Italo Florio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Italo Florio
Italo Florio - AS Bari 1972-73.jpg
Florio al Bari nella stagione 1972-1973
Nazionalità Italia Italia
Altezza 168 cm
Peso 65 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1981
Carriera
Squadre di club1
1969-1972 Fiorentina 5 (0)
1972-1976 Bari 117 (20)
1976-1977 Reggiana 15 (3)
1977-1979 Barletta 36 (6)
1979-1981 Matera 46 (7)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Italo Florio (Cosenza, 12 agosto 1953) è un ex calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cresce nella Fiorentina, che lo preleva nel 1969 dal Cariocas Cosenza, e con la quale debutta in Serie A il 30 gennaio 1972 nella partita Napoli-Fiorentina[1]. Con i viola disputa anche una gara nella Coppa Mitropa 1971-1972[1].

Nella stagione successiva passa al Bari, dove disputa due stagioni in Serie B e altrettante in Serie C. Attaccante piuttosto estroso, in Puglia è ricordato anche per un episodio avvenuto durante una partita contro l'Arezzo in cui, dopo l'ennesimo fallo subìto, si fermò e si sedette sul pallone per protesta[2].

Nell'ottobre 1976 passa alla Reggiana e l'anno successivo al Barletta, in Serie C, per poi disputare un altro campionato di Serie B con il Matera nella stagione 1979-1980, e uno in Serie C1 l'anno seguente.

In carriera, oltre alle 5 presenze in Serie A con la maglia della Fiorentina, ha totalizzato 87 presenze e 8 reti in tre stagioni giocate in Serie B con Bari e Matera; con le 6 reti messe a segno coi lucani nella stagione 1979-1980 è tuttora il migliore marcatore materano in seconda serie[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Statistiche su atf-firenze.it, atf-firenze.it. URL consultato il 21 febbraio 2011.
  2. ^ Emozioni e vittorie era la grande Bari, ricerca.repubblica.it. URL consultato il 28 ottobre 2009.
  3. ^ L'intervista della settimana: Italo Florio, materacalciostory.it. URL consultato il 13 giugno 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Almanacco Illustrato del Calcio, ediz. 1980-1981, Modena, Panini.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]