l'altro dell'incidente in alto mare del 31 maggio 2010.

Organizzazioni membre[modifica | modifica sorgente]

Un elenco incompleto delle principali organizzazioni che formano l'Unione del Bene:[5]:

Personalità dell'organizzazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Islamic charitable funds / The Union of Good Bollettino informativo speciale dello Intelligence and Terrorism Information Center febbraio 2005
  2. ^ Defense Minister signs order banning Hamas-affiliated charitable organizations 7 luglio 2008
  3. ^ (EN) The Terror Finance Flotilla Il convoglio delle navi ufficialmente in procinto di fornire aiuti alla Striscia di Gaza è stato organizzato da un gruppo appartenente ad una organizzazione ufficialmente designata come terroristica. di Jonathan Schanzer su The Weekly Standard 31 maggio 2010
  4. ^ (EN) HP-1267 Treasury Designates the Union of Good US Treasury, 12 novembre 2008
  5. ^ The Union of Good – Analysis and Mapping of Terror Funds Network Shabak

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]