Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Isole Kerkenna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
isole Kerkenna
جزر قرقنة
isole Cercara
Kerkennah Islands NASA.jpg
Le isole Kerkenna viste dallo spazio
Geografia fisica
Localizzazione Golfo di Gabès
Coordinate 34°39′29″N 11°04′07″E / 34.658056°N 11.068611°E34.658056; 11.068611Coordinate: 34°39′29″N 11°04′07″E / 34.658056°N 11.068611°E34.658056; 11.068611
Superficie 160 km²
Numero isole 6
Isole principali Chergui e Gharbi
Altitudine massima 13 m s.l.m.
Geografia politica
Stato Tunisia Tunisia
Governatorato Sfax
Delegazione Kerkenna
Centro principale Remla
Demografia
Abitanti 14 400 (2006)
Densità 90 ab./km²
Cartografia
Golfe gabes carte.jpg
Mappa di localizzazione: Tunisia
isole Kerkenna
isole Kerkenna

[senza fonte]

voci di isole della Tunisia presenti su Wikipedia

Le isole Kerkenna (in arabo: جزر قرقنة‎, Juzur Qarqana; in italiano Cercara o Cercina) sono un arcipelago situato al largo di Sfax, sulla costa orientale della Tunisia, nel Golfo di Gabès.

Un marabout - dall'arabo murābiṭ, che indica la tomba di un santo sufi vissuto in un eremo (ribāṭ) - a Kerkenna

Le isole sono pianeggianti e la loro altitudine non supera mai i 12 m sopra il livello del mare. L'unica strada asfaltata, che attraversa l'arcipelago tra Sidi Youssef (all'estremità occidentale) ed El Attaya (all'estremità orientale), è lunga 35 chilometri.

Le due isole principali sono Chergui (110 km²) e Gharbi (69 km²).

La città principale delle isole è Remla (su Chergui), la cui popolazione è di circa 200 persone. La popolazione delle isole è calata drasticamente dopo il 1980, a causa della siccità; moltissime persone, impossibilitate a irrigare i campi od a bere per la mancanza di acqua potabile, furono costrette all'emigrazione, diretta in particolar modo verso la vicina Sfax. In estate la popolazione delle isole decuplica, per il ritorno stagionale degli emigranti dalla Tunisia continentale (soprattutto Sfax e Tunisi), ma anche dall'estero (Francia o Italia): allora l'arcipelago conta più di 150.000 abitanti [1].

Inizialmente abitate da popolazioni libico-berbere, sulle isole fu costruito un porto dai romani, che fungesse da centro di smistamento del commercio e da punto di controllo. Con la caduta dell'Impero romano d'Occidente, le isole tornarono ai nativi, rimanendo estranee alle vicende che si susseguivano sul continente, fino ai giorni nostri.

Il clima è secco e temperato, con forti venti periodici dovuti alla posizione delle isole nel Golfo di Gabès, che le espone ai venti, detti gharbi (occidentali) provenienti per l'appunto dal Sahara.
Il terreno è secco ed in stato di desertificazione.

La vegetazione è prevalentemente costituita da xerofite, sono presenti addirittura esempi di alofite.
Non essendoci presupposti per aprire industrie o coltivazioni, gli abitanti delle isole vivono del proprio bestiame (capre e pollame) o della pesca (in particolare quella del polpo), il cui prodotto viene per la massima parte esportato.

Il turismo internazionale non ha toccato le isole, tuttavia esse sono meta delle vacanze di molti tunisini, che qui spesso costruiscono una seconda casa. Gli abitanti delle isole non hanno una visione positiva della costruzione di strade asfaltate a Kerkenna; oltre alla via che collega le città principali, le altre strade sono solo sterrate.

Su una delle isole è stata registrata la miniserie televisiva L'ombra del destino con Romina Mondello, Adriano Giannini e Marco Leonardi.

Il sito è classificato come zona umida di importanza internazionale dalla Convenzione di Ramsar.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fonte: Abdesslem Ben Hamida, Migrations et modernité dans les îles Kerkennah, in Cahiers de la Méditerranée
  2. ^ (FREN) The List of Wetlands of International Importance / La Liste des zones humides d’importance internationale (Convention de Ramsar) (PDF), Gland, Switzerland, The Secretariat of the Convention on Wetlands (Ramsar, Iran), 2 febbraio 2017, p. 42.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]