Istituto di studi orientali dell'Accademia russa delle scienze

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il palazzo Novo-Michailovskij, sulla Lungoneva Dvorcovaja, è la sede dell'Istituto di Manoscritti Orientali dell'Accademia delle Scienze russa (in precedenza branca dell'Istituto di Studi Orientali di San Pietroburgo)

L'Istituto di Studi Orientali dell'Accademia russa delle scienze (in russo: Институт востоковедения Российской Академии Наук?, traslitterato: Institut Vostokovedenija Rossijskoij Akademii Nauk), dell'URSS è, con la consorella istituzione di San Pietroburgo, l'istituzione più avanzata di studi e ricerche nel campo degli studi orientalistici delle culture dell'Asia e nel Nordafrica. L'Istituto è situato a Mosca, e precedentemente a San Pietroburgo, ma nel 2007 la branca di San Pietroburgo è stata riorganizzata come un Istituto separato dell'Istituto di Manoscritti Orientali dell'Accademia delle Scienze russa, dedicato allo studio, conservazione e cura dei manoscritti orientali.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'Istituto traccia la sua storia risalendo al Museo Asiatico creato nel 1818 a San Pietroburgo. Quando fu fondato, il Museo ospitava 2 500 libri e manoscritti in diverse lingue dell'Asia, oltre a più di 20 000 monete, raccolte in un apposito Gabinetto.[1]

Nel 1930, il Museo Asiatico, l'Istituto di cultura del Buddismo e il Gabinetto turcologico furono riuniti in un Istituto di Studi Orientali, sempre a Leningrado (San Pietroburgo).[2] Nel 1950 l'Accademia delle Scienze ha trasferito l'Istituto da Leningrado a Mosca,[3] malgrado una sua parte fosse rimasta a Leningrado. Nel 1980, l'Istituto è stato insignito con l'Ordine della Bandiera rossa del lavoro.[3]

Nel 2008, più di 500 studenti operavano nell'Istituto, per il progresso delle conoscenze praticamente in tutte le diverse specialità degli studi orientalistici.[3]

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

L'Istituto attualmente include dipartimenti di ricerca quali:[4]

  • Dipartimento su Israele
  • Dipartimento di Storia dell'Oriente
  • Dipartimento di Storia della cultura dell'Oriente Antico
  • Dipartimento sulla Cina
  • Dipartimento dei problemi delle relazioni internazionali
  • Dipartimento sulla Corea e la Mongolia
  • Dipartimento di Letterature dell'Asia
  • Dipartimento di epigrafia dei monumenti orientali
  • Dipartimento di studi teorici comparativi
  • Dipartimento di Studi comparativi sulle culture
  • Dipartimento sul Vicino e Medio Oriente
  • Dipartimento dei Paesi del CIS
  • Dipartimento di studi sul Sudest asiatico
  • Dipartimento di ricerche economiche
  • Dipartimento di ricerche sull'Pacifico meridionale
  • Dipartimento di Lingue dell'Asia
  • Centro di Studi arabi e Islamici
  • Centro di Studi dell'India
  • Centro di Studi sul Giappone

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (RU) История (Istorija), Istituto di Studi Orientali. URL consultato il 7 febbraio 2009.
  2. ^ (RU) 190 лет ИВ РАН. 19 декабря Институт востоковедения отмечает свое 190-летие (Il 19 dicembre l'Istituto di Studi Orientali ha celebrato il suo 190º anniversario), Istituto di Studi Orientali, 16 dicembre 2008. URL consultato il 7 febbraio 2009.
  3. ^ a b c Ibidem.
  4. ^ (RU) Структура (Struktura), Istituto di Studi Orientali. URL consultato il 7 febbraio 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]