Isotelus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Isotelus
Isotelus brachycephalus.JPG
Isotelus brachycephalus
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Arthropoda
Classe Trilobita
Ordine Asaphida
Famiglia Asaphidae
Genere Isotelus
Isotelus hypostome.

L’isotelo (gen. Isotelus) è un grosso artropode estinto, appartenente ai trilobiti. Visse nell'Ordoviciano superiore (circa 420 milioni di anni fa), e i suoi resti sono stati ritrovati in gran parte del Nordamerica (Stati Uniti nordorientali, Manitoba, Quebec e Ontario). Tra gli appartenenti a questo genere vi sono i più grandi trilobiti finora rinvenuti.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il corpo di questo trilobite era insolitamente massiccio: il cephalon aveva forma subtriangolare e priva di strutture degne di nota, così come il pigidio. Le due estremità, a tutti gli effetti, erano molto simili l'una all'altra (il nome Isotelus deriva dal greco e significa appunto “termine uguale”). Il torace era costituito da pochi segmenti, le cui pleure erano prive di spine genali.

Trilobiti giganti[modifica | modifica wikitesto]

Tra le varie specie di isotelo la più notevole è Isotelus rex, un vero gigante fra i trilobiti. Un fossile completo di questa specie, proveniente dal Manitoba, è stato descritto nel 2003 e raggiunge dimensioni considerevoli: lungo 72 centimetri, largo 40 e alto 7, questo robusto animale è il più grande trilobite finora rinvenuto.

I sedimenti della formazione in cui è stato rinvenuto il fossile si depositarono in acque equatoriali; questo fatto determinerebbe l'esempio di un gigantismo a bassa latitudine, in netto contrasto con il diffuso fenomeno di “gigantismo polare” tipico di molti artropodi odierni. Tra le altre specie di Isotelus, da ricordare I. maximus e I. brachycephalus.

Stile di vita[modifica | modifica wikitesto]

Con tutta probabilità Isotelus era un lento animale di fondale, che predava organismi sessili di dimensioni inferiori; è possibile inoltre che fosse un animale saprofago o che si nutrisse di resti presenti nel sedimento. La robusta corazza costituiva di per sé una buona protezione contro i predatori più grandi.

Estinzione[modifica | modifica wikitesto]

L'estinzione di questi trilobiti giganti alla fine dell'Ordoviciano non può essere messa in relazione con l'aumento di taglia; più probabilmente, la scomparsa degli isotelini fu una conseguenza dell'incapacità di adattamento delle larve di questi animali, che conducevano uno stile di vita pelagico e non riuscirono a sopravvivere in un clima fattosi improvvisamente più freddo con la perdita dell'habitat tropicale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rudkin, David M. et al., 2003. The World's biggest trilobite - Isotelus rex new species from the Upper Ordovician of Northern Manitoba, Canada. Journal of Paleontology, volume 77, issue 1, pages 99-112.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]