Isurus oxyrinchus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Mako
Kurzflossen-Mako.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Chondrichthyes
Sottoclasse Elasmobranchii
Ordine Lamniformes
Famiglia Lamnidae
Genere Isurus
Specie I. oxyrinchus
Nomenclatura binomiale
Isurus oxyrinchus
(Rafinesque, 1810)
Sinonimi

Carcharias tigris, Isuropsis dekayi, Isuropsis glaucus, Isuropsis mako, Isurus africanus, Isurus bideni, Isurus cepedii, Isurus guentheri, Isurus mako, Isurus spallanzani, Isurus tigris, Isurus tigris africanus, Lamna glauca, Lamna guentheri, Lamna huidobrii, Lamna oxyrhina, Oxyrhina glauca, Oxyrhina gomphodon, Squalus cepedii

Nomi comuni

Squalo mako, Mako pinna corta

Areale

Isurus oxyrinchus distmap.png

Lo smeriglio o mako[2] (Isurus oxyrinchus (Rafinesque, 1810)), conosciuto comunemente come squalo mako o mako pinna corta[3], è un grande squalo appartenente alla famiglia Lamnidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Il suo habitat naturale è costituito dalle acque tropicali e subtropicali. Nel mar Mediterraneo è presente ma non comune[4][5].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il muso idrodinamico dell'Isurus oxyrinchus
Isurus oxyrinchus

Possiede pinna caudale quasi simmetrica, caratteristica tipica della famiglia Lamnidae; pinne pettorali piccole per diminuire l'attrito; pinna dorsale rigida per stabilizzare l'assetto; corpo cilindrico con scanalature per un'andatura filante; naso appuntito per fendere meglio l'acqua; fessure branchiali ampie per trattenere maggiore quantità di ossigeno; sangue caldo per aumentare la potenza e la resistenza.

Imprevedibile negli attacchi, sfrutta la sua accelerazione bruciante per catturare prede veloci come tonni e pesce azzurro.

È una delle poche specie di squalo che, come lo squalo bianco o lo squalo pinna nera del reef, sono in grado di effettuare il breaching, ovvero di saltare fuori dall'acqua, anche ben oltre la lunghezza del proprio corpo: nel caso specifico, il mako può elevarsi, balzando, persino a 6 metri d'altezza dalla superficie.[6]

  • Età della maturità (anni):
    • maschi: 7 -9
    • femmine: 18-21
  • Lunghezza alla maturità (lunghezza totale in cm):
    • maschi: 201
    • femmine: 287
  • Longevità (anni): 29-32
  • Lunghezza massima nota (cm): 296 (maschi); 394 (femmine)
  • Lunghezza alla nascita (cm): 60-70
  • Periodo di gestazione (mesi): 15-18
  • Periodicità riproduttiva: ogni 3 anni circa
  • Trend della popolazione: in diminuzione[7]
  • Arriva a nuotare alla velocità di 70 km/h.
  • È in grado di nuotare per molti chilometri in breve tempo; celebre il caso di un esemplare che ha percorso 2128 km in 37 giorni.[8]

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di pesce azzurro e calamari. Non di rado attacca anche pesci di grosse dimensioni (fra cui il marlin e il pesce spada).

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Lo squalo assassino del film Lo squalo è un Grande squalo bianco, ma nella locandina del film questo stesso squalo presenta una dentatura anomala: infatti, per dare un effetto ancora più terrificante, i denti originali dello squalo bianco sono stati sostituiti con quelli caratteristici del mako, visivamente più impressionanti.
  • Nel film fanta-horror Blu profondo i feroci squali antagonisti sono proprio dei mako resi giganteschi e super-intelligenti grazie alla manipolazione genetica.
  • È uno squalo mako quello di cui parla Ernest Hemingway nel romanzo Il vecchio e il mare e che sbrana il Marlin (Makaira nigricans) catturato dal pescatore.
  • È lo squalo nominato nel brano "Stylo" dei Gorillaz: "when the mako flies (a giant fish), up from the bottom in your eyes".
  • Nel film Alla ricerca di Nemo, Fiocco è uno squalo mako che insieme ad altri due squali fa parte di un'associazione di auto-aiuto per diventare vegetariani e smettere così di mangiare pesce.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Cailliet, G.M., Cavanagh, R.D., Kulka, D.W., Stevens, J.D., Soldo, A., Clo, S., Macias, D., Baum, J., Kohin, S., Duarte, A., Holtzhausen, J.A., Acuña, E., Amorim, A. & Domingo, A., Isurus oxyrinchus, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2017.3, IUCN, 2017.
  2. ^ Mipaaf - Decreto Ministeriale n°19105 del 22 settembre 2017 - Denominazioni in lingua italiana delle specie ittiche di interesse commerciale, su www.politicheagricole.it. URL consultato il 05 maggio 2018.
  3. ^ Antonio Nonnis, Isurus oxyrinchus, su www.squali.com. URL consultato il 05 maggio 2018.
  4. ^ *Tortonese E. Leptocardia, Ciclostomata, Selachii, Calderini, 1956
  5. ^ Pescato un Mako a Tirrenia-Pisa., su iltirreno.gelocal.it, 20 giugno 2017.
  6. ^ (EN) Some advice on battling a trophy mako, Newenglandsharks.com. (archiviato dall'url originale il 23 aprile 2009).
  7. ^ Proposal for inclusion of species on the appendices of the convention on the conservation of migratory species of wild animals (PDF) [collegamento interrotto], su cms.int.
  8. ^ (EN) Shortfin Mako Shark (PDF) [collegamento interrotto], su pretomacr.org. URL consultato il 17 marzo 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci