Isole Chincha

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Isole Chincha
Islas Chincha
Chincha guano islands.JPG
Navi nei pressi delle isole Chincha, foto scattata il 21 febbraio 1863.
Geografia fisica
LocalizzazioneOceano Pacifico
Coordinate13°38′00″S 76°23′00″W / 13.633333°S 76.383333°W-13.633333; -76.383333Coordinate: 13°38′00″S 76°23′00″W / 13.633333°S 76.383333°W-13.633333; -76.383333
Geografia politica
StatoPerù Perù
RegioneIca
Fuso orarioUTC-5
Cartografia
Mappa di localizzazione: Perù
Isole Chincha
Isole Chincha
voci di isole del Perù presenti su Wikipedia

Le isole Chincha (in spagnolo Islas Chincha) sono un gruppo di isole situate nell'Oceano Pacifico, al largo della città di Pisco, in Perù. Nel corso del XIX secolo assunsero una notevole rilevanza economica in funzione degli ingenti depositi di guano presenti in esse, sfruttati per anni in modo intensivo.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Le isole Chincha sono tre piccole isole situate a 21 km dalla costa sud-occidentale del Perù, Paese al quale appartengono amministrativamente, al largo della città di Pisco e a 170 km dal porto del Callao. La più grande di esse, chiamata Isola del Norte (in italiano “Isola del Nord”), misura poco più di un chilometro in lunghezza e poco meno di 500 m in larghezza. Geologicamente le isole sono composte da roccia granitica e presentano pareti a picco sul mare, strutturate in numerose grotte e cavità, che forniscono riparo a numerose specie di uccelli marini; il punto più elevato raggiunge un'altezza di 34 m.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le riserve di guano presenti sull'isola sono state probabilmente sfruttate a partire dal periodo compreso tra il I e il V secolo dai Mochica; esistono evidenze archeologiche del fatto che anche gli Inca estrassero tale materia dalla più settentrionale delle isole per fertilizzare i campi dell'impero. Con la conquista spagnola le attività agricole furono in seguito penalizzate a vantaggio dello sfruttamento delle risorse minerarie; l'attività estrattiva di guano si ridusse notevolmente nei secoli XVII e XVIII.

Il primo carico di guano esportato dal Perù giunse in Gran Bretagna nel 1841; nel giro di pochi anni l'esportazione di questo fertilizzante divenne la principale attività economica peruviana per almeno trent'anni.[2]

Il 14 aprile 1864 una flottiglia spagnola al comando dell'ammiraglio Luis Hernández-Pinzón Álvarez occupò le isole come ipoteca per il pagamento di crediti che la Spagna esigeva dal governo peruviano, alla vigilia della guerra ispano-sudamericana. Le isole furono restituite nel febbraio dell'anno successivo in seguito a un accordo tra i due Paesi, che tuttavia provocò sollevazioni e proteste in Perù, innescando una serie di avvenimenti che portarono ad un colpo di stato e alla deposizione del presidente Juan Antonio Pezet.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Chincha Islands, 1911 Encyclopædia Britannica. URL consultato il 10 febbraio 2016.
  2. ^ Hollett, pp. 79-82
  3. ^ Novak Talavera, pp. 41-47

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Dave Hollett, More Precious Than Gold: The Story of the Peruvian Guano Trade, Associated University Presse, 2008, ISBN 9780838641316.
  • (ES) Fabián Novak Talavera, Las relaciones entre el Perú y España (1821-2000), Fondo Editorial PUCP, 2001, ISBN 978-9972-42-441-0.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN315528705 · LCCN (ENn85097282
Isole Portale Isole: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Isole